Approfondimenti

Il via libera dell’EMA al vaccino di AstraZeneca, la legge sull’eutanasia in Spagna e le altre notizie della giornata

sala vaccinazioni ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 18 marzo 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’EMA ha dato il via libera al vaccino anti-COVID di AstraZeneca e la campagna vaccinale può ripartire. La prima Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da Coronavirus vista dai residenti di Bergamo. Enrico Letta sceglie la nuova segretaria del Partito Democratico. Il caso della Consulmarketing, azienda di marketing telefonico con sede in Umbria: i suoi lavoratori sono stati prima licenziati e poi reintegrati. Tutti tranne una. Riccardo Chailly riporta alla Scala Bertolt Brecht e Kurt Weill. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia.

L’EMA dà il via libera al vaccino di AstraZeneca. L’Italia riparte domani

Il vaccino AstraZeneca è sicuro ed efficace. Dopo la sospensione, l’agenzia europea del farmaco ha dato il via libera al siero anglo-svedese. Secondo la direttrice Emer Cook, i benefici nel prevenire il Covid sono superiori ai rischi e – soprattutto – non ci sono prove che possano confermare un legame con i casi di trombosi registrati in alcuni pazienti.
Allo stesso tempo, però, l’ente regolatore ha annunciato che verranno fatti ulteriori approfondimenti. In merito ad alcuni rari eventi tromboembolici, infatti, non può ancora essere esclusa una correlazione. Anche per questo il foglietto illustrativo del vaccino sarà aggiornato e gli operatori sanitari saranno informati dell’eventualità.
Di cosa si tratta e quali categorie di persone devono prestare particolare attenzione? Lo abbiamo chiesto ad Annalisa Capuano, farmacologa clinica della Società Italiana di Farmacologia.

Il via libera dell’Ema era annunciato, anche perché l’agenzia già nei giorni scorsi aveva escluso la pericolosità di Astrazeneca. La sospensione, al contrario, era stata decisa dai governi europei. In questi mesi di pandemia non è la prima volta che l’ente del farmaco ha dovuto lavorare sotto le pressioni della politica e delle case farmaceutiche. Nicoletta Dentico, giornalista esperta di salute globale:

 

Giornata per le vittime del COVID. Ha senso ricordare qualcosa che non è ancora finito?

(di Luca Parena)

Nella prima giornata di ricordo per le vittime del COVID, a Bergamo ci si chiede: ha senso ricordare qualcosa che ancora non è finito? Per chi abita a due passi dal cimitero monumentale, i mezzi dell’Esercito incolonnati e carichi di salme sembrano ancora lì, fuori dalla finestra. Chi questa mattina era fuori dal parco della Trucca, blindato per le cerimonie istituzionali con lo sfondo dell’ospedale Papa Giovanni, per il COVID o ha perso un familiare o il lavoro. O tutte due.
La domanda se la pone anche chi ha reagito fin da subito, prima ancora che le istituzioni realizzassero quel che stava succedendo. Le associazioni Arci come il Maite di Bergamo Alta un anno fa avevano chiuso al pubblico, portavano spesa e medicinali agli anziani già da un mese. 
A questo mondo, discorsi e cerimonie come quelli di stamattina suonano vuoti, scollati dalla realtà. Pietro è il presidente di Maite:

Il ricordo di quel che è successo poi non sembra aver intaccato il produttivismo bergamasco, quel non fermarsi mai, nemmeno di fronte a una pandemia. Così la vede Franco, fondatore della storica band musicale degli Arpioni di Bergamo:


 

Inizia a prendere forma il PD di Enrico Letta

(di Anna Bredice)

