Approfondimenti

Un pullman, dei profughi dall’Ucraina, la solidarietà e tutti noi

pullman Milano Ucraina Jampaglia

Milano domenica mattina al parcheggio della stazione della metropolitana Cascina Gobba c’è un pullman in arrivo da cui scendono donne, bambini e anziani. Abbracci, lacrime e molta gratitudine tra questi umani. Tutti hanno un parente o un amico che li aspetta, i più fortunati sulla banchina, tra abbracci e commozione, altri un po’ più lontano e quindi ci sono delle cittadine che si sono offerte sul sito dell’associazione Refugees Welcome per accompagnarli a destinazione.
Ecco le loro voci:

Sul lunotto del pullman il cartello non è quello di una gita scolastica o del fine settimana, ma dice: “Milano per l’Ucraina, No more war”. È il secondo viaggio in pullman per Refugees Welcome, l’associazione indicata anche dal Comune di Milano come riferimento per l’accoglienza, che ha creato in queste due settimane di guerra in Ucraina grazie alla collaborazione di associazioni del quartiere Dergano (all’Anpi al ristorante Rob de Matt) un corridoio umanitario. Destinazione Przemysl, l’ultima città polacca prima del confine ucraino, dove in una grande centro commerciale svuotato dalle merci si è organizzato un centro umanitario.

Sentiamo il racconto di Sara Consolato, la capa missione di Refugees Welcome:

Una grande risposta della cittadinanza, tanti aiuti, tanta prossimità. E in effetti, su questa banchina, le presentazioni sono rapide e calorose, come se ci si conoscesse da sempre e fosse ovvia questa disponibilità e urgenza. Non succede solo qui. Ma in tutta Europa. Come sono migliaia le persone che con loro mezzi vanno a prendere dei profughi. Come ci racconta sempre Sara Consolato:

I due autisti che si sono alternati per le 16 ore di viaggio di ritorno si chiamano Mario e Dritan, il primo è bergamasco ed è stato colpito nel profondo prima dalla bolgia dolente incontrata e poi dall’umanità dei passeggeri. Il secondo vive in Italia da 20 anni:

Dritan non finisce di dire “più sfortunati” forse perché da immigrato conosce la catena infinita delle possibilità di malaventura etnica, sociale, bellica… l’elenco si allunga. Ci vorrebbe la politica. E qualche segnale c’è stato.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 27/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 27/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 27/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 27/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 27/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 27/05/2022

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 26/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 27/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 26/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 26/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 26/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 26/05/2022

    1 – Ucraina, nel Donbass la battaglia è al punto di intensità massima. La Russia, in vantaggio nella regione di…

    Esteri - 27/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 26/05/2022

    1) Scuola, sciopero il prossimo 30 maggio. Oltre un milione di lavoratori e lavoratrici senza contratto dal 2018. Come per…

    The Game - 27/05/2022

Adesso in diretta