Approfondimenti

Il governo della destra ha giurato, sfilano in 15mila a Bologna, i morti nel Mediterraneo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 22 ottobre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30Il governo della destra di Giorgia Meloni ha giurato questa mattina al Quirinale. E’ l’esecutivo più a destra della storia repubblicana, a capo per la prima volta c’è una donna, ma le ministre sono solo sei. Tutta la destra estrema europea si congratula, domani ci sarà il passaggio di consegne e il primo consiglio dei ministri. Tra lunedì e mercoledì si vota la fiducia alle Camere. A Milano si è tenuta la prima manifestazione della società civile contro il governo di destra, a Roma in piazza vanno i sindacati. “Convergere per insorgere”, in 15mila sfilano a Bologna per il clima e il lavoro: nessuna contrapposizione tra questione sociale e ambientale. E il maxi-corteo ha invaso anche la tangenziale che il Comune vuole allargare. Dopo i bombardamenti alle infrastrutture, un milione e mezzo di di persone in Ucraina sono rimaste senza elettricità.

A Meloni va il merito di essere la prima?

(di Diana Santini)

Se io fossi Giorgia Meloni mi verrebbe l’orticaria a leggere i pelosi tweet di congratulazioni per essere “la prima presidente del consiglio donna” di questo Paese, cinguettati in rete dagli stessi dirigenti che a casa propria trescano nelle compilazioni delle liste per escludere le donne dal Parlamento. Forse lei invece se ne compiace: d’altronde a finire nei libri di storia non sarà Enrico Letta (va beh questa era fin troppo facile) ma lei, e in virtù di nessun altro merito se non essere stata la prima. Che non è poco: Cristoforo Colombo, che non ha nemmeno scoperto l’America, ci campa da cinquecento anni.
E allora io domattina, con in sottofondo la campanella del passaggio di consegne a palazzo Chigi, vorrei avere seduta al tavolo della cucina una figlia femmina, grande abbastanza per capire ma non abbastanza per essere già irrimediabilmente inquadrata, seduta assonnata davanti alla sua tazza di latte: e dirle, sai che c’è? Lo sai chi ci comanda da oggi? E lasciare lì a maturare un’informazione che nel tempo diventerà la forma dei desideri possibili, dell’immaginarsi da grandi. E del diventarlo.
Che sia stata una donna di destra a capire che quel soffitto non era affatto di cristallo come le scarpine di cenerentola ma di mattoni grossi quanto Crosetto e che per abbatterlo non servivano appelli e consulte, ma cornate, fa rosicare, è ovvio, anche chi non lo può ammettere. Le obiezioni sulla natura maschile dello stile di potere di Meloni sono suggestive ma accademiche: la piccina con le cispe negli occhi davanti al suo latte non ne avrà memoria, rilassata dal fatto che qualcuna prima di lei abbia dimostrato di poter fare quanto e peggio di chi l’aveva preceduta. Tutto il resto è la solita solfa: nel neonato governo le donne sono sei su 23, tutte in ministeri tradizionalmente femminili, tranne un’ultraliberista al lavoro. D’altronde, chi è senza peccato vada a rileggersi la lista delle sue, di ministre. Per quella che con un pietoso eufemismo abbiamo preso a chiamare la non-destra è una sconfitta, e storica, c’è poco da dire, ma qualcosa di inedito è successo, e lo capirebbe perfino una bambina.

Un milione e un mezzo di ucraini sono rimasti senza corrente

Trentasei razzi sono stati lanciati dall’esercito russo in varie aree del paese. Lo ha detto il presidente ucraino Zelensky, secondo cui molti dei missili sono stati abbattuti. “Il mondo deve fermare questo terrore”, ha aggiunto Zelensky. Gli obiettivi degli attacchi russi sono soprattutto gli impianti energetici del paese. A causa della distruzione di queste infrastrutture, secondo le autorità di Kiev, circa un milione e mezzo di ucraini sono rimasti oggi senza elettricità. Nei giorni scorsi in città sono iniziate le interruzioni forzate di elettricità, allo scopo di risparmiare energia in vista dell’inverno. Il governo ha fatto appello alla popolazione a spegnere gli elettrodomestici non necessari. Nei negozi sono esauriti i generatori di corrente, come ci ha raccontato Lorenzo Cremonesi, inviato a Kiev per il Corriere della Sera.

