Approfondimenti

La rappresaglia israeliana in Iran, l’assoluzione delle ong nel processo di Trapani e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 19 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La rappresagnia Israeliana in Iran è apparsa limitata e lascia spiragli all’ipotesi di uno stemperamento della tensione, ma aGaza e in Cisgiordania la violenza continua; l’Unione Europea boccia la norma antiabortista del governo italiano; ong assolte a trapani nel procedimento in cui erano accusate di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina; mentre in Ucraina si continua a morire, il Congresso Usa si appresta a decidere sui nuovi aiuti militari.

La rappresaglia israeliana in Iran lascia ipotizzare una de-escalation

A meno di una settimana dall’attacco iraniano su Israele, la promessa risposta di Tel Aviv è arrivata. Alle prime ore di questa mattina un attacco con droni ha colpito una base aerea militare vicino alla città di Esfahan, nell’Iran centrale. Un attacco limitato, che sembra accogliere le richieste di de-escalation arrivate da Stati Uniti e alleati occidentali. Israele non ha rivendicato l’attacco, né l’Iran ha direttamente accusato Israele, parlando invece di un attacco condotto con mini droni Israeliani o Americani con l’aiuto di agenti locali vicini ad Israele. 

Parlando dal G7 di Capri, il segretario di stato americano Anthony Blinken non ha commentato il raid limitandosi a dire che la Casa Bianca sta lavorando per la de-escalation, ma specificando che gli Stati Uniti non sono stati coinvolti nell’attacco.

Sulla reazione di Washington sentiamo Roberto Festa

Il ministro degli esteri iraniano ha detto che i micro droni lanciati su Isfahan sono stati tutti abbattuti senza fare vittime né danni e ha ridicolizzato l’attacco, definendolo fallimentare.  Teheran ha minimizzato l’incidente e ha fatto sapere indirettamente di non avere piani di ritorsione nell’immediato. La nostra collaboratrice Farian Sabahi

In generale sembra che, per il momento, il rischio di un’ampia deflagrazione nella regione sia scongiurato, ma siamo comunque davanti ad una nuova fase del conflitto.

A Gaza e in Cisgiordania, intanto, la tensione è sempre più alta. Nella striscia il numero dei morti dal 7 ottobre è salito a oltre 34mila, mentre cresce il timore per un’invasione di Rafah. In Cisgiordania oggi nei pressi di Tulkarem 4 palestinesi sono stati uccisi dall’esercito israeliano nella loro casa e proprio oggi, sia l’Unione Europea che gli Stati Uniti hanno annunciato nuove sanzioni contro esponenti dei coloni e organizzazioni di estrema destra.

In queste ore, poi, arrivano anche diverse critiche per il veto posto dagli Stati Uniti al consiglio di sicurezza dell’Onu alla  risoluzione che raccomandava l’adesione piena della Palestina alle Nazioni Unite. Il testo ha ottenuto 12 voti a favore, compreso quello francese, 2 astensioni (Gran Bretagna e Svizzera) e il no degli Stati Uniti.

Sentiamo Gianpaolo Scarante, docente all’università di Padova, ex ambasciatore:

L’Europa respinge l’attacco del governo italiano al diritto all’aborto

(di Anna Bredice)

Arrivato alle porte di Bruxelles, l’emendamento sui consultori è stato bloccato e bocciato dall’Unione Europea per un motivo evidente: quell’emendamento che prevede fondi per finanziare le associazioni Pro life nei consultori non ha nulla a che fare con il Pnrr, il decreto appena approvato che si occupa della riformulazione delle scadenze e della governance del piano. Lo ha detto in maniera molto chiara la portavoce della Commissione Europea per gli affari economici, utilizzando un dato oggettivo quindi, prima ancora che politico, come ha fatto invece la ministra della Parità spagnola secondo cui la destra in Italia disconosce un diritto sancito dalla legge. Meloni ha parlato di ignoranza rispondendo alla ministra della Spagna, ma l’Italia con la destra al governo rischia di allinearsi, non al Parlamento europeo che ha sancito che il diritto all’aborto è inserito nella carta dei diritti fondamentali dell’Unione, ma ai paesi più conservatori e punitivi in materia di diritti alla salute, etici e sociali. Nervi scoperti per la destra su questi argomenti, lo stop dell’Unione europea costringe Giorgia Meloni ad un passo indietro nella sua battaglia per la presenza di associazioni antiabortiste nei consultori, che aveva portato così avanti da provocare una rottura con la sua maggioranza, con la Lega, o meglio una parte di leghisti che rivendicano, anche forse nei confronti del segretario Salvini, di voler scegliere liberamente su questi temi. E la Rai, che ormai è diventata megafono del governo, è incappata in una trasmissione stile anni ’50 e per lo più nel salotto più importante, quello di Bruno Vespa. Faceva impressione l’immagine dello studio con la grande scritta aborto e sulle sedie solo uomini a parlarne, una rappresentazione talmente sproporzionata, diventata virale in poche ore e che ha costretto anche la presidente della Rai Marinella Soldi a chiedere a Vespa un equilibrio maggiore nelle presenze femminili.

I giudici di Trapani smontano la teoria dei “taxi del mare”

Le ong Jugend rettet, Medici senza frontiere e Save the children esultano dopo che a Trapani è stato deciso il proscioglimento delle persone accusate nel procedimento che aveva al centro l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’inchiesta era stata avviata nell’autunno 2016 ed è stata una tappa centrale della criminalizzazione dei salvataggi di migranti, quella che a livello politico è stata riassunta dall’espressione “taxi del mare”. “Questo processo è una delle origini della diffamazione delle ong, si chiude un’epoca” ha detto oggi Alessandro Gamberini, avvocato di Jugend Rettet. Più cauto il commento di Save the children, che definisce la sentenza “una decisione che riconosce la verità”. Marco Bertotto fa parte di Medici senza frontiere, che era appunto la terza organizzazione coinvolta nel procedimento.

 

Il Congresso USA domani decide sugli aiuti militari all’Ucraina

La guerra in Ucraina. Secondo le autorità della regione centrale di Dnipro ci sono due bambini tra le almeno sette persone uccise oggi da un lancio di missili da parte dell’esercito russo. Nel sud invece il governatore di Mykolaiv ha denunciato la morte di una donna anziana in un attacco di artiglieria. Domani negli Stati Uniti è previsto il voto cruciale alla Camera sugli aiuti militari a Kiev, bloccati da mesi per l’opposizione di una parte del partito repubblicano, quella che fa riferimento a Donald Trump. 

 

Foto | Ansa (manifestazione anti israeliana a Teheran)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta