Approfondimenti

Bruce Springsteen è l’artista della settimana di Radio Pop, con il disco soul Only the strong survive

Bruce Springsteen - Only the strong survive

Bruce Springsteen – Only the strong survive: in questa occasione, diversamente da come spesso ci capita, non servirà dedicare dello spazio a raccontare la biografia del nostro artista della settimana: non ce n’è bisogno. Si chiama Bruce Springsteen (sito ufficiale) ed è uno dei protagonisti più celebrati della storia della musica.

Springsteen, come molti di voi già sapranno, prosegue la sua ormai cinquantennale carriera con un album di cover appena uscito, intitolato appunto Only the strong survive, interamente basato sul repertorio del soul americano.

“Volevo fare un disco in cui poter pensare solo a cantare”, aveva spiegato il Boss raccontando le origini di questo progetto. Va detto che, fin dal primo ascolto, questo obiettivo sembra ampiamente e limpidamente riuscito: la voce di Bruce Springsteen, incurante dei 73 anni dichiarati all’anagrafe, splende in ogni traccia e scalda ogni canzone.

C’è leggerezza, c’è gioia, ci sono calore e potenza, più che intensità emotiva e pathos, nelle interpretazioni di Only the strong survive. Aveva voglia di divertirsi Springsteen, sembra esserci riuscito alla grande, e di conseguenza ci si diverte parecchio anche ad ascoltarlo, è un album che scorre con grazia dalla prima canzone all’ultima.

Bruce Springsteen - Only the strong surviveLa scelta dei brani è in buona parte coerente con questo spirito. Il repertorio elude i classicissimi del genere e ripesca invece brani non particolarmente celebrati. Se infatti due dei singoli che hanno anticipato l’uscita – “Nightshift” dei Commodores e “Don’t play that song” portata al successo da Ben E. King e in seguito da Aretha Franklin – potevano essere brani un po’ più conosciuti, buona parte della scaletta propone canzoni che in molti ascolteranno per la prima volta. I brani inoltre non arrivano tutti, come forse si poteva immaginare, da quella che si considera la golden age del soul, quindi gli anni ’60 e ’70, ma sono diversi i brani più recenti (tra cui anche la stessa “Nightshift”).

È un disco perfetto? No, per chi scrive evidentemente no. In una recensione pubblicata dall’edizione USA di Rolling Stone, Jonathan Bernstein sottolineava, credo molto giustamente, un rammarico: che per un progetto come questo, Springsteen abbia scelto di affidarsi, sostanzialmente, a se stesso e al produttore Ron Aniello. Gli strumenti che ascoltiamo nel disco (fiati e archi a parte) sono stati in buona parte registrati dallo stesso Aniello, per un album nato non da session calde e affollate, ma da un più asettico lavoro di studio. Il risultato finale porta con sé un po’ di questa scelta.

Difficile non pensare, ascoltando con spirito critico Only the strong survive, al lavoro fatto per l’album del 2006 We Shall Overcome: The Seeger Sessions, un disco fondamentale per la carriera di Springsteen, che gli fece ritrovare una meritata centralità nella scena musicale americana. Un disco che ha più di un elemento in comune con quest’ultima uscita, per come vedeva Springsteen cimentarsi nella rilettura di un repertorio cruciale per la cultura popolare americana, nonché fondamentale per la sua identità musicale.

Uno dei principali punti di forza di quel disco risiedeva nella creazione di un gruppo di musicisti che, affiancandosi a Springsteen, ne aveva arricchito le intenzioni e le possibilità, portando sensibilità diverse, colori, calore. E una pasta sonora concreta, materica, che si adattava tanto a brani lenti e scuri, quanto a pezzi di grande energia e con arrangiamenti molto ricchi.

In questo caso, invece, troviamo arrangiamenti in generale piuttosto fedeli agli originali, con equilibri che si ripetono sovente, ma soprattutto un unico, grande, protagonista. Bruce: sempre nell’occhio del riflettore, sempre impegnato a luccicare, a riempire la scena con la propria voce e il proprio carisma. Il risultato è, crediamo anche per questo, un po’ mono-dimensionale. Manca soprattutto una dinamica, che accompagni l’ascoltatore tra diverse atmosfere e differenti stati d’animo, suscitando così una varietà di emozioni.

Rilievi critici che vengono da un profondo appassionato dell’arte di Springsteen e che non mettono in discussione il valore complessivo di questo disco, Only the strong survive, che ascolteremo con grande piacere per i prossimi sette giorni, e a cui dedicheremo uno speciale domenica 20 novembre, in onda dalle 18.30 alle 19. Qui sotto, il video di una delle nostre canzoni preferite del disco: “I wish it would rain”, un singolo dei Temptations del 1967.

LEGGI ANCHE:
La cantautrice messicana Natalia Lafourcade è l’artista della settimana di Radio Popolare
Jean Dawson, con il suo secondo album CHAOS NOW*, è l’artista della settimana di Radio Popolare
Gli Ardecore cantano la Roma del Belli: sono i nostri artisti della settimana
Tamino, cantautore belga-egiziano, è l’artista della settimana di Radio Pop
Manuel Agnelli presenta il suo disco solista: è l’artista della settimana di Radio Popolare
I Verdena tornano con Volevo Magia: sono i nostri artisti della settimana
La violinista e cantante Sudan Archives è l’artista della settimana di Radio Popolare
Laufey con il suo primo album è la prima artista della settimana della stagione 2022-2023

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 26/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 25/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 25/11/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 25/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 26/11/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 25/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/11/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 25/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 25/11/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 26/11/2022

Adesso in diretta