Approfondimenti

La mancata zona rossa di Bergamo e Brescia: le domande senza risposta

zone rossa bergamo brescia

29 marzo 2020

Al tavolo tecnico scientifico che affianca il governo siedono almeno 3 rappresentanti del ministero della salute, il direttore dell’ospedale Spallanzani, il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, un delegato della Conferenza delle Regioni, la Protezione Civile, Dunque i rappresentanti di regioni, governo, protezione civile erano perfettamente a conoscenza della raccomandazione del 2 marzo da parte del massimo organo di tutela della salute pubblica italiana, che indicava di fare ad Alzano Lombardo, Nembro, Orzinuovi una zona rossa come nel lodigiano, isolando le aree e chiudendo le aziende.
Il direttore dell’ISS Giovanni Rezza lo ha confermato ai microfoni di Radio Popolare: quella raccomandazione è stata letta e discussa. Ma mai adottata. Perché? Chi non ha voluto ascoltare l’ISS?



Le mancate risposte della protezione civile

Pubblicamente si è sempre parlato di un’ipotesi, ma era qualcosa di più: una precisa indicazione nero su bianco. Quando Regione Lombardia e Governo hanno iniziato il gioco dello scaricabarile su chi doveva prendere misure più drastiche, si basavano su quell’indicazione? La protezione civile ha dato tre diverse spiegazioni, nelle diverse risposte alle domande della giornalista Veronica Di Benedetto Montaccini di The Post Internazionale.
La prima: dopo Lodi non potevamo chiudere altre aree. Ma se la chiusura era necessaria per la salute pubblica, era da fare. E l’ISS ci dice che era necessaria. Quindi perché “non potevano”?
La seconda: da li a poco il governo avrebbe preso un nuovo provvedimento.
Che però arriverà solo 1 settimana dopo, l’8 marzo, stringerà solo sui comportamenti individuali, non toccherà le aziende (per quelle passeranno altre 2 settimane), non isolerà i focolai.
La terza risposta: “le misure adottate dal governo sono state prese in ossequio ai principi di proporzionalità e adeguatezza” ha detto il capo della protezione civile Borrelli. Un’affermazione drammaticamente smentita dai fatti e da migliaia di morti. Se è stata una valutazione scientifica, è stato un drammatico errore. Se invece è stata una scelta politica, qualcuno la deve spiegare.
Perché il mancato isolamento di quelle aree, di quelle migliaia di morti ne è stata di fatto la causa. Lo sa bene il Sindaco di Orzinuovi, che è anche parlamentare e domani presenterà anche un’interpellanza urgente.
Perché queste domande non possono restare senza una risposta, e chi è titolato di quella “non decisione” deve darne conto.

 

“Chiudete Bergamo e Brescia”: L’ISS lo diceva già il 2 marzo, ma è stato ignorato

28 marzo 2020

Una zona rossa nei comuni focolaio di Bergamo e Brescia. È la richiesta che il Consiglio di Sanità ha portato al tavolo tecnico scientifico, che affianca il governo, già il 2 marzo, all’alba della diffusione del contagio. Una richiesta ufficiale mai presa in considerazione. Da lì in poi il virus è dilagato nelle due province, con migliaia di contagiati e di morti.

Medici, sindaci, cittadini lo dicono da tempo: non chiudere le aree focolaio nelle province di Bergamo e Brescia è stato un errore determinante. La conferma arriva da un documento ufficiale che lo metteva nero su bianco, ma è stato ignorato. La notizia compare per la prima volta sul quotidiano online The Post Internazionale il 25 marzo.

Nell’ambito di un reportage da Bergamo, la giornalista Francesca Nava rivela che una nota tecnica dell’Istituto Superiore di Sanità chiedeva che nei comuni bergamaschi di Alzano Lombardo e Nembro e in quello bresciano di Orzinuovi, venisse creata una zona rossa, come quella di Codogno. Quindi aree isolate e chiusura delle imprese.

Sabato 28 marzo la giornalista Nuri Fatolahzadeh del Giornale Di Brescia dà conto della conferma da parte dell’ISS di questo carteggio interno al comitato tecnico scientifico, dove siedono rappresentanti delle regioni, della Protezione Civile, del Ministero della Salute, quindi del governo.

