Approfondimenti

Codogno, l’emergenza è finita

Protezione Civile Codogno

Sembra tutto come prima, ma non lo è“. La frase di una signora che saluta allegramente le amiche al bar dopo tanto tempo, esprime il sentimento comune a Codogno, a distanza di 90 giorni dalla scoperta del paziente 1 che ha fatto del capoluogo della bassa lodigiana, l’ombelico del COVID in Italia.

Alla stazione di prima mattina pochissima gente, qualche decina di passeggeri per ogni convoglio per Milano o Piacenza, la bigliettaia ci dice che erano almeno dieci volte tanto. Ma la vita della cittadina di 16mila abitanti giorno dopo giorno riprende. Oggi è giorno di mercato, ancora limitato ai soli generi alimentari, e i volontari della Protezione Civile prendono la temperatura con i termoscanner e spruzzano il disinfettante sulle mani di chiunque entri al mercato in piazza.

In tutto sono un cinquantina, attivi dai primi giorni, e tra una settimana smetteranno di prestare il loro servizio. I negozi sono quasi tutti aperti, anche se qualcuno ha preferito per precauzione rinviare ai primi di giugno. Alla messa del mattino il parroco, in mascherina, dispensa l’ostia con i guanti nelle mani di una trentina di fedeli.

Quando comincia a piovigginare tra i dehors dei bar nessuno si scompone. Si aprono gli ombrelloni, la riconquista dello spazio pubblico. E si continua a parlare della cassa integrazione che non arriva e delle aziende da far lavorare. La crisi dopo la chiusura.

Che il COVID sia stato scoperto – in un certo senso – qua è per molti una fortuna: “Abbiamo due settimane di vantaggio sugli altri“, dicono, riferendosi alla zona rossa che qui ha anticipato in maniera più restrittiva il resto d’Italia.

I dati ufficiali registrano 212 decessi nel Comune, il doppio del consueto, e ancora una trentina di malati all’ospedale civile, dove oggi c’era una lunga coda di persone chiamate, forse in troppe, al prelievo per il test sierologico. Sono tutti quarantenati o contatti stretti con malati che non sono mai stati tamponati e più che preoccupati, sono increduli che proprio qua li stiano testando solo ora.

Il dibattito sanitario in città oggi è dedicato alla petizione di oltre 7.500 cittadini per la riapertura e il mantenimento del pronto soccorso che è stato trasferito per il COVID a Lodi, ma che era a rischio nei programmi della Regione. L’ospedale serve eccome e adesso guai a chi lo tocca. Anche se i nuovi casi in tutta la Provincia di Lodi ieri erano due.

L’emergenza è finita. “Ma queste due settimane sono decisive“, ci dice il capo dei vigili. E ogni giorno è come essere alla prova generale, di quel qualcosa che tutti ancora chiamano normalità.

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Codogno

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 26/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 26/11/20 delle 19:48

    Metroregione di gio 26/11/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica - 27/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 26/11/20

    1- L’America Latina e Diego Armando Maradona. Un idolo popolare che ha saputo unire un continente . ( Alfredo Somoza)…

    Esteri - 27/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues - 27/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 26/11/20

    Uno di Due di gio 26/11/20

    1D2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l’armadillo - 27/11/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 26/11/20

    Jack di gio 26/11/20

    Jack - 27/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay human - 27/11/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 26/11/20

    La solitudine del capitalismo. E’ l’unico sistema economico sopravvissuto alla fine della guerra fredda. E’ la tesi dell’economista Branko Milanovic,…

    Memos - 27/11/2020

  • PlayStop

    Daniele Zovi, Autobiografia della neve

    DANIELE ZOVI - AUTOBIOGRAFIA DELLA NEVE - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 27/11/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 26/11/20

    ira rubini, cult, feltrinelli educational, feltrinelli piemonte, massimiliano tarantino, ruben jais, laverdi online, el diego, roberto de simone, maradona, teatro…

    Cult - 27/11/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 26/11/20

    Le risposte alle vostre domande; Cuba: come ha affrontato il Coronaviru? Ne parliamo con Franco Cavalli, oncologo, già presidente dell’Unione…

    37 e 2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 26/11/20

    La morte di Diego Armando Maradona, con il maestro di strada ed ex sottosegretario all'istruzione Marco Rossi Doria, Peppe Servillo…

    Prisma - 27/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 27/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 26/11/20

    Fino alle otto di gio 26/11/20

    Fino alle otto - 27/11/2020

Adesso in diretta