Approfondimenti

Il dibattito sul vaccino agli adolescenti, le manifestazioni delle donne afghane e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 4 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il dibattito sul vaccino ai bambini comincia a tenere banco nei principali Paesi europei, ma la priorità resta coprire gli adulti di tutte le fasce di età. In Afghanistan le donne scendono in strada per protestare contro la cancellazione dei diritti, mentre nel Panshir i ribelli proclamano lotta a oltranza contro i taleban. Riapre l’aeroporto di Kabul e si appresta a riaccogliere voli civili. Definito il novero dei candidati alla carica di sindaco di Milano, saranno tredici. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il vaccino ai bambini? Prima occorre vaccinare tutti gli adulti

È un argomento che divide, una questione su cui ci sono diversi pareri: la vaccinazione degli adolescenti o addirittura dei bambini une 12, età al di sotto della quale, a oggi, i vaccini non sono stati autorizzati. In alcuni Paesi si sta andando in quella direzione, per esempio in Francia e in Gran Bretagna.

Le opinioni sono diverse: le associazioni dei pediatri ad esempio lo ritengono importante. Infettivologi come Massimo Galli la pensano allo stesso modo.

Noi ne abbiamo parlato con Carlo La Vecchia, ordinario di epidemiologia all’Università statale di Milano:

Le donne per le strade delle città e i ribelli nel Panshir: la doppia resistenza afghana

(di Martina Stefnoni)

Da un lato ci sono le donne. Sono poche decine, ma il loro coraggio le rende grandi. Scendono in strada, con cartelli e megafoni e si rifiutano di rimanere in silenzio. La protesta è iniziata ad Herat, e si è già diffusa nella capitale Kabul. Chiedono diritti, libertà e partecipazione. Oggi, ancora, si sono radunate a Nimroz, nel sud ovest dell’afghanistan, e a Kabul. Qui sono state fermate e picchiate dai talebani, che hanno anche spruzzato gas lacrimogeni per impedire loro di avvicinarsi al palazzo presidenziale. 

Ma le donne afghane si sentono più forti: “Non siamo più quelle degli anni 90” gridano. E ancora: “Non abbiamo paura, siamo unite” . E sui loro cartelli si legge: “una società dove le donne non sono attive, è una società morta” e  “eliminare le donne vuol dire eliminare gli esseri umani”.

Dall’altro lato ci sono i ribelli del Panjshir. La loro resistenza ha una lunga tradizione. Oggi la guida Ahmad Massoud, figlio del leone del panjshir, e da quando i talebani hanno preso il potere, va avanti la guerriglia tra i ribelli e i talebani. I residenti dicono che si sta consumando una guerra e si registrano già centinaia di morti, sia tra i civili che tra i talebani. Massoud oggi ha scritto su Facebook:  “Non rinunceremo mai alla lotta per la libertà e per la giustizia, il popolo non ha rinunciato a rivendicare i suoi diritti e non teme alcuna minaccia”.

Riapre l’aeroporto di Kabul, ma è ancora lontana la formazione del nuovo governo

D qualche ora ha riaperto l’aeroporto di Kabul. Ora servirà a ricevere aiuti umanitari e secondo l’ambasciatore del Qatar nei prossimi giorni potrebbero riprendere i voli per i civili afgani. Secondo Al Jazeera a far ripartire l’aeroporto è stato un “team tecnico in collaborazione con le autorità in Afganistan”.

Resta invece ancora un’incognita la composizione del nuovo governo talebano, che doveva essere annunciata oggi, ma che ha subito un nuovo rinvio. Il leader taleban Mullah Baradar ha rinnovato la promessa di un governo “inclusivo”, che garantirà sicurezza e stabilità a tutti i cittadini. Sulla difficile formazione di questo nuovo potere talebano sentiamo Lorenzo Cremonesi, inviato del Corriere della Sera ed esperto di Afghanistan

 

Milano, 13 candidati sindaco: Bernardo il più a destra

(di Claudio Jampaglia)

Non c’è nulla più a destra di Bernardo, è questo il dato politico della presentazione delle liste, ma balza agli occhi la quantità: sarà una scheda elettorale lenzuolo con 13 candidati e 28 liste. Solo il sindaco uscente Beppe Sala ne avrà 8 a sostegno, dalla sinistra di Milano Unita, ai giovani post-liberisti di Volt, passando per Pd, verdi, riformisti, radicali e ovviamente una civica intestata al sindaco che fa dura concorrenza ai suoi stessi alleati.

A sinistra di Sala si affollano il maggior numero di liste: cinque. Per prima quella che con l’architetto e ingegnere Gabriele Mariani – un passato nel Pd e ora accusatore del cemento verde della giunta – raccoglie l’eredità di Basilio Rizzo, Milano in Comune e Rifondazione, con l’aggiunta della Civica AmbientaLista formata dai comitati che lottano contro i nuovi sviluppi urbani, primo tra tutti il nuovo stadio di San Siro. Poi c’è Potere al Popolo con la prima candidata sindaca, Bianca Pedone giovane lavoratrice dell’università Statale, e addirittura tre varianti del fu partito comunista, italiano, dei lavoratori e di Marco Rizzo, con candidati: Muggiani, Azzaretto e Pascale (in ordine).

Ovviamente ciascuno rivendica la primogenitura del comunista e pure del partito. I 5Stelle rimangono fedeli al “né di destra né di sinistra” con Layla Pavone, la manager voluta da Conte esperta di start up e nuove tecnologie. Così come è un esperto di digital l’imprenditore Bryant Biavaschi che si presenta per la civica Milano Inizia Qui e lo è anche l’avvocato Mauro Festa che è il candidato sindaco del Partito gay.

In mezzo a tutto questo nuovo non manca un esponente della vecchia guardia come l’ex-assessore di Albertini, Giorgio Goggi candidato dei socialisti, quelli di destra per intenderci… All’ultimo momento è spuntato anche un candidato sindaco No Vax, Teodosio De Bonis, 68 anni, che contenderà parte dell’elettorato anche no green pass a Gianluigi Paragone che dopo un passato più che leghista e una parentesi 5stelle, con il suo movimento Italexit, propone anche il no all’euro. E’ il candidato più a destra con Luca Bernardo, non ci sono infatti liste post-fasciste, bastano Fratelli d’Italia evidentemente e  la Lega per garantire il voto nero di Milano.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 28/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 28/06/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 28/06/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 28/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/06/2022

    Le Nina’s Drag Queen raccontano cos'è „Tutta mia la città“, Oliviero Ponte di Pino svela le sorprese del PNRR in…

    Il Suggeritore Night Live - 28/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/06/2022

    1--Attentati di Parigi. Dopo 9 mesi di udienze si è chiuso oggi il processo del secolo. Nella sua ultima dichiarazione,…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 27/06/2022

    1) G7, colpire le entrate di Putin. E’ l’obiettivo di nuove sanzioni e dell’ipotesi del price cap. Il commento dell’economista…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/06/2022

    Dove ci si interroga sulla suoneria del neo eletto sindaco di Verona Damiano Tommasi. E' Britney Spears o no? Poi…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un Boh. Mal di mare e vermi del polistirolo

    Con Andrea Bellati e Gaia Grassi

    Di tutto un boh - 27/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 27/06/2022

    Si parla con Emanuele Biggi del suo ultimo libro Micromondi. Storie di animali, piante e forme di vita nascosti in…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 27/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

Adesso in diretta