Approfondimenti

Adia Victoria, con il suo nuovo disco “A southern gothic”, è la nostra artista della settimana

adia victoria

Adia Victoria (sito ufficiale) è una ragazza afroamericana, nata in South Carolina e da diversi anni residente a Nashville, Tennessee. Nel cuore del cosiddetto South degli Stati Uniti, i luoghi dove è storicamente più difficile essere neri: dai tempi della schiavitù, passando per la guerra civile, fino ai giorni nostri.

Nella sua musica questa parte di storia, di vita, di fatica e di sofferenza, di ribellione e di rabbia, è sempre stata presente. Nel suo terzo disco però, uscito da poche settimane con il titolo “A southern gothic”, queste istanze hanno trovato la maturità espressiva e suonano più forti che mai. Pur essendo, spesso, meno esplicite e urlate di quanto non succedesse nei suoi due dischi precedenti.

«Volevo che i miei racconti, provenienti da una giovane ragazza nera, potessero essere altrettanto emblematici di un’esperienza nel South di quanto lo furono gli scritti di Faulkner», ha dichiarato la stessa Adia Victoria, parlando dell’intenzione con cui ha scritto i pezzi del suo nuovo album e mettendosi da sola di fronte a un paragone francamente impegnativo.

Ma non è il nostro compito chiederci se effettivamente le canzoni di Adia Victoria reggano il confronto con “L’urlo e il furore” del grande scrittore americano: è molto più utile invece concentrarci su quello che c’è effettivamente dentro “A southern gothic”.

adia victoria a southern gothicIl titolo, che evidentemente si riferisce a uno dei quadri più famosi nella cultura americana, “American Gothic” di Grant Wood, riporta immediatamente l’idea di voler rappresentare una parte di storia, profondamente radicata nel Sud americano; così come è una diretta citazione dello stile letterario chiamato esattamente “southern gothic”, a cui il già citato Faulkner è stato spesso accostato, insieme ad altri autori come Flannery O’Connor.

E’ un disco che ha a che fare con le radici, soprattutto. Con il blues. Da sempre è l’arma prediletta di Adia Victoria, che però negli anni precedenti ha quasi cercato di farci a botte, cercando di renderlo contemporaneo, di farlo proprio. In questo nuovo album sembra invece averci fatto pace e, smettendo di volerlo trasfigurare, è riuscita definitivamente a domarlo.

Il risultato è straordinario. Forse non solare, ma meno ostico dei suoi lavori precedenti. Parole e musica, cantato e arrangiamenti, trovano un’armonia perfetta, canzone dopo canzone. Ogni cosa che Adia Victoria ci racconta, ci trasporta nei luoghi dove è cresciuta, con una scrittura sicuramente molto legata alla letteratura americana: sono per lo più canzoni/racconti, che fotografano con poche, vivide, parole personaggi e situazioni.

A produrre il disco ci ha pensato un esperto artefice dei suoni di molti dischi che hanno saputo catturare l’essenza del folk americano, come T Bone Burnett. Tra gli ospiti, troviamo straordinari interpreti come Jason Isbell o Matt Berninger. E’ davvero un album a cui non manca nulla.

E’ un piacere potervela proporre, in questi sette giorni, come nostra artista della settimana. Come sempre la ascolterete nelle nostre trasmissioni, e domenica 17 ottobre, dalle 18.30 alle 19, dedicheremo uno speciale a lei e a “A southern gothic”, per esplorare le storie che il disco contiene. Qui sotto, il video della prima canzone che è stata sveltata per presentare l’album, una canzone che racconta dell’albero di magnolia sotto cui Adia Victoria, da bambina, ha passato molte delle sue ore.

LEGGI ANCHE:
Little Simz è la prima artista della settimana della stagione
Lady Blackbird: l’artista della settimana di Radio Popolare e la sua grande voce jazz
Carmen Consoli, con “Volevo fare la rockstar”, è la nostra artista della settimana
Little Steven domenica sera sarà ospite di Radiopop per presentare il suo libro “Memoir”: è l’artista della settimana

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 09:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 23/07/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 22-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 22/07/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 22-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 22/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 22/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 22-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 22/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 22-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 22/07/2024

    Quando gli emisferi di Al1 si alternano e quindi la puntata diventa metà serietà e metà faceta. Ci facciamo accompagnare dalle cover da ricopioni mentre parliamo di vacanze, medicine e il grande ritorno del fai da te che divide gli ascoltatori in team acido citrico ed od aceto.

    Poveri ma belli - 22-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di lunedì 22/07/2024

    Ospite della puntata di oggi Emanuela Borzacchiello, ricercatrice in studi di genere e femminismo presso la UAM di Città del Messico. A partire dalle sue ricerche accademiche e sul campo a Ciudad Juárez abbiamo discusso dell'origine del termine femminicidio, della relazione fra violenza di genere e contesto economico e sociale e della forza dei movimenti femministi e transfemministi latino americani. PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 22-07-2024

Adesso in diretta