Approfondimenti

Nuove sanzioni europee a Lukasehenko. Ma in Bielorussia cambierà qualcosa?

BIELORUSSIA

L’Unione Europea ha adottato nuove sanzioni contro la Bielorussia. Quanto successo domenica – con l’atterraggio forzato a Minsk di un volo Ryanair che viaggiava da Atene a Vilnius, in Lituania – è stato definito da molti leader europei un vero e proprio “scandalo internazionale”. Il capo di Ryanair, Michael O’Leary, ha parlato di “dirottamento di stato”. I 27 hanno bloccato le compagnie bielorusse – la compagnia di bandiera, Belavia, vola su diversi scali europei – e hanno invitato le compagnie europee a evitare lo spazio aereo di Minsk.

A bordo di quel volo c’era anche Roman Protasevich, un giovane giornalista bielorusso che vive in Lituania, nei mesi scorsi molto attivo nella copertura delle proteste contro il regime di Alexander Lukashenko. Roman Protasevich è stato arrestato, insieme alla fidanzata, dopo lo sbarco a Minsk. La notte scorsa i media bielorussi hanno diffuso un brevissimo video nel quale lui stesso racconta di stare bene e di aver confessato l’organizzazione di manifestazioni di massa. Una dichiarazione ovviamente forzata dai servizi di sicurezza. I suoi colleghi e i suoi familiari temono che non stia bene e che sia stato picchiato. Alcuni sostengono sia stato anche ricoverato.

O’Leary, il capo di Ryanair, ha ripetuto quello che avevano già detto alcuni media bielorussi dell’opposizione, e cioè che a bordo del volo partito da Atene ci fossero probabilmente anche degli agenti del KGB – i servizi bielorussi, che hanno mantenuto il nome dell’epoca sovietica. La polizia lituana – domenica, dopo un fermo di sei ore, il volo è poi ripartito alla volta di Vilnius – ha confermato che rispetto all’imbarco di Atene all’appello mancavano cinque persone, scese quindi a Misnk. Oltre a Protasevich e alla fidanzata, una cittadina russa, gli altri sarebbero quindi tre agenti dei servizi bielorussi. A supporto di quest’ipotesi quanto riferito da alcuni colleghi di Protasevich, secondo i quali lui stesso, prima di imbarcarsi ad Atene, domenica, gli avrebbe scritto di essere seguito e controllato da alcune persone, una delle quali avrebbe anche tentato di fotografare i suoi documenti. Ufficialmente le autorità bielorusse hanno detto che l’aereo è stato costretto all’atterraggio per una minaccia di attentato da parte del gruppo palestinese Hamas.

Ora sono arrivare nuove sanzioni europee, ma il punto è se questo provocherà dei cambiamenti in Bielorussia, se forzerà Alexander Lukashenko ad allentare la repressione interna. Probabilmente no. Anche dopo le proteste, gli arresti e le violenze della scorsa estate, durante le manifestazioni che contestavano il risultato delle elezioni presidenziali del 9 agosto 2020, Bruxelles aveva adottato delle sanzioni contro quasi 90 funzionari o imprenditori bielorussi. Le sanzioni sono ancora in vigore, ma nella sostanza hanno cambiato ben poco. Lo dimostra quanto successo domenica, voluto dallo stesso Lukashenko, che avrebbe dato l’ordine di bloccare il volo Ryanair e di arrestare Protasevich.

Ma c’è una dimensione nuova. Fino a domenica scorsa la questione bielorussa, la repressione dell’opposizione bielorussa, era rimasta una questione interna. Ora invece, con la vicenda dell’aereo che trasportava cittadini dell’Unione Europea e volava tra due paesi UE, assume inevitabilmente una dimensione internazionale. E da qui bisogna ripartire. Alexander Lukashenko fa sempre affidamento sull’appoggio russo. Anche se i suoi rapporti personali con Vladimir Putin non sono dei migliori, Mosca non si può permettere di far uscire Minsk dalla sua area di influenza. In un contesto radicalmente diverso è un po’ lo stesso approccio russo nei confronti dell’Ucraina. Quello è territorio sovietico.
E proprio forte della sua posizione ieri, mentre le cancellerie europee condannavano quanto successo il giorno prima, Lukashenko ha firmato delle nuove leggi che rappresentano un’ulteriore stretta contro il dissenso, per esempio il divieto di pubblicare sondaggi non autorizzati oppure di trasmettere immagini di manifestazioni senza regolare permesso, praticamente tutte.

Il ministro degli esteri russo, Lavrov, ha definito “ipocrita” la reazione europea.Sullo sfondo ci sono sempre i rapporti difficili tra Mosca e l’Occidente. Nelle prossime settimane il tema potrebbe essere affrontato direttamente da Putin e Biden, che potrebbero incontrarsi in Svizzera durante il viaggio europeo del presidente americano.

Foto | Scontri durante una manifestazione dell’opposizione, a settembre 2020

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 07:15

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 27/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 27/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mer 27/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 27/10/2021

  • PlayStop

    Hexagone di mer 27/10/21

    Hexagone di mer 27/10/21

    Hexagone - 27/10/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di mar 26/10/21

    Jailhouse Rock di mar 26/10/21

    Jailhouse Rock - 27/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mar 26/10/21

    News Della Notte di mar 26/10/21

    News della notte - 27/10/2021

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 26/10/21

    L'altro martedi' di mar 26/10/21

    L’Altro Martedì - 27/10/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mar 26/10/21

    Doppio Click di mar 26/10/21

    Doppio Click - 27/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mar 26/10/21

    Quel che resta del giorno di mar 26/10/21

    Quel che resta del giorno - 27/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 26/10/21

    1- No all’estradizione di Julian Assange. Alla vigilia del processo d’appello le associazioni, impegnate per la libertà di stampa, chiedono…

    Esteri - 27/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mar 26/10/21

    The Game di mar 26/10/21

    The Game - 27/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mar 26/10/21

    Muoviti muoviti di mar 26/10/21

    Muoviti muoviti - 27/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mar 26/10/21

    Di tutto un boh di mar 26/10/21

    Di tutto un boh - 27/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 26/10/21

    Si parla con Fiorenzo Degasperi e Giuseppe Mendicino curatori della Mostra Palazzo delle Albere di trento, Selvatici e salvifici, gli…

    Considera l’armadillo - 27/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 26/10/21

    Jack the Smoker ci racconta il progetto Cantera Machete

    Jack - 27/10/2021

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mar 26/10/21

    Poveri ma belli di mar 26/10/21

    Poveri ma belli - 27/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mar 26/10/21 delle 12:46

    Seconda pagina di mar 26/10/21 delle 12:46

    Seconda pagina - 27/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 26/10/21

    ira rubini, cult, roberta skerl, una vita che sto qui, ivana monti, teatro franco parenti, donne favolose, roberto codazzi, alejandra…

    Cult - 27/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mar 26/10/21

    Tutto scorre di mar 26/10/21

    Tutto scorre - 27/10/2021

Adesso in diretta