Approfondimenti

Il secondo Natale col COVID tra tamponi e nuove restrizioni, cosa si rischia con la variante Omicron e le altre notizie della giornata

tamponi covid ANSA

Il racconto della giornata di venerdì 24 dicembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’Italia supera il tetto dei 50mila nuovi casi e va verso il suo secondo Natale col COVID. A Milano è record di contagi e i cittadini, impossibilitati a fare tamponi, fanno quello che possono e si arrangiano abbandonati da un sistema che in Lombardia per 10 giorni ha lasciato senza risposta le quotidiane richieste di aumentare i tamponi, coordinare e potenziare la rete. I dati ufficiali del Ministero dello Sviluppo economico dicono di 69 aziende per cui è aperto un tavolo di crisi, da alcune vertenze ormai storiche ad altre aperte da poco. Questa mattina è entrata in porto a Pozzallo la nave Ong Sea Eye 4 con 214 naufraghi salvati in diversi interventi in mare, domani invece la Ocean Viking arriverà al porto di Trapani.

Il secondo Natale col COVID tra code per i tamponi, nuove restrizioni e stanchezza

L’Italia supera il tetto dei 50mila nuovi casi e va verso il suo secondo Natale col COVID. Il dilagare della Omicron è sempre più evidente dai dati, e l’epicentro resta la Lombardia, con oltre 16mila nuovi casi, e Milano, con più di 3.000. Nella vertiginosa crescita di casi, e nella corsa alle cene di natale, sfiorato anche il milione di tamponi, con code e lunghe attese in tutta Italia.
Oggi ci sono stati anche 141 morti, per ora la curva dei ricoveri non segue in proporzione quella dei casi con 15 posti occupati in più in terapia intensiva e 90 nei reparti ordinari degli ospedali.
Dove però, rileva il monitoraggio settimanale del ministero della salute, “si sta imponendo una revisione organizzativa delle prestazioni assistenziali erogate a favore dei pazienti COVID”. 
In ogni caso per ora nessuna Regione cambierà di fascia. Se l’andamento dell’epidemia dovesse confermarsi quello che il report dell’Istituto Superiore di Sanità fotografa per la settimana appena conclusa, diverse regioni potrebbero però farlo la settimana prossima.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

(di Diana Santini)

L’arrivo della Omicron, caratterizzata da alta contagiosità, si riflette nel numero di casi settimanali per 100mila abitanti: nell’ultima settimana, tra il 17 e il 23 dicembre, è schizzato a 351, dai 240 della scorsa, un aumento di oltre il 30%. La crescita non è omogenea a livello nazionale, ma nessuna regione sta sotto la soglia dei 50 casi. L’incidenza più alta è in Veneto (590 casi), seguono Lombardia con 516 e Valle d’Aosta. Su base nazionale le incidenze maggiori riguardano bambini e giovani fino a 20 anni.
Il dato non si riflette però nell’RT, che resta stabile poco sopra la soglia epidemica, a 1,13. È normale, dato che questo indice è calcolato sulle due settimane precedenti la rilevazione, quindi la prima metà di dicembre, quando la Omicron era appena stata scoperta in Sudafrica. L’RT sarà invece molto significativo tra un paio di settimane, poiché essendo calcolato sui soli casi sintomatici ci permetterà di verificare sul campo la maggiore o minore pericolosità della nuova variante e il suo potenziale impatto sui servizi sanitari, indipendentemente dal numero di positività accertate.
A proposito di ospedali: la pressione cresce, anche se a un ritmo ancora lineare: il tasso di occupazione in terapia intensiva è al 10,7%, era il 9,6% la scorsa settimana, l’occupazione in aree mediche sale al 13,9% dal 12,1%.
Infine: il dato su come vengono scoperti i positivi, che è un indicatore utile a capire se e quanto funziona la macchina del tracciamento. Come ci si poteva aspettare, il monitoraggio evidenzia una diminuzione del numero dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti, un forte aumento di quelli rilevati attraverso l’insorgenza dei sintomi e un notevolissimo aumento dei casi non associati a catene di trasmissione (62.669 vs 42.675 della settimana precedente).  

