Approfondimenti

Virus, quarant’anni fa lo sgombero da Via Correggio 18

Virus Via Correggio 18

È quasi il tramonto, e, dopo un momento di incertezza, una piccola imbarcazione scivola lungo il Tamigi. 4 ragazzi, seguiti da un gruppo di persone, entrano sotto coperta, imbracciano i loro strumenti e iniziano a suonare. La musica è a tutto volume, arrabbiata. Quelli sono i Sex Pistols, e la canzone è “God save the queen”.

L’esibizione dei Sex Pistols contemporaneamente ai festeggiamenti dei venticinque anni di regno di Elisabetta 2, resta una delle esibizioni più conosciute del punk. Per l’epoca, una vera e propria derisione delle istituzioni. Circa 1300km più a sud-est, a Milano, si legge della performance della band inglese. Anche qui la prima ondata punk ha messo radici. Le influenze sono quelle dei movimenti di studenti e operai del ‘77. L’abito, quello degli apripista americani e inglesi. I capelli sono dritti come spilli, poi chiodi, abiti scuri o comunque esuberanti, seguendo sempre la pratica del fai da te. E poi c’è la musica ovviamente. Le influenze di band, come i Crass, che si portano dietro un messaggio politico

In una Milano che andava sempre di più a costruire la sua identità di città “da bere”, moderna e lavoratrice, la subcultura punk trova spazio sulle riviste ritagliate e fotocopiate, come la punkzine Xerox. Ma soprattutto riesce a trovare un luogo in cui realizzare la propria visione.

Via Correggio 18 si trova in pieno centro a Milano. L’edificio faceva parte di una ex fabbrica, già occupata nel ’75 dal Comitato di quartiere Magenta. Era diventata una casa “liberata” che dava ospitalità a famiglie senzatetto, operai ribelli, hippie e femministe. I reduci della militanza politica degli anni Settanta, gli artisti del Vidicon e i giovani punk si trovarono a convivere in una piccola oasi.

Ai punk di via Correggio viene assegnato un magazzino che diventa la sede del collettivo Virus. Si fanno eventi e concerti, riunione per affrontare temi sociali urgenti. Il punk, o meglio il Punx con la x, si lega alle battaglie dell’epoca e dà voce alla rabbia e all’insoddisfazione per lo status quo. Ma le attività del collettivo non sono ben viste da tutti.

Sono le 6 e 30 del mattino del 15 maggio 1984 e l’esperienza di Via Correggio 18 sta per concludersi.
La polizia in tenuta antisommossa sgombera l’edificio. Il collettivo Virus, come anche le famiglie che lo abitavano, sono costretti a lasciare le proprie stanze senza portare via niente. Dopo un tentativo di rientrare nella struttura, subito sventato dalla polizia, il virus occupa uno spazio in via Bonomelli per riprendere l’attività. Lo sgombero porta alla perdita di una parte del gruppo, ma un nucleo duro di Punx continua le attività del Virus, fino al 1989. Ancora oggi, molti membri di questo collettivo continuano il loro lavoro di racconto dell’esperienza del Virus e di via Correggio 18.

Francesca Abruzzese
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 19/05/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 19-05-2024

Adesso in diretta