Erano i giorni di “Milano non si ferma”, “Bergamo non si ferma”, quelli degli aperitivi e degli inviti a non fermare il commercio, quelli in cui Confindustria premeva per non fermare le produzioni nonostante fosse già chiaro che in quelle aree il contagio si stesse allargando senza un freno e la nota tecnico scientifica diceva chiaramente questo: si deve chiudere. Non a caso la nota sottolineava la vicinanza di importanti centri urbani, come ulteriore fattore di rischio.
TPI aggiunge che questa nota viene ulteriormente integrata il 5 marzo, ma in questo caso non c’è conferma di chi l’abbia vista. La nota del 2 marzo, però, sul tavolo del comitato tecnico scientifico c’era: lo conferma sempre a TPI la Protezione Civile.

L’abbiamo valutata ma non si poteva chiudere tutto. È stato già doloroso fare quelle zone rosse che abbiamo fatto” sono le risposte preoccupanti che Agostino Miozzo della Protezione Civile dà alle domande di Veronica Di Benedetto Montaccini. “Stavamo valutando e poi è stato deciso il lockdown nazionale”, aggiunge Miozzo. I cosiddetto lockdown nazionale arriva però solo l’8 marzo e, come sappiamo, non chiude le imprese e prende prime blande restrizioni comuni a tutto il territorio, ignorando la situazione specifica di zone di fatto focolaio.

Un primo decreto sulle imprese arriverà solo il 22 marzo, quello definitivo il 25. Nel frattempo nelle province di Bergamo e Brescia i morti ufficiali sono oltre 2.000, ma secondo i sindaci è una cifra ampiamente sottostimata.

Foto dalla pagina Facebook del Dipartimento di Protezione Civile

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 28/05

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 28/05 delle 07:15

    Metroregione di gio 28/05 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 28/05/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tempi Diversi di gio 28/05

    Tempi Diversi di gio 28/05

    Tempi diversi - 28/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session (Stay Human) 28-05-20 (seconda parte)

    Per salutare Massimo Villa ascoltiamo l'ultima puntata di Jazz Club registrata dal Portogallo il 24 agosto 2019. (seconda parte)

    Radio Session (Stay Human) - 28/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session (Stay Human) 28-05-20 (prima parte)

    a cura di Claudio Agostoni (prima parte)

    Radio Session (Stay Human) - 28/05/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 28/05

    Covid-19 e Clima, l’infezione da coronavirus e il surriscaldamento del clima a causa dell’effetto serra. Tra i due fenomeni c’è…

    Memos - 28/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 28/05/20

    VITTORIO EMANUELE PARSI - VULNERABILI. COME LA PANDEMIA CAMBIERA' IL MONDO - presentato da ANDREA MONTI

    Note dell’autore - 28/05/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 28/05

    ira rubini, cult, alma rosè, manuel ferreira, come mi batte forte il tuo cuore, walter tobagi, corriere della sera, premio…

    Cult - 28/05/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 28/05

    cosa accade nei servizi di medicina dal lavoro delle ATS; qual è il prezzo dei test e dei tamponi nei…

    37 e 2 - 28/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/05 (terza parte)

    Alle elementari stop ai voti, si torna al giudizio; l'anniversario della la strage di piazza della Loggia a Brescia (terza…

    Prisma - 28/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/05 (seconda parte)

    I dati lombardi e la riapertura: l'intervista a Giovanni Rezza dell'Istituto superiore della sanità; lo scontro Milano-Sardegna (seconda parte)

    Prisma - 28/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 28/05 (prima parte)

    Recovery fund, l'opinione dell'economista dell'Universita’ di Bologna Paolo Manasse (prima parte)

    Prisma - 28/05/2020

  • PlayStop

    Fra mille e mille anni

    Scritta da Hans Christian Andersen e narrata da Alessandro Principe

    Favole al microfono - 28/05/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/05

    Rassegna stampa internazionale di gio 28/05

    Rassegna stampa internazionale - 28/05/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/05

    Il demone del tardi - copertina di gio 28/05

    Il demone del tardi - 28/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 28/05 (terza parte)

    Fino alle otto di gio 28/05 (terza parte)

    Fino alle otto - 28/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 28/05 (seconda parte)

    Fino alle otto di gio 28/05 (seconda parte)

    Fino alle otto - 28/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 28/05 (prima parte)

    Fino alle otto di gio 28/05 (prima parte)

    Fino alle otto - 28/05/2020

  • PlayStop

    Funk Shui 55

    Tracklist: 1. Monophonics - It’s Only Us ..2. Liam Bailey - Fight ..3. Omar - Feeds My Mind feat. Floacist…

    Funk shui - 28/05/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead 75

    Playlist: 1. Professor Shepp's Agenda 1, Damu the Fudgemunk, Archie Shepp and Raw Poetic, Ocean Bridges, Redefinition Records, 2020..2. Professor…

    Jazz Ahead - 28/05/2020

Adesso in diretta