Approfondimenti

Nuove sanzioni europee a Lukasehenko. Ma in Bielorussia cambierà qualcosa?

BIELORUSSIA

L’Unione Europea ha adottato nuove sanzioni contro la Bielorussia. Quanto successo domenica – con l’atterraggio forzato a Minsk di un volo Ryanair che viaggiava da Atene a Vilnius, in Lituania – è stato definito da molti leader europei un vero e proprio “scandalo internazionale”. Il capo di Ryanair, Michael O’Leary, ha parlato di “dirottamento di stato”. I 27 hanno bloccato le compagnie bielorusse – la compagnia di bandiera, Belavia, vola su diversi scali europei – e hanno invitato le compagnie europee a evitare lo spazio aereo di Minsk.

A bordo di quel volo c’era anche Roman Protasevich, un giovane giornalista bielorusso che vive in Lituania, nei mesi scorsi molto attivo nella copertura delle proteste contro il regime di Alexander Lukashenko. Roman Protasevich è stato arrestato, insieme alla fidanzata, dopo lo sbarco a Minsk. La notte scorsa i media bielorussi hanno diffuso un brevissimo video nel quale lui stesso racconta di stare bene e di aver confessato l’organizzazione di manifestazioni di massa. Una dichiarazione ovviamente forzata dai servizi di sicurezza. I suoi colleghi e i suoi familiari temono che non stia bene e che sia stato picchiato. Alcuni sostengono sia stato anche ricoverato.

O’Leary, il capo di Ryanair, ha ripetuto quello che avevano già detto alcuni media bielorussi dell’opposizione, e cioè che a bordo del volo partito da Atene ci fossero probabilmente anche degli agenti del KGB – i servizi bielorussi, che hanno mantenuto il nome dell’epoca sovietica. La polizia lituana – domenica, dopo un fermo di sei ore, il volo è poi ripartito alla volta di Vilnius – ha confermato che rispetto all’imbarco di Atene all’appello mancavano cinque persone, scese quindi a Misnk. Oltre a Protasevich e alla fidanzata, una cittadina russa, gli altri sarebbero quindi tre agenti dei servizi bielorussi. A supporto di quest’ipotesi quanto riferito da alcuni colleghi di Protasevich, secondo i quali lui stesso, prima di imbarcarsi ad Atene, domenica, gli avrebbe scritto di essere seguito e controllato da alcune persone, una delle quali avrebbe anche tentato di fotografare i suoi documenti. Ufficialmente le autorità bielorusse hanno detto che l’aereo è stato costretto all’atterraggio per una minaccia di attentato da parte del gruppo palestinese Hamas.

Ora sono arrivare nuove sanzioni europee, ma il punto è se questo provocherà dei cambiamenti in Bielorussia, se forzerà Alexander Lukashenko ad allentare la repressione interna. Probabilmente no. Anche dopo le proteste, gli arresti e le violenze della scorsa estate, durante le manifestazioni che contestavano il risultato delle elezioni presidenziali del 9 agosto 2020, Bruxelles aveva adottato delle sanzioni contro quasi 90 funzionari o imprenditori bielorussi. Le sanzioni sono ancora in vigore, ma nella sostanza hanno cambiato ben poco. Lo dimostra quanto successo domenica, voluto dallo stesso Lukashenko, che avrebbe dato l’ordine di bloccare il volo Ryanair e di arrestare Protasevich.

Ma c’è una dimensione nuova. Fino a domenica scorsa la questione bielorussa, la repressione dell’opposizione bielorussa, era rimasta una questione interna. Ora invece, con la vicenda dell’aereo che trasportava cittadini dell’Unione Europea e volava tra due paesi UE, assume inevitabilmente una dimensione internazionale. E da qui bisogna ripartire. Alexander Lukashenko fa sempre affidamento sull’appoggio russo. Anche se i suoi rapporti personali con Vladimir Putin non sono dei migliori, Mosca non si può permettere di far uscire Minsk dalla sua area di influenza. In un contesto radicalmente diverso è un po’ lo stesso approccio russo nei confronti dell’Ucraina. Quello è territorio sovietico.
E proprio forte della sua posizione ieri, mentre le cancellerie europee condannavano quanto successo il giorno prima, Lukashenko ha firmato delle nuove leggi che rappresentano un’ulteriore stretta contro il dissenso, per esempio il divieto di pubblicare sondaggi non autorizzati oppure di trasmettere immagini di manifestazioni senza regolare permesso, praticamente tutte.

Il ministro degli esteri russo, Lavrov, ha definito “ipocrita” la reazione europea.Sullo sfondo ci sono sempre i rapporti difficili tra Mosca e l’Occidente. Nelle prossime settimane il tema potrebbe essere affrontato direttamente da Putin e Biden, che potrebbero incontrarsi in Svizzera durante il viaggio europeo del presidente americano.

Foto | Scontri durante una manifestazione dell’opposizione, a settembre 2020

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 08/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 08/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 08/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di lunedì 08/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 08/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/08/2022

  • PlayStop

    Il clima come questione di genere

    Elena Mordiglia e Gianluca Ruggieri ne parlano con Serena Giacomin, fisica dell’atmosfera, meteorologa, presidente di Italiana Climate Network, Caterina Sarfatti,…

    All you need is pop 2022 - 08/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di lunedì 08/08/2022 delle 15:35

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/08/2022

  • PlayStop

    Episodio 6 - To Pimp A Butterfly (Parte 2)

    Nel 2015 esce uno degli album più importanti della storia della musica. Se good kid, mad city raccontava cosa vuol…

    The Good Kid from Compton - 08/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 08/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/08/2022

  • PlayStop

    This must be the place - Episodio 6

    Chapter 6: The Fillmore West A San Francisco si respira un'aria diversa. La beat generation, le librerie indipendenti, i primi…

    This must be the place - 08/08/2022

  • PlayStop

    La Scatola Magica di lunedì 08/08/2022

    La scatola magica? una radio? una testa? un cuore? un baule? questo e altro, un'ora di raccolta di pensieri, parole,…

    La Scatola Magica - 08/08/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 08/08/2022

    Radiosveglia è il nostro “contenitore” per l’informazione dei mattini d’estate. Dalle 7.45 alle 10, i fatti del giorno, (interviste, commenti,…

    Radiosveglia - 08/08/2022

  • PlayStop

    Caffè Shakerato di lunedì 08/08/2022

    In agosto il caffè del mattino si raffredda con un risveglio musicale e con il primissimo sfoglio dei quotidiani ancora…

    Caffè Shakerato - 08/08/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 07/08/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 08/07/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 07/08/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 08/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 07/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/07/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 07/08/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 08/07/2022

  • PlayStop

    Cosmic di domenica 07/08/2022

    Un titolo che richiama i primi lanci spaziali, vecchi film di fantascienza in bianco e nero, e ingenui giocattoli di…

    Cosmic - 08/07/2022

Adesso in diretta