Approfondimenti

Vincenzo De Luca e il disagio crescente dentro al Pd

Le dichiarazioni del ministro della Giustizia, Andrea Orlando sul presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca sono un’incrinatura nel coro unanime della maggioranza renziana del Pd. E sono la spia di un imbarazzo che fatica a rimanere sottotraccia, al di là della divisione ormai consolidata tra sostenitori del Presidente del Consiglio e minoranze critiche.

Orlando conosce molto bene la Campania essendo stato commissario del partito a Napoli nel 2011, dopo lo scandalo delle irregolarità alle primarie per le elezioni comunali. E si trova in una posizione politica scomoda. È coinvolto in quanto Guardasigilli e in quanto dirigente del Partito Democratico perchè un’inchiesta della magistratura ipotizza che un Pubblico Ministero della Procura di Napoli, Anna Scognamiglio, avesse minacciato De Luca di scrivere una sentenza a lui sfavorevole sulla applicazione della “legge Severino” se non fossero arrivati i favori richiesti e che De Luca, indagato per concussione, avesse omesso di denunciare.

Vincenzo De Luca non è uno qualunque: è il presidente di una Regione dove il potere dei leader locali è più forte e al contempo è meno controllabile da Roma.

Idealmente quindi, Orlando in queste ore è al centro delle tensioni che attraversano l’inchiesta di Napoli da una parte e il Pd dall’altra.

Ecco perché le sue parole sono importanti. Quell’ “io in Campania avrei sostenuto un altro candidato” pur se mitigato dalla dichiarazione di lealtà all’esito delle primarie, è uno schiaffo a Renzi. Del resto Orlando ha affermato anche che il partito abbia bisogno, parole sue, di una “profonda revisione”. Renzi non ha certo prolemi di tenuta della sua maggioranza ma la presa di posizione di Orlando ha oggi un peso specifico superiore agli attacchi quotidiani delle minoranze interne.  Le sue critiche, inoltre, mettono in evidenza un aspetto fin qui rimasto sottotraccia: Renzi non ha uno stretto controllo della periferia del Partito Democratico. I critici del premier-segretario spesso citano la Democrazia Cristiana per denunciare la trasformazione politica del Pd. “Il modello è piuttosto un altro – dice a Radio Popolare un dirigente del Pd – il modello è l’età giolittiana”. Un potere centrale molto forte, cui si contrappone un potere dei notabili a livello locale che Renzi fatica a controllare, o non vuole farlo.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 27/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 27/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 27/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 27/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 27/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 27/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 27/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 27/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la nuova edizione di Suoni Mobili a…

    Cult - 27/06/2022

  • PlayStop

    Carla De Bernardi, Storia di Milano. Guida per curiosi e ficcanaso

    CARLA DE BERNARDI - STORIA DI MILANO. GUIDA PER CURIOSI E FICCANASO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 27/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 27/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 27/06/2022

    Commentiamo i risultati delle elezioni comunali con Daniela Preziosi, Carlo Galli e Claudio Jampaglia. Covid, la nuova ondata spiegata da…

    Prisma - 27/06/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 27/06/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 27/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 27/06/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 27/06/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 27/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 27/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 27/06/2022

Adesso in diretta