Approfondimenti

I ritardi nell’approvazione della manovra, l’accordo tra centrosinistra e M5S in Lombardia e le altre notizie della giornata

Majorino ANSA

Il racconto della giornata di sabato 17 dicembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il governo e la maggioranza procedono a tappe forzate con l’approvazione della manovra. La base del Movimento 5 Stelle ha votato a favore dell’accordo col centrosinistra in Lombardia: era l’ultimo ostacolo da superare. In Ucraina le forze russe continuano a bombardar le infrastrutture in tutto il Paese, mentre sul piano diplomatico ufficialmente tutto tace. A Prato oggi si è svolta la marcia per la dignità, con migliaia di operai scesi in strada per chiedere la settimana lavorativa di 8 ore per 5 giorni e il diritto di attività sindacale. A Bolzano stamattina in centinaia hanno manifestato per ricordare Mostafa Abdelaziz, 19enne egiziano morto di freddo la notte tra l’8 e il 9 dicembre per non aver trovato un posto nei dormitori della città.

I ritardi nelle tappe forzate per l’approvazione della manovra

Il governo e la maggioranza procedono a tappe forzate con l’approvazione della manovra. 
Oggi riunione fiume della commissione bilancio della Camera.
I tempi sono stretti: mancano due settimane per l’approvazione definitiva entro il 31 dicembre. Il testo, dopo il sì della Camera, dovrà essere approvato anche dal Senato.
Nonostante i tempi strettissimi per il varo della legge di bilancio, il governo sta arrivando in ritardo agli appuntamenti in Parlamento. Entro le 14 dovevano essere depositati gli emendamenti dell’esecutivo. Ad ora solo una parte è stata presentata e ancora non se ne conosce il contenuto.
La Presidente del Consiglio Meloni, poco fa, alla festa del suo partito a Roma, ha detto di essere “molto soddisfatta” della manovra e ha attaccato Confindustria (“se criticano, dicano dove prendere le risorse”) e la Cgil (“bizzarra la sua difesa del Pos”).
Tra gli emendamenti attesi da parte del governo c’è la stretta sul reddito di cittadinanza per i cittadini cosiddetti “occupabili”, un’ulteriore riduzione a 7 mesi dell’assegno per il 2023. Il governo vuole far cassa e portare a casa circa 200 milioni di euro.

La base di M5S dà il via libera all’accordo col centrosinistra in Lombardia

(di Alessandro Braga)

Era l’ultimo ostacolo da superare. Fatto. Dopo settimane di riunioni fitte, incontri serrati, continui rimandi all’appuntamento successivo, i vertici regionali del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle erano arrivati a un accordo. Che, però, doveva essere ratificato dagli iscritti pentastellati. Non una formalità, nonostante l’altroieri, annunciando la consultazione, il leader Giuseppe Conte aveva di fatto dato il via libera all’operazione. Ora, è arrivato l’ok anche dalla base. Non un plebiscito, ma sicuramente un buon risultato. 64% di favorevoli, i restanti contrari. Poco meno di 5mila i votanti. Da un lato a far propendere per la ratifica dell’accordo, c’erano i punti programmatici, che per oltre il 90% (parola di chi aveva partecipato alle riunioni) avevano visto una convergenza tra centrosinistra e 5 Stelle. Ossia ambiente, sanità, infrastrutture, lotta al precariato. Dall’altro si erano viste alcune obiezioni pesanti in alcune assemblee dei territori, la contrarietà di alcuni big del movimento (ultimo l’ex ministro Danilo Toninelli, che il giorno prima del voto aveva fatto un post in cui spiegava le ragioni del suo No e in poche ore aveva ottenuto moltissimi like) e soprattutto la convinzione di non pochi dirigenti (locali e non) che in una corsa solitaria vedevano la possibilità di capitalizzare quel voto di protesta che alle ultime elezioni politiche aveva tutto sommato pagato in termini elettorali. Alla fine, ha prevalso il sì. E ora, pancia a terra per la campagna elettorale. Perché il tempo, meno di due mesi, è davvero poco.

