Approfondimenti

Manuel Agnelli presenta il suo disco solista: è l’artista della settimana di Radio Popolare

manuel agnelli ama il prossimo tuo come te stesso

Manuel Agnelli – Ama il prossimo tuo come te stesso: a 56 anni, il fondatore e leader degli Afterhours si è preso la libertà di esordire una seconda volta. Scegliendo di pubblicare il suo primo disco da solista. «E non sarà certamente l’ultimo!», ha detto alla stampa presentando l’album.

Ai nostri microfoni, invece, in un’intervista di Niccolò Vecchia che potrete ascoltare per intero martedì 4 ottobre a Jack, condotta da Matteo Villaci, Manuel Angelli (profilo ufficiale Instagram) ha raccontato così la genesi dell’album, collegandola direttamente all’esplosione della pandemia e al conseguente lockdown: «Obbligandoci all’isolamento, il lockdown all’inizio è stata una limitazione, un’imposizione. Non potevo incontrarmi con altri musicisti, per cui ho cominciato a suonare tutto per conto mio, avendo inoltre un tempo infinito a disposizione: senza dover programmare, senza scadenze. Questa è stata la chiave di volta, perché ho potuto lavorare sulle canzoni in modo non progettuale, divertendomi peraltro moltissimo, come quando ero un ragazzo e scrivevo e suonavo per il gusto di farlo».

Manuel Agnelli in studio a Radio Popolare
Manuel Agnelli in studio a Radio Popolare

L’idea di fare un disco solista Agnelli l’aveva già prima dei lockdown, si era manifestata con il tour teatrale con Rodrigo D’Erasmo del 2019 e poi con le due canzoni scritte per la colonna sonora del film Diabolik (presenti nella scaletta di Ama il prossimo tuo come te stesso), ma sono stati i mesi successivi di lavoro solitario a far concretizzare quella che era un’idea e un desiderio.

Anche di liberarsi dal guscio rappresentato dalla band con cui ha suonato e cantato per un trentennio. Gli Afterhours non sono un progetto terminato per Agnelli, ma oggi la voglia di mettersi alla prova su altri territori (non solo musicali, pensando ad esempio al suo prossimo esordio teatrale come protagonista della versione italiana dello spettacolo Lazarus, scritto da David Bowie) è più forte di tutto il resto.

Un’urgenza che si coglie nelle tracce di questo esordio. Anche in quelle più morbide e melodiche, come nella canzone di apertura “Tra mille anni mille anni fa”. Un brano in cui le melodie, del pianoforte e della voce, nella loro classicità senza tempo, mostrano una faccia davvero, sinceramente, inedita di Manuel Agnelli, sia come autore che come interprete. O in “Severodonetsk”, in cui l’iniziale acido riff di chitarra può far pensare ad alcuni noti episodi della carriera degli Afterhours, ma è lo sviluppo del pezzo ad afferrare chi ascolta e a portarlo in un posto nuovo.

Manuel Agnelli è un vecchio amico di Radio Popolare e per i prossimi sette giorni sarà anche il protagonista principale delle nostre selezioni musicali. Domenica 9 ottobre dedicheremo inoltre uno speciale all’album, in onda dalle 18.30 alle 19.

Intanto, qui sotto, potete ascoltare “Milano con la peste”, il singolo con cui Agnelli ha scelto di accompagnare l’uscita del disco.


LEGGI ANCHE:
I Verdena tornano con Volevo Magia: sono i nostri artisti della settimana
La violinista e cantante Sudan Archives è l’artista della settimana di Radio Popolare
Laufey con il suo primo album è la prima artista della settimana della stagione 2022-2023

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 26/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 26/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 26/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 26/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 26/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 26/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 26/11/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 25/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 25/11/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 26/11/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 25/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 26/11/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 25/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/11/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 25/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 26/11/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 25/11/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 26/11/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 25/11/2022

    Proseguiamo il nostro viaggio negli ospedali lombardi tra liste d’attesa e call center quasi inutili: oggi ci trasferiamo al S.…

    37 e 2 - 26/11/2022

  • PlayStop

    Marta Correggia. Il mio nome è Aoise

    MARTA CORREGGIA – IL MIO NOME E’ AOISE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/11/2022

Adesso in diretta