Approfondimenti

Billy Bragg con The Roaring Forty celebra 40 anni di carriera: è il nostro artista della settimana

Billy Bragg – The Roaring Forty: uno dei più grandi cantautori britannici nel 2023 celebra 40 anni di carriera. Si chiama Billy Bragg (sito ufficiale) ed è un pezzo anche della nostra storia. A Radio Popolare lo abbiamo amato molto e non abbiamo ancora smesso.

Una delle sue canzoni, Upfield, uscita nel 1996 sull’album “William Bloke”, è stata la sigla di una delle nostre campagne abbonamenti, anche perché con quel verso «I’ve got the socialism of the heart» riusciva in poche parole a condensare e raccontare un modo di essere socialisti, di sinistra, che abbiamo sentito (e sentiamo ancora oggi) profondamente nostro.

Classe 1957, originario di Barking nell’Essex, Stephen William Bragg ha esordito con il suo primo album nel 1983: si chiamava “Life’s a Riot with Spy vs Spy” e ottenne il primo passaggio radiofonico grazie a un biryani (specialità indiana a base di riso) ai funghi. Il più grande conduttore musicale della storia della BBC (e probabilmente della radio mondiale), John Peel, un pomeriggio disse in onda che aveva fame. Bragg, che era all’ascolto, si precipitò, antesignano del food delivery, alla sede della BBC per rifocillare il dj e, contestualmente, fargli suonare una sua canzone.

Aneddoti delle origini a parte, Billy Bragg ha contribuito a scrivere la storia del folk rock mondiale, partendo da una base punk (i suoi esordi musicali risalgono al 1977 e i Clash di Joe Strummer sono un suo punto di riferimento assoluto) per poi gradualmente accogliere influenze che in buona parte gli arrivavano dai cantautori americani, da Woody Guthrie a Bob Dylan.

E’ riuscito, soprattutto, a interpretare in modo personale, originale, straordinariamente sincero, l’impegno politico in musica, intrecciando le tematiche sociali che lo animavano con il racconto onesto e vero della quotidianità vissuta dalla working class britannica. Il “socialismo del cuore”, letteralmente.

Per festeggiare questo compleanno artistico importante, Bragg ha dato in questi giorni alle stampe un cofanetto intitolato “The Roaring Forty”, disponibile in tre diversi formati: vinile arancione in edizione limitata con 13 inediti; una raccolta di 3 vinili con 40 brani, su 3 tonalità di verde + 2 cd di 40 brani con libretto di 16 pagine; 14 cd con oltre 300 brani e booklet di 64 pagine.

Anche noi vogliamo festeggiare questo straordinario cantautore e per questo l’abbiamo scelto come nostro artista della settimana. Lo ascolteremo con alcune delle tante canzoni raccolte in questo box set e gli dedicheremo uno speciale di mezz’ora, domenica 26 novembre, dalle 18.30 alle 19.

Intanto, qui sotto, il video della canzone che abbiamo citato in apertura. Uno dei suoi tanti capolavori, una delle nostre canzoni “del cuore”.

 

LEGGI ANCHE:
Hadsel è il nuovo album di Beirut, il nostro artista della settimana
Colapesce e Dimartino sono gli artisti della settimana: è uscito l’album Lux Eterna Beach
Artista della settimana – Sampha ritorna con un grande secondo album: Lahai
Gli artisti della settimana sono i Rolling Stones, perché Hackney Diamonds è un signor disco
Artista della settimana: Sufjan Stevens torna con il nuovo disco Javelin
I Blonde Redhead tornano con Sit Down for Dinner: sono gli artisti della settimana di Radio Pop
Allison Russell è l’artista della settimana, con il suo secondo disco The Returner
Birthh con Moonlanded è l’artista della settimana di Radio Popolare
Sparklehorse, con il disco postumo Bird Machine, artista della settimana di Radio Popolare

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 24/07 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 24/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 24/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di mercoledì 24/07/2024

    Quando l'esaurimento è dietro l'angolo quindi non resta che fare delle lunghe e vitali abluzioni nel Grunge. Tra una lavatura e l'altra grazie al nostro Toni Gorgonzola si apre un ampio dibattito sulla dieta druidica e sulle varie erbe da addomesticare. E non ci facciamo mancare certamente un bel pianto commemorando i morti del grunge.

    Poveri ma belli - 24-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di mercoledì 24/07/2024

    Ospite della puntata la poliedrica Miriam Camerini, regista teatrale, attrice,cantante nonché studiosa di ebraismo, fra le poche donne al mondo che ha intrapreso il percorso da rabbino. Con lei si parla di teatro iddish, di cultura ebraica, di ebrei erranti e di cucina e precetti religiosi. Insolita e imperdibile.

    Parla con lei - 24-07-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.20 - L'altro lato della medaglia

    Si naviga verso l'isola d'Elba, ma non solo per motivi turistici. Nella puntata del 23 luglio, infatti, abbiamo avuto il piacere di ospitare la giornalista Alice Facchini, che attraverso una serie di articoli su slow-news.com, ha indagato su diverse problematiche della più famosa isola minore italiana passando dall'istruzione, alla sanità, fin anche ai trasporti.

    Clip - 24-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 24/07/2024 delle 14:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 24-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Hoodie

    Hoodie: un cappuccio, mille narrazioni. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 24-07-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 24/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Filippo Andreatta presenta "Feminist Futures" a Centrale Fies di Dro; Mariano Dammacco parla di "La morte ovvero il pranzo della domenica", con Serena Balivo, visto al Kilowatt Festival di Sansepolcro; alla Biennale Danza 2024 l'artista svizzera Nicole Seiler introduce "Human in the Loop", in cui i performer danzano su istruzione dell'A.I; al Monte Verità di Ascona "Winding and unwinding, the cool couple" ispirata a Olga Frobe Kapteyn...

    Cult - 24-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 24/07/2024

    A cura di Mattia Guastafierro e Massimo Alberti. Il primo comizio di Kamala Harris da candidata alle presidenziali statunitensi con Roberto Festa. Il giorno più caldo di sempre con Francesco Pasi, climatologo e meteorologo del consorzio Lamma. L'inasprimento delle operazioni israeliana a Gaza con Cecilia Dalla Negra, direttrice del sito di informazione sul mondo arabo-musulmano Orient XXI Italia. La visita del ministro degli esteri ucraino in Cina con Luigi De Biase del Manifesto. Il fenomeno true crime, dalla strage di Erba al caso di Yara Gambirasio: quando le tesi innocentiste diventano revisioniste con Piero Colaprico.

    Giorni Migliori – Intro - 24-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di mercoledì 24/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Scampia, la storia di un rione maledetto. Parigi 2024 per i diritti sociali e delle donne. Kamala Harris icona pop tra i Simpson e il rap. I film che vedremo a Venezia 81.

    Apertura musicale - 24-07-2024

Adesso in diretta