Approfondimenti

La minaccia del ministro Valditara, la sentenza di Rigopiano, la guerra in Ucraina e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 23 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il ministro dell’Istruzione Valditara ha definito la lettera inviata dalla preside del liceo scientifico di Firenze “Leonardo Da Vinci” ai suoi studenti “del tutto impropria” e ha sostenuto che “non compete a una preside nelle sue funzioni di lanciare messaggi di questo tipo”. Una condanna e, di più ancora, una minaccia di provvedimenti nei confronti della preside che ha scritto la lettera agli studenti chiedendo loro di reagire contro l’indifferenza. Venticinque assoluzioni e solo cinque condanne con pene lievi: dopo sei anni di attesa e svariati rinvii, è arrivata oggi la sentenza del processo di primo grado sulla strage di Rigopiano, l’hotel di Farindola travolto da una valanga nel 2017. Alla vigilia dell’anniversario della guerra in Ucraina, mentre si attende il voto della risoluzione dell’Onu, sembra assumere sempre più rilevanza il ruolo cinese. Domani dalle 9 alle 11,30 in onda lo speciale “Un anno che ha cambiato il mondo”.

Il mondo alla rovescia del ministro dell’Istruzione Valditara

(di Anna Bredice)

Se dal ministro dell’Istruzione Valditara arriva una condanna e, di più ancora, una minaccia di provvedimenti nei confronti della preside che ha scritto la lettera agli studenti chiedendo loro di reagire contro l’indifferenza, si può in qualche modo considerare prevedibile ciò che è accaduto poche ore dopo: davanti al liceo Da Vinci di cui è dirigente la preside è apparso uno striscione dell’associazione studentesca neofascista Blocco studentesco. In una foto su Twitter si vedono gli studenti che bruciano la lettera censurata e attaccata dal ministro dell’Istruzione, il quale anziché condannare il pestaggio di qualche giorno prima si è scagliato contro la preside minacciando provvedimenti contro di lei. Parlare di antifascismo mette in crisi Valditara, come fosse questo sì pericoloso. Per il ministro la preside è politicizzata, dice cose ridicole, anzi, il pestaggio è alla stregua della libertà di opinione: Valditara scrive “trovo che ci sia sempre più un attacco alla libertà di opinione e un alzare i toni, trasformando la polemica in una campagna di odio.” E’ come un mondo alla rovescia. La dirigente scolastica invece ha ottenuto l’appoggio, la solidarietà di tantissime realtà, politiche e sociali. Dai sindacati, ai presidi, agli studenti. Il sindaco di Firenze Dario Nardella è andato ad incontrare la preside e a Valditara ha chiesto o di scusarsi o di dimettersi. Le dimissioni sono quelle che chiedono senza dubbio gli studenti della rete dei medi. E infine la politica, mai come questa volta c’è stata una reazione compatta di tutta l’opposizione, del Pd in maniera unitaria, di Italia viva, dei Cinque stelle, della sinistra, nella richiesta di chiarimenti e di avere in aula subito il ministro Valditara per riferire. Da Meloni, dai presidenti di Camera e Senato nulla, come se non fosse accaduto niente.

La rabbia dei familiari delle 29 vittime di Rigopiano

(di Mattia Guastafierro)

Venticinque assoluzioni e solo cinque condanne con pene lievi.
Dopo sei anni di attesa e svariati rinvii, è arrivata oggi la sentenza del processo di primo grado sulla strage di Rigopiano, l’hotel di Farindola travolto da una valanga nel 2017. I maggiori imputati, tra cui l’ex prefetto di Pescara e l’ex presidente della Provincia, sono stati dichiarati non colpevoli. Erano accusati – a vario titolo – di disastro colposo, omicidio plurimo colposo, lesioni, falso, depistaggio e abusi edilizi. Condannato a due anni e otto mesi solo il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, anche se per lui la procura ne aveva chiesti 11. Alla lettura della sentenza in aula è esplosa la rabbia dei familiari delle 29 vittime, che hanno pianto, urlato e contestato la decisione del giudice.

