Approfondimenti

THEM, la nuova serie su Amazon Prime Video

Them Amazon Prime Video

Tra gli anni 10 e gli anni 70 del novecento più di 6 milioni di afroamericani lasciarono gli Stati Uniti del sud per trasferirsi altrove, cioè in luoghi in cui – almeno sulla carta – non erano in vigore le leggi segregazioniste, e il passato ancora relativamente vicino della schiavitù non faceva capolino a ogni angolo, magari sotto i bianchi cappucci del Klan. Gli storici la chiamano Great migration e, a sua volta, innescò un altro fenomeno, conosciuto come white flight, ovvero la fuga dei cittadini bianchi dai quartieri in cui si trasferivano le neoarrivate famiglie nere: non saranno state scritte sulle carte del legislatore, ma anche al nord o all’ovest le discriminazioni razziali erano ben radicate, e quasi mai si crearono vere comunità integrate, quanto piuttosto nuove ghettizzazioni, più o meno ufficiali.

La questione delle abitazioni è da sempre cruciale per comprendere lo sfruttamento sociale e di classe, e considerato che le case – infestate o maledette – sono anche un’ambientazione tipica dell’horror, non stupisce che qualcuno abbia pensato di unire le due cose: nello specifico, lo sceneggiatore Little Marvin che alla prima prova come showrunner ha creato Them, in Italia conosciuta anche col titolo Loro, disponibile da qualche settimana su Amazon Prime Video.

È necessario avvertire – come d’altronde fa anche la serie con dei disclaimer espliciti all’inizio degli episodi – che si tratta di una visione veramente orrorifica, con almeno un paio di scene difficilmente sostenibili: protagonista di Them è una famiglia nera, gli Emory, composta di padre, madre e due figlie che si trasferisce dalla campagna del South Carolina al borghesissimo sobborgo di East Compton, a Los Angeles, nel 1953; gli altri abitanti, tutti bianchi, li accolgono con aperto disprezzo, con abusi sfacciati, con minacce di morte. Nel frattempo, ognuno dei quattro Emory si ritrova perseguitato da presenze demoniache in grado di predare sui loro traumi sepolti e su quelli cui il razzismo sistemico li sottopone quotidianamente. E, come se non bastasse, è evidente che qualcosa di maligno e di marcio abita le pareti e il seminterrato della loro nuova casa.

Con queste premesse, è inevitabile che i protagonisti di Them – e, con loro, noi spettatori – siano sottoposti a un supplizio continuo, a una violenza – spesso psicologica, talvolta brutalmente fisica – incessante, tanto che tra i critici statunitensi c’è stato chi ha accusato la serie di fare “pornografia del dolore”, perpetuando immoralmente anche sullo schermo le sofferenze che l’America nera vive ogni giorno da oltre 400 anni. È anche vero, però, che la scelta di utilizzare tutti gli strumenti dell’horror per esplicitare l’esperienza di chi subisce il suprematismo bianco non è banale, ribaltando la vulgata che assegna automaticamente all’”uomo nero” il ruolo di babau nelle storie dell’orrore: qui, da subito, è l’apparizione di uomini e donne bianchi a instillare un senso di terrore, perfettamente giustificato dai loro comportamenti che – è importante ricordarlo – sono tutti storicamente accurati (per esempio, l’episodio del giardino bruciato è qualcosa che accadde davvero al leggendario Nat King Cole quando si trasferì in un quartiere bianco di Los Angeles).

È un modo di rendere tangibile, di far materializzare in tutta la sua portata intollerabile, un discorso che troppo spesso rischia di essere astratto, giocato nel limbo desensibilizzato dello scontro ideologico. Anche cose apparentemente burocratiche, come le pratiche di redlining (la creazione di zone urbane “abbandonate” da investimenti e servizi) o l’introduzione di covenant (clausole di contratto che specificavano che certe case non potevano essere vendute o affittate a persone non bianche), hanno conseguenze dirette, dolorose e cruciali nella vita delle persone nere, e configurano la misura di una persecuzione i cui effetti si vedono ancora oggi.

Il modo in cui si reagisce all’orrore messo in scena da Them dipende dalla sensibilità di ognuno, così come la scelta se affrontare o no certe immagini estreme. Ma forse anche nella sua insostenibilità, nel suo rifiuto di ogni pacificazione risiede la sua rilevanza, il suo dialogare con un presente in cui è stato necessario osservare mille volte i nove interminabili minuti in cui un agente ha soffocato a morte George Floyd per ottenere un’assunzione di responsabilità, un minimo sindacale di giustizia.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 27/09/21 delle 07:15

    Metroregione di lun 27/09/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 27/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 27/09/21

    Si parla con Titus di Extinction Rebellion della settimana di mobilitazione su come comunicare la crisi eco climatica, di Tempio…

    Considera l’armadillo - 27/09/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 27/09/21

    Jack di lun 27/09/21

    Jack - 27/09/2021

  • PlayStop

    Elezioni Comunali Milano 2021, viaggio nei quartieri: Quarto Oggiaro

    gli approfondimenti di Prisma nei quartieri di Milano alla vigilia delle Elezioni Comunali del 2021

    Clip - 27/09/2021

  • PlayStop

    Lucky Seven

    quando sbarchiamo a Montevideo per vedere che aria tira e alloggiam negli alberghi più lussuosi e diroccati contemporaneamente, tra un…

    Poveri ma belli - 27/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 27/09/21 delle 12:49

    Seconda pagina di lun 27/09/21 delle 12:49

    Seconda pagina - 27/09/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 27/09/21

    Cult di lun 27/09/21

    Cult - 27/09/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 27/09/21

    Tutto scorre di lun 27/09/21

    Tutto scorre - 27/09/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 27/09/21

    A Milano in settimana centinaia di giovani e i delegati da tutti i paesi per gli incontri preparatori della Cop…

    Prisma - 27/09/2021

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 27/09/21

    Guarda che lune di lun 27/09/21

    Guarda che Lune - 27/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 27/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina di lun 27/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 27/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/09/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 27/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/09/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 27/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 27/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di lun 27/09/21

    Il Caffè Nero Bollente del lunedì con musica, sfoglio dei giornali e l'esercizio del buon Karma con Silvia Bianco.

    Caffè Nero Bollente - 27/09/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 26/09/21

    Reggae Radio Station di dom 26/09/21

    Reggae Radio Station - 27/09/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 26/09/21

    a cura di Gigi Longo. Puntata dedicata a Miles Davis nel trentennale della scomparsa. Brani da The Complete In a…

    Prospettive Musicali - 27/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 26/09/21

    News Della Notte di dom 26/09/21

    News della notte - 27/09/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 26/09/21

    Sacca del Diavolo di dom 26/09/21

    La sacca del diavolo - 27/09/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 26/09/21

    Sunday Blues di dom 26/09/21

    Sunday Blues - 27/09/2021

Adesso in diretta