Agire subito per non correre il rischio di rimanere impagliato nei veti incrociati delle correnti nel partito. Sembra questo lo spirito che ha spinto Enrico Letta a cambiare già parecchie cose in soli pochi giorni. Oggi è toccata alla nuova segreteria, ieri i due vicesegretari e lo stop alla candidatura a Roma di Gualtieri. Ora il prossimo appuntamento è quello più delicato dei capigruppo in Parlamento a Roma e in quello europeo.
La segreteria che affiancherà Letta è unitaria, lo aveva annunciato domenica e così appare, ci sono rappresentanti delle varie aree, nessuna escluso, ma molti dicono che Letta ha fatto da solo, non si è fatto dettare i nomi, né ha consultato i capicorrente.
Innanzitutto c’è una perfetta parità di genere otto uomini e otto donne, quattro sono gli esterni, forse a rileggere ciò che aveva detto domenica ci si attendeva qualche esterno in più. Gli altri entrano nella segretaria guidando il settore in cui hanno dimostrato negli anni la loro competenza.
Tra gli esterni ci sono Marco Berruto, ex Ct della nazionale di pallavolo, allo Sport, alla Cultura Filippo del Corno, assessore a Milano, ad Antonio Nicita va la delega al piano nazionale di riforme.
Un solo rappresentante di Base riformista, Enrico Borghi, entra poi Chiara Gribaudo che arriva dai Giovani Turchi, l’area di Matteo Orfini, che con Zingaretti era rimasta fuori, poi Chiara Braga e Manuela Ghizzoni di Area dem e altri vicini a Zingaretti, come Cecilia D’Elia e ad Orlando.
Entrano alcuni ex ministri e sottosegretari lasciati fuori da Draghi, come Boccia, Misiani e Zampa. C’è un numero abbastanza numeroso di esponenti del Nord, in questo ricalca un po’ la scelta di Draghi che per il suo governo ha guardato più a Nord che a Sud.
Una squadra unitaria, infatti si dicono tutti contenti, che dovrebbe aiutare la sua navigazione, senza condizionamenti. Domani Letta incontrerà i deputati europei, il capogruppo Benifei ha rimesso il suo mandato e questo gesto mette in imbarazzo Del Rio e Marcucci, capigruppo di Camera e Senato, quest’ultimo è stato più vicino a Renzi che a Zingaretti ma per ora non ha fatto neanche un cenno di volontà di dimettersi. Martedì Letta li incontrerà.

Fridays For Future torna a riempire le piazze, fisiche e digitali

Domani torna a scioperare il movimento dei Fridays for future, in una giornata di azione per il clima con iniziative in tutto il mondo. In Italia sono previsti eventi in piazza e virtuali, con appuntamenti locali in tutte le principali città, nel rispetto delle norme anti covid. 
Due gli eventi online, il primo di lancio alle 11.15; il secondo alle 18.30.
Lo slogan della giornata è #basta false promesse; in Italia l’attenzione del movimento si concentra anche sui fondi che il recovery plan dovrà destinare alla lotta ai cambiamenti climatici.
in diretta con noi Giovanni Mori, ingegnere ambientale e uno dei portavoce nazionali del movimento.
Domani in piazza farete delle richieste precise al governo italiano, quali?

Fridays For Future

Corte UE, no al reintegro se assunto dopo il Jobs Act. Il caso della Consulmarketing

(di Alessandro Principe)

Parliamo di lavoro e del caso della Consulmarketing, azienda di marketing telefonico con sede in Umbria. I suoi lavoratori sono stati prima licenziati e poi reintegrati. Tutti tranne una.
350, meno una. Lei non tornerà al lavoro. Lei no. Perché, unica tra i colleghi e le colleghe, era stata assunta con il Jobs Act, nel 2015 poco dopo l’entrata in vigore della legge voluta da Matteo Renzi. Quattro anni fa, era il 2017, l’azienda, in grave difficoltà, licenziò 350 dipendenti. I lavoratori non ci stanno e fanno ricorso al Tribunale di Milano che, constatata l’illegittimità del licenziamento collettivo, ordina la reintegrazione nell’impresa di tutti i lavoratori interessati, meno una. Per il giudice la lavoratrice non può beneficiare dello stesso regime di tutela degli altri lavoratori licenziati, perché assunta dopo il 7 marzo 2015, data di entrata in vigore del Jobs Act. In Italia ci sono – da allora – due regimi di tutela dei lavoratori in caso di licenziamento collettivo illegittimo. Da un lato, un lavoratore a tempo indeterminato, il cui contratto è stato stipulato fino al 7 marzo 2015, può rivendicare la sua reintegrazione nell’impresa. D’altro lato, un lavoratore a tempo indeterminato, il cui contratto è stato stipulato a partire da quella data, ha diritto soltanto a un’indennità, con una soglia massima. Il Tribunale di Milano nel prender atto della legge si è chiesto però se questo non fosse discriminatorio. E ha congelato la questione chiedendo alla corte di giustizia europea se questo non fosse contrario ai principi europei. E arriviamo a oggi. Ora c’è la risposta. E la risposta è: “Nessun problema”. Nessuna violazione, per la Corte. Si tratta di una legittima scelta di politica del lavoro. A pari mansioni, a pari competenze a pari tutto, una data decide il futuro.

