Approfondimenti

1960, l’anno delle indipendenze africane: Congo

Les Bantous Congo

Brazzaville e Kinshasa, l’ex Leopoldville, sono le due capitali più vicine del mondo, separate solo dal fiume Congo: Brazzaville capitale della Repubblica del Congo, Kinshasa capitale della Repubblica Democratica del Congo. Ma il loro peso nelle vicende della musica africana è stato ben diverso: da Leopoldville/Kinshasa nella seconda metà del Novecento si è irradiato il filone di musica africana moderna – la rumba congolese – in assoluto più influente, ascoltato, ballato del Continente. Decisamente più modesto, il ruolo di Brazzaville non è stato però privo di gloria.

A Brazzaville – allora Congo francese – delle formazioni di musica moderna esistono già negli anni quaranta; nel ’54 nasce poi una formazione che si chiama Négro Jazz: ma dall’altra parte del fiume, a Leopoldville – Congo belga – la situazione in termini di studi di registrazione e di etichette discografiche è già negli anni cinquanta molto migliore. Così i giovani di Négro Jazz vanno a cercare fortuna sull’altra sponda del fiume Congo: una volta a Leopoldville, Négro Jazz si disperde. Uno dei musicisti della formazione, il cantante Edo Nganga, si ritrova nel ’56 a partecipare alle origini di Ok Jazz, l’epocale formazione con cui Franco dominerà la scena congolese e giganteggerà per tre decenni nel continente.

Ma alla fine degli anni cinquanta nel Congo Belga la spinta verso l’indipendenza cresce e a Leopoldville la situazione si agita. Così nel ’59 Edo Nganga e altri musicisti originari del Congo francese rientrano a Brazzaville: in mente hanno anche di dare vita nella loro città ad una nuova formazione.

Come nome scelgono Les Bantous de la Capitale, ed esordiscono in un bar alla moda di Brazzaville il 15 agosto del ’59: esattamente un anno dopo, a ruota del Congo Belga che diventa indipendente il 30 giugno del ’60, il Congo francese il giorno di ferragosto diventa la Repubblica del Congo.

Sono Les Bantous de la Capitale a dare al Congo Brazzaville degli anni dopo l’indipendenza la sua tonalità musicale. Les Bantous saranno inviati a rappresentare il loro paese in alcune delle occasioni emblematiche dell’Africa dell’era delle indipendenze: il Festival Mondiale delle Arti Negre di Dakar nel ’66, il Festival Panafricano di Algeri nel ’69, il Festac di Lagos nel ’77. Ma saranno largamente apprezzati anche fuori dal loro paese non solo per questa funzione di ambasciatori ma per la qualità della loro musica, influenzata, come la rumba di Kinshasa, dalla musica afrocubana.

Raccontando la realtà e la quotidianità, attraversando i problemi e i drammi del loro paese, Les Bantous sono arrivati fino ai giorni nostri: Edo Nganga, ultimo sopravvissuto della formazione originaria, che si è esibito con Les Bantous ancora nell’ultimo decennio, ha fatto in tempo nel 2019 a festeggiare i sessant’anni del complesso che aveva fondato, prima di mancare nel giugno dell’anno scorso, a Brazzaville, a 86 anni. Due mesi prima di morire aveva cantante per una canzone destinata a sensibilizzare alle precauzioni contro il Covid.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 06/07/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 06/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/06/2022

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 06/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 06/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/06/2022

  • PlayStop

    Addio a Lisetta Carmi, la fotografa degli ultimi

    Ci ha lasciato all'eta' di 98 anni Lisetta Carmi, fotografa di fama internazionale e sorella dell'artista Eugenio Carmi. Viveva da…

    Clip - 07/06/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 06/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/06/2022

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di mercoledì 06/07/2022

    Il 12 luglio del 1962 i Rolling Stones suonarono il loro primo concerto, al Marquee di Londra. Esattamente 60 anni…

    Midnight Ramblers - 07/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 06/07/2022

    Quando magnanimi regaliamo biglietti dei concerti, tra pub e fantasmi vi portiamo in giro per Dublino, facciamo un saltello a…

    Poveri ma belli - 07/06/2022

  • PlayStop

    Cult Estate di mercoledì 06/07/2022

    A Cult Estate di oggi: Lucilla Giagnoni con "Anima Mundi" al Festival di Villa Arconati, Elisa Pol con Sosta Palmizi…

    Cult - 07/06/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 3

    Joao Gilberto

    Odara – Caetano Veloso #80 - 06/07/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa dei quotidiani in edicola oggi inizia con la politica e le analisi su quel che potrà succedere…

    Radiosveglia - 07/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 06/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/06/2022

  • PlayStop

    Music revolution di martedì 05/07/2022

    La musica è rivoluzione.  A volte perché è stata usata per manifestare un’idea, altre volte perché ha letteralmente scardinato lo…

    Music Revolution - 07/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di martedì 05/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 05/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/05/2022

Adesso in diretta