Approfondimenti

Adia Victoria, con il suo nuovo disco “A southern gothic”, è la nostra artista della settimana

adia victoria

Adia Victoria (sito ufficiale) è una ragazza afroamericana, nata in South Carolina e da diversi anni residente a Nashville, Tennessee. Nel cuore del cosiddetto South degli Stati Uniti, i luoghi dove è storicamente più difficile essere neri: dai tempi della schiavitù, passando per la guerra civile, fino ai giorni nostri.

Nella sua musica questa parte di storia, di vita, di fatica e di sofferenza, di ribellione e di rabbia, è sempre stata presente. Nel suo terzo disco però, uscito da poche settimane con il titolo “A southern gothic”, queste istanze hanno trovato la maturità espressiva e suonano più forti che mai. Pur essendo, spesso, meno esplicite e urlate di quanto non succedesse nei suoi due dischi precedenti.

«Volevo che i miei racconti, provenienti da una giovane ragazza nera, potessero essere altrettanto emblematici di un’esperienza nel South di quanto lo furono gli scritti di Faulkner», ha dichiarato la stessa Adia Victoria, parlando dell’intenzione con cui ha scritto i pezzi del suo nuovo album e mettendosi da sola di fronte a un paragone francamente impegnativo.

Ma non è il nostro compito chiederci se effettivamente le canzoni di Adia Victoria reggano il confronto con “L’urlo e il furore” del grande scrittore americano: è molto più utile invece concentrarci su quello che c’è effettivamente dentro “A southern gothic”.

adia victoria a southern gothicIl titolo, che evidentemente si riferisce a uno dei quadri più famosi nella cultura americana, “American Gothic” di Grant Wood, riporta immediatamente l’idea di voler rappresentare una parte di storia, profondamente radicata nel Sud americano; così come è una diretta citazione dello stile letterario chiamato esattamente “southern gothic”, a cui il già citato Faulkner è stato spesso accostato, insieme ad altri autori come Flannery O’Connor.

E’ un disco che ha a che fare con le radici, soprattutto. Con il blues. Da sempre è l’arma prediletta di Adia Victoria, che però negli anni precedenti ha quasi cercato di farci a botte, cercando di renderlo contemporaneo, di farlo proprio. In questo nuovo album sembra invece averci fatto pace e, smettendo di volerlo trasfigurare, è riuscita definitivamente a domarlo.

Il risultato è straordinario. Forse non solare, ma meno ostico dei suoi lavori precedenti. Parole e musica, cantato e arrangiamenti, trovano un’armonia perfetta, canzone dopo canzone. Ogni cosa che Adia Victoria ci racconta, ci trasporta nei luoghi dove è cresciuta, con una scrittura sicuramente molto legata alla letteratura americana: sono per lo più canzoni/racconti, che fotografano con poche, vivide, parole personaggi e situazioni.

A produrre il disco ci ha pensato un esperto artefice dei suoni di molti dischi che hanno saputo catturare l’essenza del folk americano, come T Bone Burnett. Tra gli ospiti, troviamo straordinari interpreti come Jason Isbell o Matt Berninger. E’ davvero un album a cui non manca nulla.

E’ un piacere potervela proporre, in questi sette giorni, come nostra artista della settimana. Come sempre la ascolterete nelle nostre trasmissioni, e domenica 17 ottobre, dalle 18.30 alle 19, dedicheremo uno speciale a lei e a “A southern gothic”, per esplorare le storie che il disco contiene. Qui sotto, il video della prima canzone che è stata sveltata per presentare l’album, una canzone che racconta dell’albero di magnolia sotto cui Adia Victoria, da bambina, ha passato molte delle sue ore.

LEGGI ANCHE:
Little Simz è la prima artista della settimana della stagione
Lady Blackbird: l’artista della settimana di Radio Popolare e la sua grande voce jazz
Carmen Consoli, con “Volevo fare la rockstar”, è la nostra artista della settimana
Little Steven domenica sera sarà ospite di Radiopop per presentare il suo libro “Memoir”: è l’artista della settimana

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 22/02/2024

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 22-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 22/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 22-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 22/02/2024

    TERZO MANDATO PER I PRESIDENTI DI REGIONE, LA MAGGIORANZA SI SPACCA con Daniela Preziosi giornalista di Domani - INCHIESTA SUI LAVORI PER IL PONTE DI MESSINA parla Angelo Bonelli portavoce dei Verdi, che ha presentato l’esposto in Procura - GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Chiara Cruciati responsabile esteri del manifesto, Andrea Iacomini portavoce italiano Unicef e Eric Salerno giornalista e scrittore - LA GUERRA ALLE ONG DEL MARE, UN BILANCIO UN ANNO DOPO CUTRO un'inchiesta di Altreconomia raccontata dal direttore Duccio Facchini. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 22-02-2024

  • PlayStop

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 22-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 22/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-02-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 22/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-02-2024

  • PlayStop

    0091 - Puntata 31 - 22/02/2024

    Puntata dedicata al nordest dell’India. Tracklist: Ya Ali - Zubeen Garg; Dumplings for the sad - Temsu Clover; Taothaminari Singnang Oina Khutsamnaduna - Noong-Paan; Heirangkhoi - Siyom; Evil Favours - Lo! Peninsula; Luv U Ma - Jelo; Set Me Free - Soulmate; Reasons - Reble x Dappest x Manly x Plato, Prod. by D'Mon; No Doma Lo - Taba Chake; Teisa Uphilwi - Koloma

    0091 - 21-02-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 21/02/2024

    Jazz Ahead 239 1. Sixty Four Seasons, C'mon Tigre, Habitat, Intersuoni, 2023 2. Carry Me, Muito Kaballa, Like a River, Batov Records, 2023 3. Arie di Pioggia, Evita Polidoro, Nerovivo, Tuk Records, 2024 4. Razzle-Dazzle, Rosa Brunello, Razzle Dazzle, Domanda Records, 2024 5. Respiro, McCorman, A Page Is Turned | A Mountain Collapses | A Guy Leaves, Kohlhaas, 2023 6. Celestial Coordinates, Tommaso Cappellato, Expolare, Explorare, 2023 7. J. Alfred, Doortri, PFAS OFF, Zoar Records, 2023 8. Morire con la sabbia tra le dita, Matteo Paggi WORDS, WORDS, Aut Records, 2024 9. Ephemeral, LKSA, Ephemeral, Record Y, 2024 10. Swerve, James Brandon Lewis Quartet, Swerve, Intakt Recrods, 2024

    Jazz Ahead - 21-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 21/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-02-2024

  • PlayStop

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene 6 - 21/02/2024

    Ospite: Lepre La scaletta: Lepre - Secondo me Daniela Pes - Carme Amalfitano - Fosforo (feat.Francesco Bianconi) Lepre - Bolletta Calcutta - Tutti Francesco Bianconi & Clio - Ciao Lepre - Acufene

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene - 21-02-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 21/02/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 21-02-2024

Adesso in diretta