Approfondimenti

La prima linea della lotta al coronavirus

ambulanza croce rossa

Sono i medici delle USCA – unità speciali di continuità assistenziale – dedicati alle visite a domicilio. Negli ultimi giorni hanno preso servizio a Bergamo e Brescia, e si stanno attivando anche in tutte le altre province della Lombardia. Ricevono le segnalazioni dai medici di base e sono diventati la prima linea della lotta al virus. Perché intercettano i tanti che non sono censiti, che non vogliono andare in ospedale o che stanno peggiorando senza rendersene conto.

Come si chiama e da quando avete iniziato come Usca?

Mi chiamo Mirsada Katica, sono un medico da tre anni, mi sono laureata nel 2016 all’università di Brescia, ho iniziato subito a fare guardie, sostituzioni di medici base, ho lavorato come medico all’aeroporto di Bergamo, e ho iniziato questa esperienza come USCA da ieri, a Montichiari, oggi a Brescia.

Ci descrive la giornata?

La giornata è abbastanza stancante sia fisicamente che emotivamente, soprattutto. Iniziamo alle 8 in ambulatorio, ci ritroviamo in tre medici, ci confrontiamo in base alle richieste che ci arrivano dai vari medici di base, e iniziamo a scegliere i pazienti che hanno più bisogno di questo servizio.

Facciamo l’esempio di stamattina, quali sono stati i primi interventi?

I primi due pazienti erano stati dimessi da alcuni giorni, sempre per polmonite da corona virus e li ho trovati stabili, sono anziani, sono stati ricoverati per un bel po’ e abbiamo deciso di verificare se tutto procedeva nella norma: è andata bene. I pazienti dopo, invece, in tanti desaturavano e avevano bisogno di aggiustamenti della terapia.

Cosa prevede il protocollo in questi casi, come li curate con farmaci specifici?

Farmaci retrovirali non ne abbiamo ancora prescritti, negli ospedali se ne stanno provando diversi tipi, ma per alcuni pazienti funzionano e per altri no, una terapia vera non esiste ancora. Nei primi giorni di sintomatologia noi prescriviamo terapie basiche, paracetamolo e mucolitici, dopo qualche giorno se persistono febbre e tosse, passiamo all’idrossiclorochina che abbiamo visto ha effetti positivi su tanti pazienti; se anche questa non funziona cominciamo con la terapia antibiotica per evitare il rischio di sovrainfezioni, soprattutto in pazienti con polmoniti, e poi con l’ossigeno.

Quando arrivate in casa dei pazienti siete bardati con tutte le protezioni, come è l’approccio al paziente?

Si cerca di rassicurarli,che andrà tutto bene, perché quasi tutti sono rassegnati, pensano “oddio ho il coronavirus” e immaginano sia finita. Invece, molti pazienti migliorano, quindi si cerca di dare speranza.

E quale è la vostra fatica emotiva e psicologica quando uscite da quelle case?

Anche noi medici, diciamo, non siamo proprio al massimo della forza emotiva, diamo tutto, ma una volta usciti magari ci scappa un pianto di sfogo e poi ci si rialza e si pensa al prossimo paziente.

Quali altre casistiche avete incontrato in questa giornata?

Erano tutti abbastanza diversi. Un paziente, non aveva alcuna patologia pregressa, aveva la febbre da due settimane, era peggiorato e quindi siamo andati. Altri pazienti erano diabetici o ipertesi, incontriamo un po’ di tutto. Oggi ho visto un paziente che aveva solo febbre, poi alla saturazione registrava l’88% di ossigeno, se non fossimo andati, probabilmente sarebbe precipitato in pochi giorni.

E in questi casi potete disporre il ricovero?

Quello che si può gestire a casa, lo gestiamo così, anche perché gli ospedali sono pieni. Tranne se desaturano molto, una persona anziana ad esempio, oggi, ho dovuto ricoverarla, ho chiamato il 112 e per fortuna hanno risposto subito e sono venuti a prenderlo.

E questo è il momento più difficile?

Eh si, per tutti, per le persone che vivono col paziente, per il paziente che non vuole accettare di andare in ospedale, perché ha paura di non tornare più a casa e di rimanere solo.

Quante giornate ha davanti?

Per adesso con questa unità speciale abbiamo i turni fino a fine aprile, i turni sono da 12 ore, ma alcuni giorni lavoro anche 24 ore perché faccio anche le guardie. Usca però lo faccio tutti i giorni, in diverse unità nella provincia di Brescia.

Aveva mai immaginato come medico di trovarsi a una situazione del genere?

Ah no, mai. Continuo a dirmelo tutti i giorni, sia per la pandemia, sia per questa situazione di disastro. Siamo un po’ sconcertati.

C’è qualcosa che vuole aggiungere?

Si. Ultimamente si dice che l’emergenza si stia calmando e non vorrei che le persone iniziassero ad uscire, senza controllo, il mo messaggio è che non è ancora finita e quindi…

Stiamo a casa?

Si, stiamo a casa, ripariamoci. Anche se iniziamo a vedere la luce non è ancora risolto niente.

Foto dalla pagina Facebook della Croce Rossa Italiana

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 27/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 27/10/20 delle 19:50

    Metroregione di mar 27/10/20 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 28/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rockonti di mar 27/10/20

    Rockonti di mar 27/10/20

    Rockonti - 28/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 27/10/20

    A casa con voi di mar 27/10/20

    A casa con voi - 28/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 27/10/20

    1-Spagna. Varata la legge di bilancio 2021. ..I ricchi pagheranno di più per finanziare i sussidi e la sanità. (…

    Esteri - 28/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 27/10/20

    Ora di punta di mar 27/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 27/10/20

    Uno di Due di mar 27/10/20

    1D2 - 28/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 27/10/20

    Considera l'armadillo mar 27/10/20

    Considera l’armadillo - 28/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 27/10/20

    Speciale intervista ai BlueBeaters

    Jack - 28/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 27/10/20

    Spazio Muscia Pavia, Simon Le Bon, Lou Reed, Elton John , Disc Gochi Senza Frontiere, Phil Collins, H.E.R.

    Stay human - 28/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 27/10/20

    Che infanzia si vive nel distanziamento fisico? Che adolescenza è quella in cui è vietato stare insieme, assembrarsi, toccarsi? Quella…

    Memos - 28/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 27/10/20

    Note dell'autore di mar 27/10/20

    Note dell’autore - 28/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 27/10/20

    ira rubini. cult, francesco frongia, ferdinando bruni, elfo puccini, bookcity 2020, luca formenton, oliviero ponte di pino, ricerca abitare da…

    Cult - 28/10/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 27/10/20

    A come America del mar 27/10/20

    A come America - 28/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 27/10/20

    Prisma di mar 27/10/20

    Prisma - 28/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 27/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 27/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 28/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 27/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 27/10/20

    Il demone del tardi - 28/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 27/10/20

    Fino alle otto di mar 27/10/20

    Fino alle otto - 28/10/2020

Adesso in diretta