Approfondimenti

Vincenzo De Luca e il disagio crescente dentro al Pd

Le dichiarazioni del ministro della Giustizia, Andrea Orlando sul presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca sono un’incrinatura nel coro unanime della maggioranza renziana del Pd. E sono la spia di un imbarazzo che fatica a rimanere sottotraccia, al di là della divisione ormai consolidata tra sostenitori del Presidente del Consiglio e minoranze critiche.

Orlando conosce molto bene la Campania essendo stato commissario del partito a Napoli nel 2011, dopo lo scandalo delle irregolarità alle primarie per le elezioni comunali. E si trova in una posizione politica scomoda. È coinvolto in quanto Guardasigilli e in quanto dirigente del Partito Democratico perchè un’inchiesta della magistratura ipotizza che un Pubblico Ministero della Procura di Napoli, Anna Scognamiglio, avesse minacciato De Luca di scrivere una sentenza a lui sfavorevole sulla applicazione della “legge Severino” se non fossero arrivati i favori richiesti e che De Luca, indagato per concussione, avesse omesso di denunciare.

Vincenzo De Luca non è uno qualunque: è il presidente di una Regione dove il potere dei leader locali è più forte e al contempo è meno controllabile da Roma.

Idealmente quindi, Orlando in queste ore è al centro delle tensioni che attraversano l’inchiesta di Napoli da una parte e il Pd dall’altra.

Ecco perché le sue parole sono importanti. Quell’ “io in Campania avrei sostenuto un altro candidato” pur se mitigato dalla dichiarazione di lealtà all’esito delle primarie, è uno schiaffo a Renzi. Del resto Orlando ha affermato anche che il partito abbia bisogno, parole sue, di una “profonda revisione”. Renzi non ha certo prolemi di tenuta della sua maggioranza ma la presa di posizione di Orlando ha oggi un peso specifico superiore agli attacchi quotidiani delle minoranze interne.  Le sue critiche, inoltre, mettono in evidenza un aspetto fin qui rimasto sottotraccia: Renzi non ha uno stretto controllo della periferia del Partito Democratico. I critici del premier-segretario spesso citano la Democrazia Cristiana per denunciare la trasformazione politica del Pd. “Il modello è piuttosto un altro – dice a Radio Popolare un dirigente del Pd – il modello è l’età giolittiana”. Un potere centrale molto forte, cui si contrappone un potere dei notabili a livello locale che Renzi fatica a controllare, o non vuole farlo.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 17/09/21 delle 19:49

    Metroregione di ven 17/09/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 18/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 18/09/21

    Mash-Up di sab 18/09/21

    Mash-Up - 18/09/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 17/09/21

    Doppia Acca di ven 17/09/21

    Doppia Acca - 18/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 17/09/21

    News Della Notte di ven 17/09/21

    News della notte - 18/09/2021

  • PlayStop

    psicoradio di ven 17/09/21

    psicoradio di ven 17/09/21

    Psicoradio - 18/09/2021

  • PlayStop

    Live story di ven 17/09/21

    Live story di ven 17/09/21

    Live Story - 18/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di ven 17/09/21

    Quel che resta del giorno di ven 17/09/21

    Quel che resta del giorno - 18/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 17/09/21

    Esteri di ven 17/09/21

    Esteri - 18/09/2021

  • PlayStop

    The Game di ven 17/09/21

    //PNRR, ad agosto è arrivata in Italia la prima tranche dei quasi 200 miliardi di euro stanziati dalla Commissione europea.…

    The Game - 18/09/2021

  • PlayStop

    Decimo anniversario di Occupy Wall Street

    L'intervista Noam Chomsky un anno dopo l'inizio delle occupazioni a New York e nel resto degli Stati Uniti

    Gli speciali - 17/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di ven 17/09/21

    Muoviti muoviti di ven 17/09/21

    Muoviti muoviti - 18/09/2021

  • PlayStop

    Come Twitch salva le lingue in estinzione

    Andrea Daniele Signorelli ci parla di Twitch mentre con Erica Casati scopriamo la nascita del Karaoke

    Di tutto un boh - 18/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 17/09/21

    Si parla con Enrico Salierno, vicepresidente di Sea Shepherd Italia della strage di Cetacei alle Isole Faroe, dei risultati dell'Operazione…

    Considera l’armadillo - 18/09/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 17/09/21

    Jack di ven 17/09/21

    Jack - 18/09/2021

  • PlayStop

    Mauro Mauro il dinosauro

    quando svuotiamo le cantine dei nostri avi in cerca di giocattoli da rivendere all'asta e poi presentiamo in anteprima la…

    Poveri ma belli - 18/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 17/09/21 delle 12:50

    Seconda pagina di ven 17/09/21 delle 12:50

    Seconda pagina - 18/09/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 17/09/21

    ira rubini, cult, piccolo estate, the walk, amal, marionetta gigante, emergency, alice palazzi, tiziana ricci, MIART 21, fieramilanocity, carlo boccadoro,…

    Cult - 18/09/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di ven 17/09/21

    Facciamo il punto sulla situazione della pandemia; ascoltiamo alcune testimonianze di persone i cui diritti sempre relativi alla lotta alla…

    37 e 2 - 18/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Barona

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 18/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 17/09/21

    Prisma di ven 17/09/21

    Prisma - 18/09/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 17/09/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 17/09/21

    Il giorno delle locuste - 18/09/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 17/09/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 17/09/21

    Il demone del tardi - 18/09/2021

Adesso in diretta