Approfondimenti

L’apertura di Conte in Lombardia, i numeri della violenza sulle donne in Italia e nel mondo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di venerdì 25 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Forse in Lombardia c’è una speranza di non perdere. Nel pomeriggio è arrivata un’apertura a sorpresa di Giuseppe Conte sulle elezioni: il tema è l’ipotesi di un accordo tra Movimento 5 Stelle e Pd, nonostante la rottura dell’alleanza a livello nazionale. L’ex capo del governo ha parlato in collegamento video col gruppo regionale del suo partito. Nel nostro Paese da inizio anno ci sono stati 104 femminicidi, oltre 5 vittime ogni ora nel 2021 in tutto il mondo. Gli ultimi dati  – fonti la polizia nel nostro paese e le Nazioni unite a livello globale – confermano l’enormità del tema della violenza di genere nella giornata internazionale dedicata a questo fenomeno.

Prima l’accordo sui punti programmatici, poi i candidati

(di Fabio Fimiani)

“Prima facciamo un accordo sui punti programmatici, a partire dalla centralità della sanità pubblica, quindi discuteremo di candidati, non abbiamo preclusioni, e Pierfrancesco Majorino ha le caratteristiche per attuare i nostri valori, ma non siamo una succursale del Partito Democratico e siamo disponibili se il Pd vuole fare tesoro degli errori del passato”. Sono alcuni dei passaggi del presidente dei 5 Stelle Giuseppe Conte che ha illustrato la posizione del Movimento insieme al gruppo consiliare della Regione Lombardia, alla deputata Elena Sironi e all’eurodeputata Maria Angela Danzì, espressioni del territorio. Un’apertura al centrosinistra a partire dagli elementi in cui cercare di dare discontinuità a 28 anni di governi di destra nella regione motore d’Italia. I punti programmatici sono stati elencati dal coordinatore e consigliere lombardo Dario Violi, che ha ribadito come in questi ultimi cinque anni da minoranze non siano state tante le differenze, a rimarcare il dialogo ampio con il centrosinistra c’era anche la presenza informale del consigliere regionale dei Radicali di Più Europa Michele Usuelli, nonostante il partito nazionale non sia proprio a favore di un’alleanza con i 5 stelle, ma già da settimane non ostacola. Violi, oltre alla centralità della sanità pubblica, ha chiesto una revisione del piano delle infrastrutture, come lo stop al prolungamento dell’Autostrada Pedemontana, e uno spegnimento progressivo dei troppi inceneritori lombardi, a partire dai più vecchi. Supporto alle comunità energetica autonome per la produzione con fonti rinnovabili. Per il sostegno al lavoro i 5 stelle chiedono l’attivazione dei centri per l’impiego, per l’agricoltura di supportare un alleggerimento soprattutto del peso degli allevamenti intensivi, che sono anche un problema di inquinamento atmosferico e climatico. Tutti punti molto aperti, quindi, con riferimento più volte al lavoro comune durante il secondo governo Conte. Proprio l’ex presidente del Consiglio è apparso molto dialogante sul programma e ha ribadito la coerenza del Movimento per i propri valori.

Ancora troppo poche le donne che decidono di denunciare

(di Anna Bredice)

“Se c’è una cosa stonata che ho sentito nel dibattito di ieri è la descrizione delle donne come persone fragili e deboli, le donne sono forti, sono rese vulnerabili dalla violenza.” Così la presidente della Commissione sui femminicidi Valeria Valente commentava il dibattito in Parlamento nel passaggio da una commissione all’altra. Nasce con la legislatura a maggioranza di destra una nuova commissione sui femminicidi che studierà il fenomeno, ma il lavoro principale però è ancora quello di superare i pregiudizi, di cambiare prospettiva. Palazzo Chigi si è illuminato di rosso con i nomi delle 104 donne uccise quest’anno, ma l’attenzione e la volontà nella lotta alla violenza si vedrà con i finanziamenti nella legge di bilancio ai centri antiviolenza, alle case rifugio, alla formazione degli operatori, dai tribunali fino agli educatori nelle scuole. E’ questo ciò che ancora manca, le norme ci sono, ad esempio quella sugli orfani di femminicidio è all’avanguardia, ma manca la rapidità nel mettere in pratica tutti gli aspetti di intervento e la presa in carico dei figli che restano, spesso orfani due volte, della madre e del padre. Non far sentire le donne sole nel momento in cui decidono di denunciare una violenza, sono ancora poche quelle che lo fanno: dai risultati della commissione parlamentare, solo il 15 per cento delle vittime di femminicidio avevano denunciato la violenza, il 63 per cento non ne aveva mai parlato con nessuno. Per questo, ed è un giudizio condiviso da tutti, il lavoro è responsabilizzare gli uomini e non passare al setaccio la vita della donna che denuncia violenza. Pregiudizi, difficoltà nel percorso da affrontare, questo è ciò che le frena: le cause di separazione di una donna spesso seguono un percorso diverso da quelle per violenza, manca un coordinamento in questo ambito, oppure l’affidamento dei figli dopo una denuncia e una separazione è ancora condiviso con il padre, con il rischio di una vittimizzazione secondaria della donna. Si è fatto molto, ma molto si deve ancora fare a livello culturale e sociale.