Perché la variante Omicron fa così paura: l’esempio della Gran Bretagna

Ieri il Consiglio dei Ministri ha varato il nuovo pacchetto di restrizioni per fronteggiare la diffusione della Omicron in un periodo delicato come quello delle feste. Da domani torna l’obbligo di mascherine all’aperto, e di FFP2 nei luoghi di socialità al chiuso e negli eventi all’aperto.
La variante Omicron fa paura non tanto per i suoi possibili effetti gravi sui vaccinati, ma soprattutto perché riproducendosi cosi in fretta rischia di mandare migliaia di persone in ospedale negli stessi giorni. 
L’andamento in Italia segue di pochi giorni quanto sta succedendo in Gran Bretagna, dove un sistema sanitario già affaticato è ora in difficoltà a gestire un alto numero di pazienti tutti insieme, come spiega Giorgio Gilestro, docente all’Imperial College di Londra.:


 

16mila casi record in Lombardia, Milano è in affanno

La Lombardia è l’epicentro dell’impennata di casi di questi ultimi giorni. L’ATS è, per usare un eufemismo, in difficoltà nel tracciamento e in molti casi non riesce più nemmeno a garantire i tamponi prescritti dai medici di base e scolastici.

(di Claudio Jampaglia)

C’è tampone e tampone, dai fai da te salivari, considerati “i meglio di niente”, agli antigenici in farmacia che però hanno un tasso di errore ancora alto, ai molecolari che devono essere prescritti dal medico di base e, in Lombardia, anche direttamente dalle scuole, almeno fino a ieri perché oggi moltissimi genitori e studenti con prescrizione dei responsabili COVID scolastici sono stati rimandati a casa senza esame nei drive-through. Confusione su confusione. A Milano non si trova un molecolare nemmeno a pagamento e fanno fatica anche le aziende convenzionate coi privati per i loro dipendenti. Gli automobilisti si fermano a fotografare i serpentoni in attesa al freddo fuori dalle farmacie mentre di code fuori dai negozi per la corsa all’ultimo regalo non se ne vedono proprio. Effetto Omicron e con 16mila nuovi casi in un giorno, record di contagi polverizzato, si capisce anche la preoccupazione: a tavola ci si contagia. Ma devo andare dai miei oppure rimandiamo? E i cittadini fanno quello che possono, si arrangiano, abbandonati da un sistema che in Lombardia per 10 giorni ha lasciato senza risposta le quotidiane richieste di aumentare i tamponi, coordinare e potenziare la rete. Magari riaprendo punti prelievi chiusi a fine giugno ma lasciati semi-attrezzati. Abbiamo dovuto attendere l’ondata vera a propria, con Milano contagiata come mai. E solo alla fine di questa mattinata la Regione corre ai ripari annunciando una task force per potenziare il sistema tamponi inchiodato a 200mila test che però entrerà in funzione da settimana prossima. Tanti auguri a tutte e tutti.

69 tavoli di crisi aperti al Ministero dello Sviluppo Economico

I dati ufficiali del Ministero dello Sviluppo economico dicono di 69 aziende per cui è aperto un tavolo di crisi. Da alcune vertenze ormai storiche, ad altre aperte da poco.
In molti di questi casi, i presidi delle aziende proseguiranno anche nei giorni festivi. Lo faranno le lavoratrici della Saga Coffe tra le nevi dell’appennino emiliano, i lavoratori della GKN, accadrà alla Speedline di Venezia, 600 i licenziamenti annunciati, ed alla Caterpillar di Jesi. 270 licenziamenti. Davide Fiordelmondo è delegato sindacale della Fiom:


 

I tempi inspiegabilmente lunghi per l’assegnazione dei porti alle Ong

Sono 11 i corpi recuperati a causa del naufragio di una barca di migranti a nord dell’isola greca di Antikythera. Altre 90 persone bloccate sull’isolotto sono state salvate durante la notte, ha detto un funzionario della guardia costiera. Tra i soccorsi ci sono 27 bambini, 11 donne e 52 uomini.
Questa mattina intanto è entrata in porto a Pozzallo (Ragusa) la nave Ong Sea Eye 4 con 214 naufraghi salvati in diversi interventi in mare, ed in attesa da quasi 10 giorni, cosi come le 114 persone salvate dalla Ocean Viking, a cui finalmente oggi è stato assegnato il porto di Trapani dove, tempi di navigazione permettendo, la nave arriverà domani. “Tempi che restano inspiegabilmente lunghi” per la portavoce della ONG SOS Mediterranee Valeria Taurino:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/03/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01-03-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 01/03/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 01-03-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 01/03/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 01-03-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

Adesso in diretta