Approfondimenti

La prima manovra finanziaria dell’era Draghi, l’allerta rossa per l’arrivo del ciclone mediterraneo e le altre notizie della giornata

Mario Draghi stato di emergenza

Il racconto della giornata di giovedì 28 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il Consiglio dei Ministri ha approvato la manovra finanziaria, la prima legge di bilancio dell’era Draghi. All’indomani dell’affossamento al Senato del ddl Zan, oggi la comunità LGBTQ+ e tutto il mondo dei diritti civili ha iniziato a mobilitarsi con una grande manifestazione all’Arco della Pace. E sempre a Milano è prevista stasera la manifestazione spettacolo in supporto dei cinque attrezzisti messi alla porta dalla multinazionale Fremantle che produce X Factor. È allerta rossa in gran parte del Sud del Paese per l’arrivo del ciclone mediterraneo Medicane, che dovrebbe toccare terra nel corso della notte. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo.

Cosa prevede la prima manovra finanziaria dell’era Draghi

Il Consiglio dei Ministri ha approvato la manovra finanziaria, la prima legge di bilancio dell’era Draghi: 30 miliardi circa di cui oltre 23 in deficit. Partiamo dai capitoli principali.
Torna ad allungarsi il tempo di lavoro: pensione a Quota 102 con 64 anni e 38 di contributi per il 2022, poi si vedrà. Con Opzione Donna a 60 anni e un allargamento dei lavori gravosi in cui entrano le maestre. Le sorprese, in peggio, arrivano sul reddito di cittadinanza: previsto l’ingresso delle agenzie private nell’avviamento al lavoro dei cosiddetti “occupabili” che ricevono il reddito, che potranno rifiutare non più di due offerte e che subiranno un meccanismo di decurtazione a tempo dell’assegno. Se su pensioni e reddito si stringe, arriva una pioggia di soldi sulle imprese; quasi 10 miliardi di fondi fino al 2026, il triplo dei 3 destinati agli ammortizzatori sociali, dove si allarga la cassa integrazione alle imprese sotto i 5 dipendenti, ma non c’è traccia della riforma universalistica annunciata da mesi. 8 miliardi di riforma fiscale che però sarà il parlamento ad articolare, tra taglio dell’irap, dell’irpef, cuneo fiscale e revisione delle detrazioni. Quanti alle imprese e su quali fasce di reddito sarà quindi tutto da vedere. Il superbonus del 110% resta fino al 2023 con un tetto determinato dall’ISEE per le singole unità. 2 miliardi al taglio delle bollette, 1 miliardo e mezzo per il Giubileo, più che ai settori cultura e spettacolo che si fermano a un miliardo. Rinviata la Plastic Tax, stop anche al Cashkback, bonus affitti per i giovani tra i 20 ed i 30 anni, portata al 10% l’iva sugli assorbenti.

Il giro di vite sul Reddito di Cittadinanza

(di Massimo Alberti)

Rispetto alle anticipazioni le sorprese in negativo della legge di Bilancio sono sul Reddito di Cittadinanza, dove il governo ha confermato i circa 9 miliardi di finanziamento, ma il giro di vite è molto stretto. I 5 Stelle parlano di misura rafforzata, ma dalle modifiche introdotte ne esce una legge molto indebolita.
Da mesi associazioni ed enti come la Caritas chiedono drastiche modifiche al reddito di cittadinanza: meno paletti per raggiungere una platea di bisognosi, in costante crescita, come sembra prender atto il governo, che infatti mantiene le risorse, ma invece di allargare l’accesso, lo restringe. Dalla manovra esce rafforzato il meccanismo coercitivo di avviamento al lavoro per i cosiddetti occupabili: sono poco meno di un terzo dei circa 1.122.000 assegni erogati nel 2021, compresi però anche disoccupati di lunga durata e persone che già lavorano con stipendi tanto miseri da richiedere un’integrazione. È su questo nucleo di circa 300mila persone che cala la mannaia. Scendono da 3 a due le offerte di lavoro che potranno essere rifiutate, si introduce un meccanismo a tempo per cui, tranne alcune eccezioni, dopo 6 mesi l’assegno viene tagliato di 5 euro al mese.
In un anno dunque si potrà perdere oltre il 10% sui 543 euro di assegno medio. Il problema è che nel meccanismo entrano i privati: le agenzie interinali, finanziate dallo stato, metteranno mano su questi 300.000 potenziali clienti, un vero e proprio mercato dei poveri. L’offerta delle agenzie, mediamente rivolta a figure specializzate, potrà cosi allargarsi ai precettori del reddito, generalmente persone con bassa formazione e qualifica, cui destinare lavori a basso valore aggiunto e salario. Creando cosi una sorta di girone punitivo del povero, stretto tra offerte di scarsa qualità, la decurtazione e la perdita del sussidio. Nel contesto di un mercato dove per ogni posto di lavoro disponibile ci sono 10 disoccupati. Il governo non ha atteso neppure i risultati del gruppo di lavoro appositamente creato, per introdurre modifiche che vanno di fatto a indebolire una norma che nella pandemia è stata la sopravvivenza per centinaia di migliaia di persone. Il ministro Brunetta ha twittato che i risparmi realizzati con la stretta sul reddito di cittadinanza saranno finalizzati alla riduzione delle tasse. Robin Hood al contrario.