Ascoltiamo Francesca Recchia Luciani, che insegna filosofia all’università di Bari ed è direttrice del Festival delle Donne e dei Saperi di genere

A livello globale uno dei paesi di cui in questi mesi si parla di più a proposito di violenza di genere è l’Iran, con le proteste e la repressione legate al caso di Masha Amini, la ragazza morta dopo l’arresto per aver violato le norme sul velo a copertura dei capelli. Riccardo Noury è portavoce di Amnesty International

L’inno sussurrato della nazionale di calcio iraniana

(di Michele Migone)

L’inno l’hanno sussurrato, non cantato. Da una parte la vigorosa performance canora dei loro avversari del Galles, l’enfasi e la carica emotiva, dall’altra i volti tesi, tristi dei giocatori iraniani che hanno deciso di aprire le labbra sulle note dell’inno nazionale senza mostrare alcuna partecipazione: obbligati. Costretti dalle pressioni e le minacce del regime a rientrare nei ranghi dopo il clamoroso atto di disobbedienza del primo match, i calciatori iraniani, nel momento dell’inno, hanno in realtà mostrato al mondo, attraverso la televisione, la loro sofferenza. Le telecamere dentro lo stadio, con i loro stacchi sul pubblico, hanno reso questo mach dei mondiali di calcio un evento politico. Sono state inquadrate ragazze indossavano magliette con i colori nazionali, ma non con la bandiera dello repubblica islamica, con la scritta Donne, Vita, Libertà; si è visto anche una tifosa persiana con le lacrime nere dipinte in volto che ha mostrato una maglia dell’Iran con la scritta “Masha Amini 22”, per ricordare la ragazza arrestata e uccisa perché non portava il velo in modo “appropriato”, la morte che ha dato il via alla rivolta in Iran. La ragazza sugli spalti è stata poi invitata a non mostrare la maglia in questione da uno degli addetti alla sicurezza qatariota perché in questi mondiali ogni espressione politica non consona fa paura e deve sparire, vedi la fascia da capitano con i coloro Lgbt. La partita è stata una lotta per gli iraniani, qualche cosa che andava al di là di un importante calcistico. Non volevano perdere perché avrebbe significato tornare a casa da sconfitti, essere nella condizione di essere puniti. Ieri era stato arrestato a Teheran un importante calciatore, ex capitano della nazionale, per le sue critiche al regime. Un monito prima della partita di oggi, un destino per alcuni di loro se avessero perso. Oggi volevano vincere a tutti i costi e quando al 98esimo è arrivato il primo gol, la gioia è esplosa. Una vittoria per il popolo iraniano, ha detto il centrocampista Saeid Ezatolahi, Il regime degli ayatollah l’ha voluta subito monetizzare, ma forse le parole del giocatore erano una dedica a quel popolo a cui i calciatori avevano dedicato il silenzio all’inno del primo match.

Foto | Piazza del Campidoglio illuminata di rosso nella giornata contro la violenza sulle donne

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 30/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 30/01/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Fernanda Wittgens

    Nel ventennale della creazione del Giardino dei Giusti di Milano, Fondazione Gariwo ci propone sei ritratti di Giusti che sono…

    Clip - 30/01/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 30/01/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/01/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 30/01/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 30/01/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 30/01/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 30/01/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 30/01/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 30/01/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/01/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 29/01/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 29/01/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 30/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 29/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/01/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 29/01/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 30/01/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 29/01/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 30/01/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 29/01/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 30/01/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 29/01/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 29/01/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 30/01/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 29/01/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 29/01/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 30/01/2023

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 29/01/2023

    I concerti della settimana e una breve monografia sugli artisti in tour

    Canta che ti passa - 30/01/2023

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 29/01/2023

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 30/01/2023

Adesso in diretta