Il 18 gennaio 2017 l’hotel Rigopiano venne travolto e distrutto da una valanga, in cui morirono 29 persone, tra ospiti e dipendenti. Gli imputati erano sotto accusa per la mancata prevenzione, gli allarmi ignorati e i ritardi nei soccorsi che portarono alla strage. Quintino Marcella è un ristoratore di Farindola. Quel giorno, con una telefonata alla prefettura, fu il primo a dare l’allarme. Lo ha intervistato Mattia Guastafierro

Il ruolo della Cina nella guerra in Ucraina

Alla vigilia dell’anniversario della guerra in Ucraina, mentre si attende il voto della risoluzione dell’Onu, sembra assumere sempre più rilevanza il ruolo cinese. Poco fa il vice ambasciatore di Pechino all’Onu, Dai Bing, intervenendo durante il dibattito alle nazioni unite, ha detto: “La posizione della Cina è chiara: l’integrità territoriale e i principi della carta dell’Onu devono essere rispettati”. Pechino nei giorni scorsi aveva annunciato di star lavorando ad un piano di de-escalation e oggi, a sorpresa, lo stesso presidente Ucraino Zelensky, si è detto interessato ad incontrare i vertici cinesi.
Il segretario della Nato Stoltenberg, ha detto oggi che ci sono segnali che la Cina sta riconsiderato l’ipotesi di inviare armi alla Russia. Accusa respinta con fermezza da Pechino che attraverso i portavoce del ministero degli esteri ha detto:”La cosiddetta intelligence degli Stati Uniti non è altro che speculazione e calunnia contro la Cina”.
Intanto si sono conclusi gli interventi in Assemblea Generale dell’Onu e la sessione speciale di emergenza sull’Ucraina e’ stata aggiornata. In serata si procederà al voto degli emendamenti proposti dalla Bielorussia e quindi della bozza di risoluzione sponsorizzata dai 75 paesi sostenitori di Kiev.
Kyiv spera di eguagliare il sostegno ottenuto ad ottobre, quando 143 paesi hanno votato per una risoluzione che condannava l’annessione di diversi territori ucraini da parte della Russia. Ma la Cina, il Sudafrica, l’India e molti paesi del sud del mondo probabilmente continueranno ad astenersi, sottolineando la loro alienazione da quella che considerano la guerra dell’occidente. Secondo l’International Crisis Group, poi, molti dei paesi che avevano votato a sostegno dell’Ucraina – come il Brasile, l’Indonesia e gli Stati arabi – hanno recentemente rifiutato di aderire alle sanzioni internazionali contro la Russia.
Questi quindi i punti su cui si concentrerà l’attenzione internazionale nelle prossime ore, soprattutto quella occidentale che misurerà così il suo consenso globale a un anno dall’invasione. Sul campo intanto cresce la tensione in vista dell’anniversario. Secondo Kiev le truppe russe starebbero preparando provocazioni vicino al confine della regione di Chernihiv, nell’Ucraina del nord, mentre gli attacchi nell’est del paese si sarebbero intensificati. Altro fronte da dove nelle ultime ore arrivano notizie potenzialmente preoccupanti è il confine con la Moldavia. Qui, secondo diverse fonti, Kiev starebbe ammassando truppe e Mosca oggi ha accusato l’Ucraina di voler “preparare una provocazione armata contro la Transnistria”, la regione separatista filorussa della Moldavia, coinvolgendo “sabotatori che indosseranno uniformi militari russe” per poter quindi accusare la Russia. La Moldavia ha smentito e invitato alla calma, Mentre Kiev ha accusato il Cremlino di “voler accendere conflitti interni in Moldavia”. La posizione geografica della Moldavia è particolarmente problematica per Kiev, perché a soli pochi chilometri da Odessa.

Il Ministero potrebbe bloccare l’espansione di Malpensa nel Parco del Ticino

(di Fabio Fimiani)

Potrebbero rimanere a brughiera i quarantaquattro ettari del Parco del Ticino, sui quali dovrebbe sorgere la nuova zona cargo dell’aeroporto di Malpensa. La Valutazione d’Impatto Ambientale presentata da Sea, la società di gestione degli scali milanesi, potrebbe non essere ritenuta adeguata dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica. La voce circola dalla scorsa settimana senza conferme ufficiali, le indiscrezioni in tal senso aumentano ogni giorno. CONTINUA A LEGGERE

Domani in onda lo speciale “Un anno che ha cambiato il mondo”

Venerdì 24 febbraio, dalle 9 alle 11,30 andrà in onda lo speciale “Un anno che ha cambiato il mondo” a cura di Michele Migone. In studio Lorenza Ghidini e Alessandro Gilioli con tanti ospiti in diretta, inviati di guerra, analisti di politica internazionale e attivisti per la pace.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 01/03/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 01-03-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 01/03/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 01-03-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

Adesso in diretta