Lago d’Iseo: la miniera, la frana e la paura dello tsunami

(di Luca Parena)

“Rischio tsunami sul lago d’Iseo”. Sembra il titolo di un racconto distopico, invece è cronaca. Cronaca di un rischio annunciato, ma rimasto inascoltato. Una storia che affonda le sue radici in riva al lago, da almeno cinquant’anni. Dentro ci sono un bel po’ di temi che fanno a pugni gli uni con gli altri: sfruttamento delle risorse naturali, infrastrutture e sviluppo del territorio. Turismo, tutela dell’ambiente e salvaguardia dell’incolumità collettiva.
Siamo sulla sponda occidentale del Sebino. Il 23 febbraio scorso il cementificio Italsacci, stretto tra il Lago d’Iseo e i piedi del monte Saresano, lancia l’allarme. I sensori che da anni monitorano i movimenti franosi della roccia, scavata qui da oltre un secolo, registrano una brusca accelerazione, fino a 20-25 millimetri di spostamento al giorno. La massa di detriti supera il milione di metri cubi: ce n’è abbastanza per temere scenari terribili, in caso di peggioramento. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Riccardo Chailly riporta alla Scala Bertolt Brecht e Kurt Weill

(di Ira Rubini)

Riccardo Chailly riporta alla Scala Bertolt Brecht e Kurt Weill. Il dittico “I sette peccati capitali” e “Mahagonny Songspiel” sarà trasmesso da Rai Cultura in differita streaming su RaiPlay e sul sito web del Teatro alla Scala stasera alle ore 20. Pur se scritto da Brecht e Weill negli anni ’30, lo spettacolo è di inquietante attualità, e la regia lo ambienta in un mondo precipitato nella catastrofe ecologica e nella globalizzazione inarrestabile, dove la colpa più grave è la povertà. È il debutto alla Scala della regista Irina Brook (figlia del celebre Peter), Irina che insieme al maestro Chailly ha presentato lo spettacolo:


 

La Spagna approva una legge sull’eutanasia

La Spagna è il settimo Paese al mondo ad avere una legge sull’eutanasia. Il parlamento l’ha approvata oggi con 202 voti a favore e 141 contrari. Entrerà in vigore tra tre mesi. Potranno usufruirne persone con malattie incurabili o che provochino una sofferenza fisica e psichica intollerabile.
“La cattolicissima Spagna à più avanti rispetto a noi. L’Italia aspetta ancora una legge nonostante le sollecitazioni della corte costituzionale”. Sentiamo ai nostri microfoni Filomena Gallo dell’Associazione Luca Coscioni:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Oggi in Italia sono stati accertati 25mila nuovi casi di coronavirus ed è risultato positivo il 7% delle persone che hanno fatto il tampone, una percentuale in aumento rispetto a ieri. Le morti comunicate nell’ultima giornata sono 423. Continua a salire il numero di persone ricoverate: oggi sono 16 in più nelle terapie intensive e 177 in più negli altri reparti COVID.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Delorean di sabato 25/05/2024

    Una macchina del tempo musicale, per andare ogni puntata all’esplorazione di un diverso frammento di storia musicale, che è già storia o che ancora lo sta diventando. Dalla new wave al dreampop, dal prog-rock all’R&B contemporaneo, tra ispirazioni passate e prospettive future, ricostruzioni volutamente parziali per non pensare più alla musica in compartimenti stagni. Ogni sabato alle 23:45, a cura di Luca Santoro. IG: @lucaa.santoro

    Delorean - 25-05-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/05/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 25-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-05-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 25/05/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

Adesso in diretta