Un’altra giornata di bombardamenti contro le infrastrutture in Ucraina

Mentre sul piano diplomatico ufficialmente tutto tace, é stata una nuova giornata di allarme aereo su tutto il paese, compresa la capitale Kyev, già colpita duramente ieri dai missili e dai droni di Mosca che puntano sempre a colpire le infrastrutture. Mosca dunque continua con la strategia che sta portando avanti da settimane. Il Cremlino ha fatto sapere oggi che Putin ha avuto colloqui con tutti i vertici militari, senza però fornire dettagli sugli incontri. Mentre gli Usa non escludono, nelle nuove forniture militari, l’invio dei missili Patriots. Se nella capitale le operazioni di ripristino di acqua e corrente, seppur per una parte dei cittadini, avvengono in modo relativamente rapido, nel resto del paese è più difficile e nel complesso le forniture di energia arrivano a malapena al 15% del necessario, procedendo tra razionamenti e sospensioni. Da Kyev, Flavia Lai, cooperante della Ong INTERSOS:


 

La marcia per la dignità a Prato

A Prato oggi la marcia per la dignità. Nel capoluogo del distretto del tessile migliaia di operai, soprattutto stranieri, hanno manifestato per chiedere ciò che sembra incredibile, in occidente nel 2022: la settimana lavorativa di 8 ore per 5 giorni, e non 12 per 7, il diritto di attività sindacale e un intervento forte delle istituzioni contro la pratica dell’apri e chiudi, aziende che aprono e chiudono in pochi mesi ogni volta licenziando i lavoratori. L’ultimo caso quello della Iron&Logistics, che ha licenziato via citofono tutti gli operai iscritti al sindacato di base SiCobas, cercando di svuotare il capannone per riaprire con altra insegna. I lavoratori hanno presidiato la fabbrica per due mesi e strappato un accordo poi disatteso dall’azienda nonostante la firma in regione Toscana, e spostato la protesta sotto le vetrine dei grandi nomi della moda che spesso si servono di queste aziende senza curarsi del rispetto dei diritti essenziali del lavoro. Oggi il corteo nel capoluogo.

La manifestazione a Bolzano per ricordare Mostafa Abdelaziz

A Bolzano stamattina in centinaia hanno manifestato per ricordare Mostafa Abdelaziz, 19enne egiziano morto di freddo la notte tra l’8 e il 9 dicembre per non aver trovato un posto nei dormitori della città, la seconda più ricca d’Italia. Era arrivato in Italia solo due giorni prima. Mostafa si era presentato ad un punto informazioni dei servizi sociali ed era stato messo in lista d’attesa per un posto letto in dormitorio, ma davanti aveva altre 170 persone. E così con un amico hanno dormito in strada. Quella notte c’erano tra i 5 ed i 9 gradi sotto zero, e Mostafa la mattina non si è svegliato, morto di assideramento. Comune e Provincia, sotto accusa per non aver provveduto ad attrezzare adeguatamente la città, si scaricano a vicenda le responsabilità. “Una vergogna senza fine”, sottolinea l’associazione Bozen Solidale che ha organizzato la manifestazione di oggi. “Questa morte deve scuoterci – le parole del vescovo Ivo Muser – Siamo una capitale del turismo, ma lasciamo morire di freddo un ragazzo”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 28/05 9:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 28-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 28-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 28-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 28/05/2024

    Nel 50esimo della strage di Piazza della Loggia, Massimo Alberti intervista Manlio Milani, la memoria storica della lotta per la verità e giustizia, già presidente dei familiari delle vittime. Radio Popolare trasmette in diretta da Brescia le celebrazioni con la manifestazione, le voci, i familiari delle vittime, il presidente Mattarella (in piazza Lorenza Ghidini, Massimo Alberti, Alessandro Braga e Michele Migone). Negli approfondimenti di Giorni Migliori, Lorenzo Venini, avvocato, ci racconta cosa sta proponendo la Lega in Parlamento ovvero 25 anni di carcere per chi protesta contro le grandi opere in maniera violenta o minacciosa.

    Giorni Migliori – Intro - 28-05-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 28/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 28-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di martedì 28/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 28-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 27/05/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 27-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 27/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27-05-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 27/05/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 27-05-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 27/05/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 27-05-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 27/05/2024 - ore 20:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 27-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 27/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 27-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 27/05/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 27-05-2024

Adesso in diretta