Approfondimenti

Firenze, il Gabinetto Vieusseux compie 200 anni. Intervista alla presidente Alba Donati

  • Play
  • Tratto dal podcast
    Cultura |
Gabinetto Vieusseux di Firenze

Il 25 gennaio è stata inaugurata a Firenze la mostra che dà inizio alle celebrazioni per i 200 anni del Gabinetto G. P. Vieusseux, l’unico ancora attivo dalla sua fondazione. Sono molte le iniziative in programma per il bicentenario di questa istituzione culturale e per questo abbiamo deciso di parlarne direttamente con la presidente del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux, Alba Donati.

L’intervista di Ira Rubini a Cult.

Cosa è stato e perché è sopravvissuto il Vieusseux?

Non possiamo sapere perché è sopravvissuto, ma siamo felici che questo sia successo. Come tutte le istituzioni avrebbe potuto cedere il passo alla modernità che andava in altre direzioni, ma per fortuna ha resistito. Per i primi cento anni ha resistito grazie ai Vieusseux e la mostra “Il Vieusseux dei Vieusseux. Libri e lettori tra Otto e Novecento” testimonia proprio i primi 100 anni del Gabinetto Vieusseux, quando era di proprietà della famiglia Vieusseux.
Era il 25 gennaio 1820 quando Giovan Pietro Vieusseux scelse Firenze, che era un crocevia di intellettuali di tutto il Mondo, per aprire questo gabinetto di lettura in cui far arrivare i giornali di tutti i Paesi di quella che oggi è l’Europa, dalle riviste letterarie a quelle scientifiche, creando un luogo unico per Firenze e l’Italia.

Cosa viene esposto nella mostra?

La mostra è un percorso che ricostruisce le tre sedi iniziali del Gabinetto Vieusseux: Palazzo Buondelmonti, Palazzo Feroni e Palazzo Vieusseux in via Vecchietti. Tra le cose più affascinanti che si possono vedere ci sono sicuramente i due grandi libri: il Libro dei prestiti e il libro delle firme. Chi arrivava al Vieusseux doveva firmare, dire dove stava a Firenze e quanto si sarebbe fermato. Questo poi è diventato un importantissimo materiale di studio, perché oggi ci permette di conoscere i vari spostamenti degli intellettuali. E il libro dei prestiti è altrettanto importante. Andando a vedere da vicino questo libro vediamo che negli anni in cui Dostoevskij era a Firenze e in cui scriveva L’idiota aveva presto in prestito Madame Bovary. E poi ci sono anche alcune cose che non sono in mostra ma che sono testimoniate da alcuni documenti, come l’incontro storico nel 1827 tra Giacomo Leopardi e un Manzoni già famoso. Queste cose possiamo toccarle con mano grazie ad un touch screen che permette ai visitatori di andare a spulciare i due libri pagina per pagina.

Parliamo anche della vostra idea di creare un archivio delle scrittrici del nuovo millennio. Come funzionerà?

L’idea di fare un archivio delle donne viene da alcuni punti chiave. Ho la percezione che in questo periodo storico le donne stiano producendo il meglio della letteratura mondiale. E non credo di essere la sola a pensarlo. L’altro aspetto molto importante è il cambio totale del modo di scrivere. E quindi mi sono detta che sarebbe interessantissimo capire oggi come scrivono autrici come Michela Murgia, Nadia Terranova, Teresa Ciabatti o Laura Pugno e come tengono conto delle loro modifiche. Non sarà soltanto una ricchezza avere questo materiale, ma sarà anche interessante studiarlo. Ci dirà qualcosa su come oggi le scrittrici lavorano. Per ognuna di loro bisognerà attivare un percorso differente e credo che tra qualche anno sarà molto interessante avere un archivio del genere.

La mostra “Il Vieusseux dei Vieusseux. Libri e lettori tra Otto e Novecento. 1820 – 1923” sarà aperta fino al 30 giugno 2020 al Palazzo Corsini Suarez di via Maggio 42 a Firenze.

Foto dalla pagina Facebook del Gabinetto G. P. Vieusseux

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 25/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 25/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 25/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 24/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/06/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 24/06/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 25/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 24/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/06/2022

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Long John Silver

    LUCA CROVI, PEPPO BIANCHESSI – IL LIBRO SEGRETO DI LONG JOHN SILVER – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 24/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 25/06/2022

Adesso in diretta