Approfondimenti

Che cosa sta capitando in Afghanistan a un mese e mezzo dalla conquista di Kabul

Una delle più importanti procuratrici di tutto l’Afghanistan, che lottava per proteggere altre donne dalle violenze domestiche, ora vive nascosta. La chiameremo Farishta, con un nome di fantasia. Man mano che i talebani hanno preso il potere – di città in città – hanno liberato prigionieri, criminali e militanti islamisti. Tra questi anche Mohamad Gol, un presunto kamikaze che Farishta aveva scovato e fatto arrestare. Farishta ha raccontato alla BBC di aver ricevuto una sua chiamata di minaccia, per vendicarsi. E così, è costretta a vivere nascosta, spostandosi da un posto all’altro. La storia di Farishta è quella di molte altre donne che negli anni avevano deciso di entrare nella società civile e farsi conoscere. Avvocatesse come lei o altre professioniste che oggi devono nascondersi. Ci sono poi donne che dopo essere state protette e ospitate in rifugi anti-violenza, ora sono costrette a mettere di nuovo in discussione la propria esistenza. Come Zari, 28 anni, sopravvissuta a tante violenze in famiglia, che ora rischia di ritrovarsi di nuovo sola.

Molti centri di aiuto per le donne presenti in Afghanistan, su indicazione dei talebani, hanno chiuso i battenti, racconta il Guardian. Sono state rimandate a casa e, quindi, dai propri aggressori. Altri, sono ancora aperti e tengono le donne nascoste anche se non vogliono accogliere altre donne abusate nelle loro strutture. Questa, come tante altre storie, mette in luce la precarietà della condizione femminile nel paese e le tante incognite sul futuro. Oltre alle donne, a essere colpiti maggiormente dalla crisi umanitaria, economica, politica e sociale che ora l’Afghanistan sta vivendo sono i bambini. Molti sono costretti a lavorare e, per farlo, rischiano anche la vita. È il caso di centinaia di bambini, alcuni di appena sette o otto anni, che ogni giorno attraversano il confine con il Pakistan e con gli altri paesi vicini nascondendosi sotto ai camion per il trasporto merci. Nelle loro tasche, sigarette e dolci per il contrabbando. Tutto per guadagnare circa 10 dollari a viaggio, rivelano alla BBC. “Meglio rischiare che morire di fame”, dicono. Altri bambini chiedono l’elemosina, abbracciati alle loro madri che indossano il burqa, nel quartiere Shahr-e Naw di Kabul.

Un quartiere che era tra i più moderni della capitale. Ora abbandonato a se stesso e ritratto nelle foto di William Daniels per Le Monde. Le città afghane, sotto i talebani, hanno preso un’altra conformazione. Migliaia di sfollati, in fuga dalle violenze dei talebani, ora vivono in alloggi di fortuna, come nelle tante tende allestite in un parco pubblico proprio nel quartiere Shahr-e Naw. Tra gli sfollati c’è anche Nor Agha Nori. Mentre culla due dei suoi bambini, racconta a Reuters di come vive da quando i talebani hanno preso il potere: “Siamo sette persone in famiglia e non abbiamo pranzato né cenato”, dice. “Finora, non abbiamo ricevuto alcun aiuto da nessuno”. A un mese e mezzo dalla conquista di Kabul, l’economia afghana è in caduta libera. Mancano gli aiuti internazionali e umanitari. E le storie, dai centri alle periferie sono molto diverse. Mentre nella capitale gli afghani aspettano di vedere come governeranno i talebani, nelle zone più rurali – come a Sinzai – lo sanno già.