Allerta rossa al Sud per l’arrivo del ciclone mediterraneo Medicane

Dovrebbe toccare terra nella notte il ciclone mediterraneo che ha già provocato, con una prima ondata di piogge quattro giorni fa, tre vittime nella sicilia orientale. Il corpo della donna che risultava ancora dispersa è stato ritrovato questa mattina a Scordìa, nella piana di Catania. A partire dalla tarda serata di oggi sono attese piogge intense e venti oltre i 100km l’ora. Domani dovrebbe essere la giornata più difficile, la Protezione Civile ha emesso un’allerta rossa per le province orientali e una arancione per le altre zone dell’isola e per la Calabria.
Nel Catanese, nel Messinese, nel Ragusano e nel Siracusano domani tutti gli uffici non essenziali saranno chiusi, così come le scuole. Resteranno operativi solo gli ospedali, la Protezione Civile e il Genio Militare. Preoccupa anche il mare, le onde potrebbero toccare i 4 o 5 metri: a Catania il lungomare è stato chiuso al traffico per precauzione e il presidente della regione Nello Musumeci ha invitato la popolazione a evitare gli spostamenti e soprattutto l’uso delle automobili. In attesa dell’arrivo del ciclone, si fanno i conti dei danni già provocati dalla prima ondata di piogge e si ragiona sullo stato di un territorio niente affatto in grado, o messo nelle condizioni, di resistere agli eventi estremi. Mario Barresi è l’inviato del quotidiano La Sicilia a Catania:


 

Il mondo dei diritti civili si mobilita dopo l’affossamento del Ddl Zan

Dopo l’affossamento al Senato del ddl Zan, la comunità LGBTQ+ e non solo, tutto il mondo dei diritti civili, si è mobilitata. Sono programmate in Italia decine di manifestazioni spontanee. A Roma oggi è stato bloccato il traffico davanti al Colosseo. A Milano è in corso in questi minuti una grande protesta. Il presidio “contro la vergogna della politica” che ha accantonato una legge di civiltà. L’appuntamento è all’Arco della pace, dove a maggio gli organizzatori erano riusciti a radunare 10mila persone. Per noi lì dalla piazza c’è il nostro Luca Parena:


 

La manifestazione spettacolo per gli attrezzisti licenziati da X Factor

Cinque attrezzisti messi alla porta, dopo dieci anni di contratti precari, dalla multinazionale Fremantle, quella che produce X Factor. Il talent show, di fatto, licenzia i suoi lavoratori, in particolare quelli sindacalizzati, quelli che in questi anni non hanno mai fatto mancare il loro apporto professionale, ma nemmeno le loro lotte per i diritti di tutti. Per chiedere alla proprietà di ripensarci è in corso, e continuerà anche in serata, proprio in contemporanea con la prima puntata live del talent, una manifestazione spettacolo, dove diritti dei lavoratori e musica si mischieranno, per rivendicare una giusta soluzione alla situazione. Antonio fa parte del collettivo Attrezzismo Violento ed è uno dei cinque lavoratori licenziati:


 

Le nuove voci femminili del Somali Poetry Awards

(di Simonetta Poltronieri)

“Sono Hawa, ho 26 anni e scrivo poesie da quando ho 8 anni. Sono nata in un piccolo villaggio rurale e lì ho sofferto molto per la mia disabilità. Sono stata discriminata e bullizzata. Era difficile lì, per me, essere una ragazza cieca. Ora vivo a Mogadiscio, la capitale”.
Hawa Jama Abdi è una giovane poetessa somala ed è stata scelta come giudice della prima edizione del Somali Poetry Awards, il concorso in cui a fine novembre saranno premiati giovani talenti, poeti e poetesse. “La poesia per me è tutto”, ci racconta Hawa, “è uno strumento potente, con cui posso mostrare chi sono, le mie competenze, parlare dei miei diritti, sostenere quelli degli altri, quelli di altre persone con disabilità come me. Ogni volta che mi succede qualcosa, subito nella mia mente compaiono parole. Parole che metto insieme e vanno a comporre le mie poesie. Sono emozioni e sensazioni che trasformo in parole e saggezza”. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia e nel Mondo

Crescono ancora i casi di COVID in Italia: oggi sono i positivi sono 4.866, quasi 300 più di ieri; 50 le vittime in un giorno. 
I tamponi effettuati sono ben 570mila, con un tasso di positività che torna sotto l’1% e si ferma allo 0,85%. I dati confermano il trend registrato dalla fondazione Gimbe, che nell’ultima settimana vede un aumento del 43% di contagi. 
Secondo il Gimbe sono in calo anche le vaccinazioni: nonostante l’estensione del Green Pass a tutti i luoghi di lavoro, pensata proprio per incentivarle, negli ultimi 7 giorni sono calate soprattutto le prime dosi: -53%.

L’Organizzazione mondiale della Sanità intanto ha annunciato un nuovo piano di lotta alla pandemia da COVID-19 nei Paesi poveri e chiede 23,4 miliardi di dollari per finanziarlo. L’obiettivo è fornire ai paesi più fragili strumenti di lotta al Covid fino a settembre 2022.
La pandemia intanto continua a correre soprattutto nell’est Europa: anche oggi la Russia ha registrato numeri record: 1.159 morti e 40mila contagi in 24 ore. 
Con più di 26mila casi, anche l’Ucraina ha segnato un nuovo massimo di contagi. In entrambi i paesi la percentuale di vaccinati con due dosi è bassa: meno di una persona su 3 in Russia, appena sopra il 15% in Ucraina. 
Tra le regioni a basso tasso di vaccinazione ce n’è anche una che confina con l’Italia, è quella balcanica. A Zagabria, in Croazia, abbiamo raggiunto Giovanni Vale dell’Osservatorio Balcani e Caucaso:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta