Approfondimenti

La propaganda del Cremlino dopo la resa di Mariupol, le conseguenze per la crisi del grano e le altre notizie della giornata

Biden Corea ANSA

Il racconto della giornata di sabato 21 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Ad 87 giorni dall’invasione russa dell’Ucraina, la propaganda del Cremlino canta vittoria e parla di una svolta nell’operazione militare, mentre la diplomazia sembra sempre più pronta ad una guerra ancora lunga e sanguinosa. Dalla Banca d’Inghilterra, intanto, arriva l’allarme per le conseguenze apocalittiche per la crisi del grano. Dopo un altro grave incidente che ha coinvolto studenti in formazione, il Ministro dell’Istruzione Bianchi ha annunciato l’imminente firma di un accordo con il Ministero del Lavoro. Allo stadio di Torino tutto esaurito per la finale di Champions League femminile tra Barcellona e Lione. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La propaganda russa canta vittoria dopo la resa di Mariupol

Dopo la resa di Mariupol la propaganda del Cremlino canta vittoria e parla di una svolta nell’operazione militare. La televisione e la radio di Mosca hanno portato il loro segnale nella regione di Kherson, un altro segno della russificazione dei territori occupati. Mosca parla di altri missili sui convogli che trasportano le armi occidentali e di aver distrutto una base di addestramento vicino ad Odessa. Nel Donbass nuova offensiva sul fiume Donets, è il terzo tentativo di oltrepassarlo per assediare la città di Severonetsk. Kyev parla di 13 civili uccisi nelle ultime 24 ore dai bombardamenti nella regione di Lugansk, di Raid su Kharkiv, venti feriti e una donna morta, e di attacchi d’artiglieria russi sulla regione di Sumy.
Resta incerto il destino dei militari Ucraini portati fuori dall’acciaieria Azovstal, ormai sotto controllo russo. Secondo fonti occidentali la Russia starebbe preparando un processo show ai soldati usciti dall’acciaieria e accusati di crimini di guerra. Forse sarà così per una parte di loro, mentre si parla insistentemente di uno scambio. Si può trattare perché i russi hanno mantenuto i patti, ha detto Zelensky oggi, mentre il capo della commissione Affari Esteri della Duma ha dichiarato in una conferenza stampa che la Russia valuterà “la possibilità” di uno scambio con l’oligarca filorusso Viktor Medvedchuk, catturato il mese scorso.

Fino a che punto si potrà armare Kiev?

Un guerra lunga, ancora sanguinosa, con una domanda che si fa strada: fino a che punto. La prospettiva delle molte dichiarazioni di oggi porta qui. Partiamo dall’asse Russia-USA: oggi Biden in Corea del Sud ha firmato la legge per l’Ucraina, 40 miliardi di dollari in aiuti di cui oltre la metà militari. Zelensky ha detto che una soluzione diplomatica ci sarà, finirà così, ma per ora è lontana: combatteremo fino al ritiro dei russi, nessuna trattativa fino a che non sarà raggiunto questo obiettivo. Prepariamoci a una guerra lunga e sanguinosa, ha detto il presidente Ucraino. Mentre il premier britannico Johnson invita la Nato ad armare anche la Moldavia.
La Russia risponde con sanzioni contro quasi mille americani, compreso il Presidente Biden, Marc Zuckerberg e l’attore Morgan Freeman, oltre a centinaia di altri personaggi pubblici che non potranno più mettere piede nella Federazione.

Ma anche negli Stati Uniti ci si inizia a chiedere quale sia la strategia della Casa Bianca e fino a che punto è utile far salire l’escalation. Lo ha scritto il New York Times in un lungo editoriale in cui si definisce irrealistica una vittoria su Mosca, e al contempo si chiede quale sia il limite fino a cui si può armare Kiev?

Le conseguenze apocalittiche per la crisi del grano

Resta il problema drammatico delle forniture alimentari ed agricole, grano e fertilizzanti. Il governatore della Banca d’Inghilterra parla di conseguenze apocalittiche per la crisi del grano, tra aumento dei prezzi (+35% in 3 mesi) e speculazioni, cui si aggiunge la posizione dell’India . Si cerca una soluzione per sbloccare i carichi fermi nei porti ucraini. Kyev propone due linee di terra per arrivare in Africa, dove si sta rischiando la catastrofe alimentare. Gennaro Senatore, esperto commercio internazionale materie prime:


 