Qui vige la sharia, e anzi, questo è interpretato come un momento di pace, dopo che per anni proprio i territori più periferici sono stati quelli più colpiti dagli attacchi americani. “Gli americani non ci hanno lasciato nulla”, ha detto Khan Mohammed, proprietario di un negozio fuori da una base militare americana al Washington Post. Anche qui, nonostante le interpretazioni diverse che si possono dare agli ultimi vent’anni di storia afghana, però si vive la fame. Gli afghani cercano di sopravvivere ma la speranza di molti resta quella di partire. Come dimostra la folla che si è radunata non appena l’ufficio passaporti di Kabul ha riaperto.

di Simonetta Poltronieri

Foto | Kabul

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 22/04 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 22/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/04/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 22/04/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 22-04-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 22/04/2024

    Ospite della puntata Alain Johannes per una bella intervista con tre brani live.

    Jack - 22-04-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 22/04/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi Giornata della Terra ha ospitato Ed Winters, autore del libro Questa è propaganda Vegan, @edizioni Sonda, @Essere Animali per parlare del suo libro, ma anche di Mulazzano e del CLA Club Lettori Accaniti della scuola secondaria e della presentazione di Me l'ha detto l'armadillo, @Altreconomia editore e scopriamo che Ed voleva essere scoiattolo

    Considera l’armadillo - 22-04-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 22/04/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-04-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 22/04/2024

    Oggi a Cult: Massimiliano Tarantino introduce il ciclo di incontri "Democrazia a rischio" presso la Fondazione Feltrinelli, fra cui quello del 23 aprile con Antonio Scurati, recentemente censurato dalla RAi per il suo monologo antifascista; Giacomo Papi su "A cena con Kafka", appuntamento del Laboratorio Formentini; Martina Bagnoli, la nuova direttrice dell'Accademia Carrara; Mario Pianta di Sbilanciamoci.it sul convegno e la serata dedicati a Rossana Rossanda a Roma; la rubrica di classica a cura di Giuseppe Califano...

    Cult - 22-04-2024

  • PlayStop

    Un 25 aprile Popolare - E13

    Milano capitale della Resistenza ospiterà un museo nazionale della Resistenza per capire cosa sarà e soprattutto come vuole raccontare il movimento di Liberazione, la lotta, la storia c'è un sito già al lavoro, ricco di proposte: www.museodellaresistenza.it. Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese con voci, testimonianze e progetti.

    Clip - 22-04-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 22/04/2024

    Il caso Scurati e la destra al potere. Per i meloniani l’antifascismo è un nemico, non un valore. Lo spiega il ministro Lollobrigida, di Fratelli d’Italia, che replica così al monologo censurato: «la parola antifascista è troppo generica...purtroppo ha portato in tanti anni a morti». Il partito di Meloni non rinuncia alla fiamma nel simbolo, presentato anche alle europee. Una conferma del legame ideologico di FdI con la storia del neofascismo in Italia. Ospiti a Pubblica lo storico Luca Alessandrini e lo scrittore Sandro Veronesi.

    Pubblica - 22-04-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 22/04/2024

    Con o senza nome? Il PD discute se inserire il nome della Segretaria nel simbolo elettorale delle prossime europee. Questione di lana caprina, di adeguamento all'oggi o di rinuncia a una tradizione? Conduce Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 22-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 22/04/2024

    Angelo Miotto, ci racconta il successo storico della sinistra nelle elezioni nei Paesi Baschi; Sabato Angeri, analizza le conseguenze dello sblocco degli aiuti militari statunitensi all'Ucraina; Mattia Guastafierro ci parla della Resistenza nel sud ovest milanese nella rubrica "un 25 aprile popolare"; Anna Bredice ci spiega i dibattito nel Pd sul simbolo con il nome di Elly Schlein per le Europee; Lucia Ercoli (intervistata da Massimo Alberti) mette in relazione la rinuncia alla cure con l'impoverimento delle famiglie; Valentino Segato della Cgil annuncia le iniziative sulla filiera della raccolta e trattamento dei rifiuti dopo l'incidente mortale in un impianto di Cusago di venerdì notte.

    Giorni Migliori – Intro - 22-04-2024

  • PlayStop

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME

    STEFANO BUCCI - L'ARCHITETTURA HA TANTE ANIME - presentato da Tizian Ricci

    Note dell’autore - 22-04-2024

Adesso in diretta