Approfondimenti

Il governo apre un tavolo dopo le critiche, il rinnovato impegno nel G7 nel supportare l’Ucraina e le altre notizie della giornata

Kamala Harris Monaco ANSA

Il racconto della giornata di sabato 18 febbraio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Subissato dalle critiche, venute da tutti i settori coinvolti oltre che dall’opposizione, il governo ha accettato alla fine di aprire un tavolo e un dialogo sullo stop alla cessione dei crediti, al loro acquisto da parte delle amministrazioni pubbliche e allo sconto in fattura per i lavori in edilizia. “Vogliamo la pace, ma non a tutti i costi”: il ministro degli esteri ucraino Kuleba fa un po’ il sunto degli interventi del secondo giorno della conferenza di Monaco sulla sicurezza, mentre in Ucraina intanto oggi l’esercito russo ha sferrato un attacco contro l’ovest del paese, colpendo una struttura militare ed edifici civili. La politica di Firenze condanna l’aggressione di due studenti del liceo Michelangiolo di Firenze da parte di alcuni coetanei di Azione Studentesca. Sono più di 46mila i morti per il terremoto che quasi due settimane fa ha colpito Siria e Turchia. Il numero continua a crescere, mentre ancora oggi tre persone sono state estratte vive dalle macerie.

Il governo apre un tavolo su cessione del credito e sconto in fattura

Subissato dalle critiche, venute da tutti i settori coinvolti oltre che dall’opposizione, il governo ha accettato alla fine di aprire un tavolo e un dialogo sullo stop alla cessione dei crediti, al loro acquisto da parte delle amministrazioni pubbliche e allo sconto in fattura per i lavori in edilizia. Lunedì sono stati convocati dalla presidenza del Consiglio dei Ministri prima le banche, alle 16.30: i convocati sono l’Abi, associazione bancaria italiana, la Cassa Depositi e Prestiti e Sace. Poi alle 17.15 sarà la volta dei costruttori: Ance, Confedilizia, Confindustria, Confapi, Alleanza cooperative italiane. Nessuna convocazione per ora è invece arrivata ai sindacati, nonostante abbiano lanciato l’allarme per l’impatto della decisione, così repentina, sul mondo del lavoro: sarebbero a rischio 130mila posti.
L’opposizione critica il metodo, prima la decisione poi la consultazione, e anche le cifre fornite dal governo: secondo il Movimento 5 stelle, per esempio, i 110 miliardi di buco creati dal Superbonus sono un falso: la cifra reale del contributo statale è stata di 37 miliardi di euro, che secondo la forza politica che ha dato vita alla misura è stata compensata dalle ricadute positive sul Pil.

Che cosa chiederanno le associazioni lunedì al governo? John Bertazzi è il vicepresidente di Ance, associazione nazionale costruttori:


 

Andrea Orlando: “Nordio si dissoci da Delmastro

Andrea Orlando, esponente del Pd ed ex ministro della Giustizia, in una intervista a Radio Popolare, dopo aver ribadito la richiesta di dimissioni del sottosegretario Andrea Delmastro ha parlato della posizione del Ministro della Giustizia Carlo Nordio:
“Ciò che giudico politicamente rilevante è l’errore che hanno compiuto sia il ministro Nordio, sia la presidente Meloni di coprire i comportamenti di Andrea Delmastro non solo dal punto di vista delle legittimità, esponendosi a un grave rischio perché più si scava più emerge il fatto che di quelle informazioni sia stato fatto un uso improprio, ma anche da un altro punto di vista, e cioè, i due non hanno ravvisato l’esigenza di segnalare l’inopportunità politica del comportamento che è stato adottato da Delmastro. In queste ore sta emergendo un’altra domanda: non solo perché Delmastro ha usato quelle informazioni in quel modo, ma anche perché le ha chieste e se avesse titolo di chiederle. Tutti elementi che non possono essere coperti da uno spirito di appartenenza perché hanno un rilievo istituzionale”.

Cosa pensa del comportamento del ministro Nordio?
“Ha fatto un errore a coprire questo comportamento perché non credo che sfugga al ministro che ci troviamo di fronte a un comportamento politicamente inopportuno. Nordio è il responsabile politico del ministero della Giustizia. In quella funzione avrebbe dovuto censurare il comportamento di Delmastro perché tutto questo danneggia il ministero stesso, facendolo passare da un’istituzione al servizio di tutti a uno strumento per colpire l’opposizione”

Volete un passo indietro di Nordio?
“Vediamo come finisce questa vicenda. Nessuno chiede a Nordio di fare un rivolta contro la maggioranza che lo sostiene, ma un segno ci vuole, una minima dissociazione, un elemento che ci dimostri che lui è consapevole della gravità del comportamento di Delmastro”.