Il passo indietro di Berlusconi sulla Russia

Alla convention di Forza Italia a Napoli Silvio Berlusconi è stato costretto a correggere le sue parole di ieri sulla Russia. “L’Ucraina è il paese aggredito e noi dobbiamo aiutarlo a difendersi. Forza Italia rimarrà sempre dalla parte dell’Europa, dell’Alleanza atlantica, dell’Occidente, degli Stati Uniti” – ha scandito dal palco, dopo che il suo invito agli ucraini ad ascoltare le richieste di Putin aveva gettato nel caos il partito, a partire dalla ministra Gelmini. Il fondatore di Forza Italia ha poi detto ai militanti che è pronto a ricandidarsi alle elezioni del 2023. Elezioni in cui il centrodestra è favorito, ma si presenta più che mai diviso.
Nicola Pasini insegna scienze politiche all’Università di Milano:


 

Alternanza scuola lavoro, Bianchi annuncia un accordo col Ministero del Lavoro

È in gravi condizioni in un centro specializzato in grandi ustioni della Baviera lo studente di 17 anni colpito da un ritorno di fiamma, ieri, in una carrozzeria di Merano, in Alto Adige. Era impiegato in un percorso di alternanza scuola lavoro. Ferito gravemente anche un cliente di 36 anni. I due si trovavano nella cabina forno, il ragazzo stava pulendo per terra con una macchina lavapavimenti quando è stato investito da una fiammata, forse per un contatto tra detergenti e impianto elettrico. I macchinari sono sotto sequestro.
“Le regole di sicurezza del lavoro devono valere per lavoratori e studenti, per questo stiamo firmando un accordo con il Ministero del lavoro” – ha detto il Ministro dell’istruzione Bianchi. Tommaso Biancuzzi, coordinatore della Rete degli Studenti medi:

Si tratta del terzo grave incidente che ha coinvolto studenti in formazione, dopo le morti di Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci. Cinzia Turello è segretaria generale della Fiom Mav Cgil dell’Alto Adige:


 

Tutto esaurito a Torino per la finale di Champions League femminile

Tutto esaurito allo stadium di Torino dove si sta giocando la finale di Champions League femminile, che vede confrontarsi Barcellona e Lione, le due squadre che stanno trainando il calcio europeo. La partita si può vedere gratuitamente sulla pagina Youtube della UEFA Womens Champions League

(di Chiara Ronzani)

La sfida tra le spagnole, detentrici della coppa e le francesi, vincitrici delle 5 edizioni precedenti, non è frutto del caso. La supremazia delle finaliste viene da lontano ed è frutto di scelte lungimiranti iniziate dai club all’inizio del millennio. Le francesi non sono l’appendice della squadra maschile, usano gli stessi campi, strutture, stadi, viaggiano sugli stessi mezzi e vengono ugualmente retribuite. Ciò ne ha fatto la squadra più ambita al mondo, capace di attirare nel tempo non solo la maggioranza delle campionesse della nazionale francese, ma anche le fuoriclasse più amate al mondo, come le statunitensi Megan Rapinoe e Alex Morgan, o la norvegese Ada Hegerberg.
Anche le catalane sono sostenute dal club, con investimenti e pubblicità che le hanno fatte conoscere e amare dai tifosi, i quali, magari momentaneamente delusi dalle alterne fortune della squadra maschile, hanno potuto gioire dei successi della compagine femminile.
Tanto che un mese fa il Camp Nou ha fatto il record di spettatori, nella semifinale contro il Wolfsburg, con oltre 91mila presenze. Segno che se il progetto è supportato, la risposta del pubblico non manca.
In Italia il calcio femminile non è ancora a questi livelli, ma la strada è tracciata.
La squadra italiana del momento, la juventus, è stata eliminata proprio finaliste dalle francesi ai quarti, con un solo gol di scarto.
Le battutine sulla povertà dello spettacolo delle partite femminili sono ormai fuori moda. Basta chiedere che ne pensano alle decine di migliaia che stanno affollando lo stadium in questo momento.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Continua il calo dei contagi da COVID. Oggi 24mila circa i nuovi contagi, quasi il 35% in meno di 7 giorni fa. 91 i morti. Prosegue il calo anche dei ricoveri sia nelle terapie intensive che nei reparti ordinari. Secondo il report dell’ISS sale l’età dei ricoverati, che tocca i 75 anni, mentre per quanto riguarda i contagi l’incidenza maggiore è nella fascia 10-19 anni. Quasi mezzo milione le reinfezioni negli ultimi 9 mesi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 30/06/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 29/06/2022

    Ultima puntata della stagione: facciamo bilanci con Giulia Giordano di ECCO, presentiamoun bel progetto di cooperazione internazionale in Camerun, parliamo…

    Il giusto clima - 30/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 30/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 30/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 30/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 30/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 30/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 30/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 30/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 30/06/2022

Adesso in diretta