Approfondimenti

Gli Arcade Fire tornano con WE: sono i nostri artisti della settimana

Arcade Fire WE

Arcade Fire – WE: è sicuramente il disco di cui si sta parlando di più in questi giorni, e sarebbe stato strano il contrario. Infatti i canadesi Arcade Fire (sito ufficiale) si sono affermati, sin dal loro album d’esordio Funeral (del 2004), come uno dei gruppi più interessanti, forti, incisivi della loro generazione. Diventando, in breve tempo, una band di rilevanza globale.

Album dopo album, soprattutto con Reflektor e Everything now (rispettivamente il quarto e il quinto disco), il suono e la scrittura degli Arcade Fire ha subito un’evoluzione piuttosto marcata: beat electro, groove, aperture pop si sono aggiunte all’indie rock e folk – sempre e comunque capace di straordinarie accelerazioni melodiche, va detto – delle origini. Creando anche qualche imbarazzo tra i fan della prima ora.

Ma succede a qualsiasi artista che, partito dal mondo indie, finisce primo in classifica. I fucili (della critica) puntati fanno parte del gioco.

WE è un album che, almeno per certi versi, dovrebbe assecondare il desiderio di molti di ritrovare “quegli Arcade Fire”, quelli di The Suburbs in particolare.

Ma sarebbe molto riduttivo fermarsi qui. WE infatti è un album che ha molti livelli di lettura, uno dei quali ha sicuramente a che fare con la pandemia. Nonostante alcune canzoni, che sembrano essere scritte apposta per raccontare il periodo che abbiamo attraversato (e ancora attraversiamo), siano invece state scritte prima (Age of anxiety su tutte), la genesi dell’album è stata fortemente influenzata dallo scoppio della crisi pandemica. E le canzoni di conseguenza.

Come viene testimoniato poi dalla scelta di proporre diverse canzoni come capitoli di un unico componimento, il desiderio di far diventare questo disco un racconto omogeneo è molto evidente. Che gli Arcade Fire volessero affrontare temi di grande rilevanza sociale si coglie poi dal fatto che il titolo scelto per l’album sia una diretta citazione di un romanzo (con il medesimo titolo) dello scrittore russo Evgenij Zamjatin, scritto tra il 1919 e il 1921, che parla di totalitarismo e sorveglianza di massa. Ma non è l’unica citazione letteraria: i primi due brani della scaletta si ispirano invece a una poesia di Ferlinghetti (I am waiting).

Soprattutto, in un disco idealmente diviso in due “atti”, troviamo nella prima parte la descrizione di un’America sconsolata, sperduta, disgregata (quasi come il fratello figlio unico di Gaetano…). Nella seconda, invece, emerge un’improvvisa voglia di speranza, di ripresa, di riscoperta di un orizzonte collettivo (il WE del titolo). E la stessa cosa succede alla musica.

Gli Arcade Fire, come dicevamo all’inizio, sono maestri delle aperture melodiche, improvvise e travolgenti. E in brani come Unconditional I (Lookout Kid) o nella successiva Unconditional II (Race and Religion), in cui si apprezza anche un cameo di Peter Gabriel, usano questa loro forza per dare consistenza materica al messaggio che vogliono farci arrivare. E di cui forse molti di noi sentivano il bisogno.

Gli Arcade Fire saranno i nostri artisti della settimana e compariranno così spesso nelle nostre scelte musicali dei prossimi sette giorni. Domenica 15 maggio, dalle 18.30 alle 19, come d’abitudine, dedicheremo loro uno speciale per raccontare ancora meglio questo nuovo album.

Intanto, qui sotto, il video del loro singolo Unconditional I (Lookout Kid).

LEGGI ANCHE:
Francesco Di Bella è il nostro artista della settimana, con il suo nuovo album Play With Me
Father John Misty è l’artista della settimana di Radio Popolare, con il suo disco più retrò
Kae Tempest con The Line Is a Curve è l’artista della settimana di Radio Popolare
Chi è M Ross Perkins, il nuovo artista della settimana di Radio Popolare
Aldous Harding torna con “Warm Chris”, il nuovo album della nostra artista della settimana
Rosalía: Motomami è il nuovo album della nostra artista della settimana
Judi Jackson esordisce con l’album Grace: è l’artista della settimana
Stromae con “Multitude” è l’artista della settimana
Il pianista e produttore Robert Glasper è l’artista della settimana: scopriamo il suo Black Radio III
È uscito il nuovo album dei Big Thief, i nostri artisti della settimana
Alla scoperta dei Combo Chimbita, artisti della settimana di Radio Popolare
Anaïs Mitchell è l’artista della settimana di Radio Popolare: il suo nuovo disco
Gli Yard Act esordiscono con The Overload: sono i nostri artisti della settimana
Cat Power, con il suo disco Covers, è l’artista della settimana di Radio Popolare
Elvis Costello venerdì pubblica il nuovo disco The Boy Named If: è il primo artista della settimana del 2022
Neil Young: Barn è il suo nuovo album, Radio Popolare lo sceglie come artista della settimana
Cristina Donà con deSidera è l’artista della settimana di Radio Popolare
Marracash con “Noi, loro, gli altri” è l’artista della settimana
Joan As Police Woman è l’artista della settimana di Radio Popolare, con il suo disco con Tony Allen e Dave Okumu
I The War On Drugs escono con un nuovo album: sono gli artisti della settimana
A 100 anni dalla sua nascita, Georges Brassens è l’artista della settimana di Radio Popolare
Jason Isbell pubblica un disco dedicato alla Georgia: è il nostro artista della settimana
Adia Victoria, con il suo nuovo disco “A southern gothic”, è la nostra artista della settimana
Little Steven domenica sera sarà ospite di Radiopop per presentare il suo libro “Memoir”: è l’artista della settimana
Carmen Consoli, con “Volevo fare la rockstar”, è la nostra artista della settimana
Lady Blackbird: l’artista della settimana di Radio Popolare e la sua grande voce jazz

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 23/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 23/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 23/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 23/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 23/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 23/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 23/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 23/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 23/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 23/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 23/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 23/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 23/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 23/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 23/05/2022

Adesso in diretta