 

Sfilano in 15mila a Bologna: “Fine del mese, fine del mondo, la stessa lotta”

(di Riccardo Tagliati)

Un fiume di migliaia di persone ha sfilato a Bologna. “Convergere per insorgere” era l’appello lanciato da Fridays for future, Extintion ribellion, il collettivo di fabbrica Gkn di Firenze e reti ecologiste bolognesi. Appello raccolto da oltre 15mila persone provenienti da diverse parti del Paese. Centri sociali, collettivi, partiti della galassia della sinistra sinistra, sindacati di base, movimenti femministi e queer. Il lungo serpentone partito da piazza xx Settembre ha raggiunto la tangenziale con l’idea di violare il simbolo stesso del modello di sviluppo che sta distruggendo il pianeta: quella tangenziale che verrà allargata, con la costruzione del passante di mezzo, la grande opera votata in consiglio comunale dalla maggioranza di centro sinistra del sindaco Lepore.
“Benvenuti a Bologna, la città del greenwashing” stava scritto su di uno striscione. Anche se il più rappresentativo recitava “Fine del mese, fine del mondo, la stessa lotta”. Questo lo spirito della manifestazione: unire la lotta di lavoratori, precari a quella degli ambientalisti. Obiettivo riuscito. Bersagli privilegiati degli attacchi dai megafoni il governo Meloni, “fascista”, il capitalismo estrattivista che sta devastando il pianeta e il Pd e i suoi alleati colpevoli di difendere un modello di sviluppo, come quello della motor Valley emiliana, ancora incentrato su combustibili fossili e consumo di suolo. Lungo il percorso è stato imbrattato un distributore dell’Eni ed è stata eretta una piccola barricata di bancali e materassi nel tratto di autostrada a14 che corre accanto alla tangenziale.

Ancora morti nel Mediterraneo

Un barchino si è ribaltato in serata vicino all’isolotto di Lampione, mentre si avvicinava una motovedetta della Guardia di Finanza di Lampedusa. Settanta migranti, finiti in acqua, sono stati messi in salvo. All’appello manca però una bambina di poche settimane. I genitori, che erano con lei a bordo, hanno detto di averla vista scomparire fra le acque. Sono in corso in questo momento le ricerche. Il barchino era partito da Sfax, in Tunisia. Sempre dalla Tunisia arriva un’altra storia di migranti.
Nei giorni scorsi il Mediterraneo ha restituito i corpi di alcune delle vittime di un naufragio avvenuto un mese fa al largo di Zarzis, nel sud della Tunisia. Delle 18 persone che erano a bordo, al momento sono state rinvenute solo alcune salme che sono poi state sepolte senza che le autorità avessero eseguito le analisi del DNA. Da diversi giorni la città di Zarzis è perciò teatro di proteste da parte di famiglie, scuole e associazioni che reclamano verità circa la scomparsa dei loro concittadini e puntano il dito contro la pratica, che ha luogo da decenni e non solo in Tunisia, di seppellire i corpi trovati in mare senza effettuare l’identificazione. Alle loro proteste si sono aggiunte 50 organizzazioni umanitarie che hanno sottoscritto un appello per chiedere verità e giustizia. Tra queste c’è anche Action Aid, di cui fa parte Lorenzo Figoni.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di lunedì 20/05/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 20/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 20-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 20/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 20/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 20-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 20/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 20-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 20/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 20-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 20/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 20-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 20/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 20-05-2024

  • PlayStop

    Playground di lunedì 20/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Malika Ayane

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Malika Ayane

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack Meets: Selton

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Selton

    Jack meets - 20-05-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di lunedì 20/05/2024

    Mash Up è un dj set di musiche e parole diverse, anzi diversissime, che si confondono fra loro all’insegna di un tema diverso.  Anzi, “si pigliano perché non si somigliano”.  Conduce, mixa, legge e ricerca il vostro dj per Matrimoni Impossibili, Piergiorgio Pardo aka Pier Nowhere Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-05-2024

  • PlayStop

    Jack di lunedì 20/05/2024

    Ospite della puntata Malika Ayane con il nuovo singolo Sottosopra

    Jack - 20-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha iniziato la settimana dedicata a #Anche gli animali votano, in vista delle elezioni europee con Gianluca Felicetti, presidente di @LAV Lega Antivivisezione per definire la politica sugli altri animali, ma anche di Giornata mondiale delle api, @oasi Smeraldino, di Ribellione Animale contro il Food&Science Festival e il bambino morto per i morsi del cane, @oipa

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

Adesso in diretta