Approfondimenti

Gli indagati per i pestaggi in carcere fanno scena muta, l’ennesimo naufragio nel Mediterraneo e le altre notizie della giornata

Cecilia Strada

Il racconto della giornata di sabato 3 luglio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ripresa e Resilienza sono le due parole chiave dell’Europa di Bruxelles di questo ultimo anno, da quando il progetto Next Generation EU ha cominciato a prendere forma. Almeno 43 migranti sono annegati in un naufragio al largo della Tunisia mentre tentavano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Italia. In Canada sta succedendo quanto purtroppo è già accaduto in altre parti del nostro pianeta: temperature altissime, incendi boschivi, fuga dalle zone abitate. E i morti che aumentano esponenzialmente. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

Gli indagati di Santa Maria Capua a Vetere non rispondono ai magistrati

L’inchiesta sui pestaggi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua a Vetere. Sono 52 gli agenti accusati di tortura, circa venti quelli finora interrogati dai magistrati, tutti si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Non solo, ma tra gli episodi di depistaggio emersi nell’indagine, secondo l’accusa, ci fu anche il tentativo di modificare i video delle telecamere interne per falsare la rappresentazione della realtà del 6 aprile 2020, giorno dei violenti pestaggi.
Protagonisti, come emerge dall’ordinanza di custodia cautelare, i massimi funzionari dell’amministrazione penitenziaria in Campania, ovvero l’allora comandante Pasquale Colucci e il Provveditore campano Antonio Fullone, il primo ai domiciliari, il secondo sospeso. Delle violenze dei depistaggi ne abbiamo parlato con Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, che per anni si è battuta per ottenere la verità sulla morte del fratello:


 

Ripresa e Resilienza. Le parole chiave dell’Europa dell’ultimo anno

(di Raffaele Liguori)

Ripresa e Resilienza. Sono le due parole chiave dell’Europa di Bruxelles di questo ultimo anno, da quando il progetto Next Generation EU ha cominciato a prendere forma. 750 miliardi di euro di prestiti e sussidi per una “ripresa sostenibile, uniforme, inclusiva ed equa”, è scritto nei documenti ufficiali della Commissione.
Ripresa. E Resilienza. La resilienza è l’altro concetto chiave che Bruxelles ha utilizzato nei suoi documenti. Significa adattamento, saper sopportare gli shock e garantire un ritorno alle forme originarie.
C’è un’indicazione politica in questo “ritorno all’origine”: nonostante l’Europa con il Next Generation EU abbia perorato le cause delle transizioni (ecologica e digitale), quel riferimento alla resilienza, quel ritorno alla forma originaria, sembra voler garantire una continuità tra ciò che è stato “ieri” e ciò che sarà “domani”.
Ci si prepara, appunto, ad una una transizione e non ad una rivoluzione. Anche se le temperature record canadesi di questi giorni richiederebbero proprio una rivoluzione.

Ancora un naufragio nel Mediterraneo

Almeno 43 migranti sono annegati in un naufragio al largo della Tunisia mentre tentavano di attraversare il Mediterraneo per raggiungere l’Italia. Altri 84 sono stati salvati, lo riferisce la Mezzaluna Rossa tunisina. L’imbarcazione era partita da Zuwara, sulla costa nord-occidentale della Libia, i migranti a bordo provenivano da Egitto, Sudan, Eritrea e Bangladesh. Proprio oggi la nave umanitaria di MSF GeoBarents è stata bloccata al porto Siciliano di Augusta dalla guardia costiera per presunte irregolarità a bordo. La Nave nei giorni scorsi aveva tratto in salvo 410 migranti a largo della Libia. Paolo Pezzati, policy advisor di Oxfam:


 

I guadagni della sanità privata sul diritto a viaggiare

(di Massimo Alberti)

Come si monetizza un diritto. La nuova fase della pandemia è una gallina dalle uova d’oro per la sanità privata. Tamponi, sierologici, test rapidi, certificati: il mercato si è rapidamente allargato per far fronte ad alcune esigenze, che siano necessarie od indotte. Come quella di potersi spostare in mancanza di una vaccinazione, o sapere il livello di anticorpi prima di fare un tampone.
Impossibile avere una stima di quale sia il giro d’affari per la sanità privata. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Diario Libico, il reportage di Radio Popolare dalla Libia

(di Emanuele Valenti)