L’Ucraina vuole la pace, ma non a tutti i costi

“Vogliamo la pace, ma non a tutti i costi”. Il ministro degli esteri ucraino Kuleba fa un po’ il sunto degli interventi del secondo giorno della conferenza di Monaco sulla sicurezza. Come ieri, anche oggi, i discorsi dei leader sono stati centrati soprattutto sulle armi. Kuleba si è detto sicuro che i jet militari arriveranno, mentre il premier inglese Sunak e la presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen hanno chiesto di accelerare e raddoppiare gli invii di armi.
È intervenuta anche la vicepresidente Kamala Harris, che ha annunciato che gli Stati Uniti hanno “formalmente” stabilito che la Russia ha commesso “crimini contro l’umanità” in Ucraina e che questi non rimarranno impuniti. Oggi, però, è stato il giorno anche del Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, che ha annunciato l’intenzione cinese di voler presentare un piano per la pace. Sentiamo Gabriele Battaglia:


 

Il nuovo attacco russo contro l’ovest dell’Ucraina

In Ucraina intanto oggi l’esercito russo ha sferrato un attacco contro l’ovest del paese, colpendo una struttura militare ed edifici civili. Particolarmente intensa è però soprattutto la battaglia per Bakhmut, nel Donbass, dove da settimane si combatte per conquistare centimetro dopo centimetro.
Oggi i filorussi che controllano Donetsk hanno confermato la conquista di un insediamento a nord di Bakhmut, che stringe sempre più l’assedio della città.

(di Emanuele Valenti)

In attesa di capire se e come i russi lanceranno la loro nuova offensiva, Kyiv si sta muovendo su due fronti.

Il primo è il Donbas, dove la parola d’ordine è resistere. La pressione di Mosca sta aumentando su diverse direttrici. Nelle ultime ore lo ha confermato per esempio il governatore della regione di Luhansk. “La situazione è difficile ovunque – ha detto Serhiy Haidai – soprattutto intorno alla città di Kreminna”.

La resistenza ucraina è evidente poco più giù, nella regione di Donetsk, sempre nel Donbas, dove nonostante l’impressionante impiego di uomini e mezzi i russi non sono ancora riusciti a conquistare Bakhmut. E questo ci dà un ulteriore elemento. Il Cremlino potrebbe a breve lanciare una nuova offensiva su larga scala, ma la storia di Bakhmut – che a un certo punto potrebbe anche cadere – segnala comunque i grossi problemi logistici per i russi. Secondo i servizi americani e britannici, anche a causa dei mesi di guerra a Bakhmut, i mercenari del gruppo Wagner avrebbero perso in un anno almeno 30mila uomini. Lo stesso leader dell’organizzazione, Prigozhin, ha ammesso le difficoltà. Putin ha diversi problemi, anche se potrebbe coprirli con i bombardamenti e con i grossi numeri a disposizione – uomini e mezzi.

Il secondo fronte, per gli ucraini, è quello diplomatico, che in queste ore passa ovviamente dalla Conferenza di Monaco. Qui le parole d’ordine sono “fate in fretta”, quanto detto da Zelensky ai leader occidentali con riferimento all’invio di armi.

Il Pentagono ha appena fatto sapere di aver ultimato l’addestramento di un primo gruppo di militari ucraini per l’utilizzo dei mezzi da combattimento Bradley. Washington ne manderà almeno 50.

Ieri Scholz ha detto che i primi carri armati Leopard 2 saranno presto sul campo. Ancora una volta il fattore tempo. Determinante per permettere a Zelensky, nel caso, di passare dalla resistenza alla contro-offensiva.

Studenti di Azione studentesca aggrediscono due coetanei al liceo Michelangiolo di Firenze

Un’aggressione in pieno giorno ad opera di studenti di Azione Studentesca contro alcuni coetanei del liceo Michelangiolo di Firenze. I fatti si sono svolti questa mattina. L’episodio è ripreso in un video in cui si vedono alcuni ragazzi, non appartenenti all’istituto secondo quanto ha dichiarato il preside della scuola, prendere a calci alcuni giovani inermi, anche quando erano già a terra. Davanti al liceo oggi è andato a parlare con i ragazzi picchiati il sindaco di Firenze, Dario Nardella, mentre condanne sono arrivate da tutto l’arco politico cittadino, compresa Fratelli d’Italia, che ha condannato il gesto pur chiedendo prudenza nell’attribuzione delle responsabilità. Da Firenze, Tommaso Carmignani:


 

La rabbia dei cittadini turchi per la situazione nel paese

Sono più di 46mila i morti per il terremoto che quasi due settimane fa ha colpito Siria e Turchia. Il numero continua a crescere, mentre ancora oggi tre persone sono state estratte vive dalle macerie. Numerosi ancora i dispersi, mentre in molte aree colpite le ricerche si stanno pian piano fermando.
In Turchia intanto cresce anche la rabbia nei confronti del governo considerato ampiamente responsabile per la situazione nel paese. In queste ore su Twitter centinaia di utenti stanno condividendo video e commenti di critica nei confronti del presidente e delle sue politiche edilizie. Serena Tarabini:


 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 29/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 29-02-2024

Adesso in diretta