In Libia ci sono ancora centinaia di migliaia di sfollati. Alcune stime dicono 600-700 mila, circa il 10% della popolazione. Avere numeri precisi è praticamente impossibile, perché molte persone e molte famiglie si sono spostate da parenti o amici senza registrarsi con le Nazioni Unite.
In questi dieci anni di crisi il caso più importante di deportazione, una vera e propria deportazione di massa, è stato a Tawergha, nel 2011, durante la rivolta contro Gheddafi. Tutta la popolazione, 40mila persone, fu costretta alla fuga quando la città venne attaccata dalle milizie ribelli della vicina Misurata. Diversi cittadini di Tawergha combattevano per il regime. In una zona molto povera far parte dell’esercito era l’unica forma di sostentamento. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Temperature altissime e incendi boschivi in Canada

Il clima che si surriscalda, gli eventi estremi che si ripetono sempre più frequentemente.
In Canada sta succedendo quanto purtroppo è già accaduto in altre parti del nostro pianeta. Temperature altissime (nei giorni scorsi hanno sfiorato i 50 gradi), incendi boschivi, fuga dalle zone abitate. E i morti che aumentano esponenzialmente.

Nella regione occidentale del paese, la British Columbia, sono 719 le vittime di questi ultimi giorni. Sono dati forniti dalla responsabile dell’ufficio medico legale della provincia canadese. È una cifra senza precedenti, ha aggiunto la funzionaria, spiegando che è di tre volte superiore alla media dei decessi in questo periodo e che è destinata a crescere. Vittorio Cogliati Dezza, storico ambientalista ed ex presidente di Legambiente:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 22/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 22-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 22/02/2024

    TERZO MANDATO PER I PRESIDENTI DI REGIONE, LA MAGGIORANZA SI SPACCA con Daniela Preziosi giornalista di Domani - INCHIESTA SUI LAVORI PER IL PONTE DI MESSINA parla Angelo Bonelli portavoce dei Verdi, che ha presentato l’esposto in Procura - GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Chiara Cruciati responsabile esteri del manifesto, Andrea Iacomini portavoce italiano Unicef e Eric Salerno giornalista e scrittore - LA GUERRA ALLE ONG DEL MARE, UN BILANCIO UN ANNO DOPO CUTRO un'inchiesta di Altreconomia raccontata dal direttore Duccio Facchini. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 22-02-2024

  • PlayStop

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 22-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 22/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-02-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 22/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-02-2024

  • PlayStop

    0091 - Puntata 31 - 22/02/2024

    Puntata dedicata al nordest dell’India. Tracklist: Ya Ali - Zubeen Garg; Dumplings for the sad - Temsu Clover; Taothaminari Singnang Oina Khutsamnaduna - Noong-Paan; Heirangkhoi - Siyom; Evil Favours - Lo! Peninsula; Luv U Ma - Jelo; Set Me Free - Soulmate; Reasons - Reble x Dappest x Manly x Plato, Prod. by D'Mon; No Doma Lo - Taba Chake; Teisa Uphilwi - Koloma

    0091 - 21-02-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 21/02/2024

    Jazz Ahead 239 1. Sixty Four Seasons, C'mon Tigre, Habitat, Intersuoni, 2023 2. Carry Me, Muito Kaballa, Like a River, Batov Records, 2023 3. Arie di Pioggia, Evita Polidoro, Nerovivo, Tuk Records, 2024 4. Razzle-Dazzle, Rosa Brunello, Razzle Dazzle, Domanda Records, 2024 5. Respiro, McCorman, A Page Is Turned | A Mountain Collapses | A Guy Leaves, Kohlhaas, 2023 6. Celestial Coordinates, Tommaso Cappellato, Expolare, Explorare, 2023 7. J. Alfred, Doortri, PFAS OFF, Zoar Records, 2023 8. Morire con la sabbia tra le dita, Matteo Paggi WORDS, WORDS, Aut Records, 2024 9. Ephemeral, LKSA, Ephemeral, Record Y, 2024 10. Swerve, James Brandon Lewis Quartet, Swerve, Intakt Recrods, 2024

    Jazz Ahead - 21-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 21/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21-02-2024

  • PlayStop

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene 6 - 21/02/2024

    Ospite: Lepre La scaletta: Lepre - Secondo me Daniela Pes - Carme Amalfitano - Fosforo (feat.Francesco Bianconi) Lepre - Bolletta Calcutta - Tutti Francesco Bianconi & Clio - Ciao Lepre - Acufene

    Atlante Illustrato di un Musicista Perbene - 21-02-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 21/02/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 21-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 21/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 21-02-2024

Adesso in diretta