Approfondimenti

I combattimenti strada per strada nel Donbass, il mancato accordo sulle nuove sanzioni UE alla Russia e le altre notizie della giornata

Bombardamenti a Kiev

Il racconto della giornata di mercoledì 4 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A settanta giorni dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina, il conflitto continua senza sosta. Violenti combattimenti sarebbero in corso nell’acciaieria di Mariupol e strada per strada nel Donbass, mentre non è chiaro cosa succederà il 9 maggio. L’Unione Europea, intanto, fatica a raggiungere un accordo sulle nuove sanzioni da imporre alla Russia. Decine di braccianti costretti a lavorare nei campi per 15/16 ore al giorno per una paga di 2,5 euro: è accaduto tra il 2015 e il 2019 in Maremma, dove oggi la Guardia di Finanza ha denunciato i titolari di tre aziende agricole. Oggi in Italia tre persone sono morte sul lavoro, quasi 200 dall’inizio dell’anno ad oggi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’acciaieria di Mariupol ancora sotto assalto

La guerra in Ucraina è al 70esimo giorno e la battaglia nell’acciaieria di Mariupol continua senza tregua. Secondo il sindaco deposto della città, nell’Azovstal sono in corso “violenti combattimenti” e da qualche ora si sarebbero persi i contatti con i militari asserragliati nell’impianto. Il Cremlino ha però negato che le forze russe abbiano lanciato un assalto alle acciaierie, ma il portavoce Peskov ha aggiunto che le truppe di Mosca stanno assediando il sito e intervengono solo per “fermare i tentativi” dei combattenti ucraini di raggiungere delle “postazioni di tiro”.
Se come dice Kiev, l’attacco è effettivamente in corso, Mosca avrebbe violato gli accordi del cessate il fuoco per evacuare i civili. Ieri 100 civili sono riusciti a raggiungere Zaporizhzhia, mentre la vicepremier ucraina aveva annunciato per oggi altri 4 corridoi umanitari, ma non sono arrivate altre informazioni su questi. Secondo il governo di Kiev, al momento ci sarebbero ancora almeno 30 bambini nell’acciaieria in attesa di essere evacuati. Sentiamo da Zaporizhzhia il nostro Emanuele Valenti:

 

L’offensiva russa nel Donbass non rallenta. Cosa succederà il 9 maggio?

Nel resto del paese invece continua l’offensiva nel Donbass, dove la battaglia prosegue anche via terra con combattimenti strada per strada nei villaggi. Secondo fonti ucraine ci sarebbero almeno 10 civili uccisi mentre erano alla fermata del pullman nella città di Avdivka, a nord di donetsk.
Nella serata di ieri missili russi sono caduti anche nell’ovest del paese, colpendo sei stazioni ferroviarie. Secondo il ministero della difesa russo, i sei scali merci ferroviari bombardati erano usati per il trasferimento di “armi occidentali alle forze ucraine in Donbass”.

Mosca e Kiev intanto continuano a portare avanti diverse teorie su cosa succederà il 9 maggio, dopo che era circolata l’idea che Putin potesse dichiarare la guerra totale. Il portavoce del Cremlino Peskov oggi ha negato che ci sarà un cambiamento nella cosiddetta “operazione speciale”, ma per Kiev in quel giorno Mosca sta pianificando una parata della vittoria proprio a Mariupol.

Non si trova l’accordo sulle nuove sanzioni contro la Russia

Intanto l’Unione Europea non è riuscita a trovare un accordo per le nuove sanzioni alla Russia. Ursula Von der leyen ha presentato al parlamento europeo il nuovo pacchetto, che prevederebbe fra l’altro l’embargo graduale sul petrolio. Ungheria, Bulgaria e Slovacchia la possibilità di una proroga mirata dell’embargo fino a fine 2023, ma per Budapest anche questo non sarà sufficiente, e il ministro degli esteri ungherese ha detto che il paese porrà il veto sull’embargo, perché distruggerebbe gli approvvigionamenti energetici del paese.

Anche Joe Biden ha parlato di possibilità di nuove sanzioni alla russia, dicendo che gli usa sono sempre aperti a nuove sanzioni e che ha intenzione di parlare con i leader del G7 questa settimana per vedere i prossimi passi da fare. Nel suo discorso, nella notte, il presidente Usa ha detto che la Guerra in ucraina è un punto di svolta nella storia.

La guerra in Ucraina inoltre avrà poi anche impatti devastanti sulle economie dei paesi più poveri. Lo dice un rapporto pubblicato oggi della FAO che dice che l’effetto peggiore lo avrà sui Paesi in crisi alimentare, oltre quelli già sull’orlo della carestia”, serve “un’azione umanitaria urgente”.

Sfruttamento del lavoro in Maremma. Denunciati i titolari di tre aziende agricole

Decine di braccianti costretti a lavorare nei campi per 15/16 ore al giorno per una paga di 2,5 euro. Subivano aggressioni verbali, minacce di licenziamento, erano anche costretti a vivere in casolari e garage senza riscaldamento, acqua potabile e servizi igenici.
Oggi la Guardia di Finanza ha denunciato i titolari di 3 aziende agricole della Costa degli Etruschi, in Maremma, tra Livorno e Grosseto. L’accusa è intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Circa 800 i braccianti sfruttati, sia italiani che stranieri, tra il 2015 e il 2019. L’inchiesta è partita grazie alle denunce di alcuni dei braccianti, come ci ha raccontato Michele Rossi segretario generale Flai Cgil di Livorno:

 

Tre morti sul lavoro in Italia in 24 ore

Tre morti sul lavoro nella giornata di oggi.
 Oronzo Pisano, operaio di 53 anni, stava effettuando dei lavori in uno stabile in via Umberto I a Lecce, quando, per cause in corso di accertamento, è caduto dall’impalcatura sulla quale si trovava, da un’altezza di sei metri.
 Antonio Fabris, operaio comunale di 64 anni, stava tagliando l’erba a Costabissana, nel vicentino, accanto alla pista ciclabile che corre lungo la strada, quando il piccolo trattorino tagliaerba è scivolato nel canale. L’uomo non é riuscito a liberarsi. 
Infine c’è Antonio Stazione, operaio di 29 anni, morto folgorato nel corso dei lavori di potatura in un fondo privato a Cave, comune montano in provincia di Roma. Nel primo trimestre in Italia, dati Inali, sono già quasi 200 le vittime sul lavoro. Aumentano anche le denunce di infortuni, più 50% rispetto all’anno scorso.

Lombardia, candidati presidenti cercasi

(di Claudio Jampaglia)

Italia Viva aspetta le indicazioni di Matteo Renzi e non partecipa, dall’inizio, ai tavoli per costruire una coalizione per battere per la prima volta i candidati del centrodestra in Lombardia. Si è sfilata negli ultimi giorni anche Azione di Calenda che non vuole stare ai tavoli con i 5Stelle e anche questa potrebbe essere una scelta romana, visto che fino all’altro ieri ci stavano. Le frange cosiddette riformiste tirano per la giacca il PD cercando di far pesare il vuoto al centro di una coalizione che ha bisogno di essere molto ampia per avere qualche chance di vittoria. Anche i Radicali con +Europa diffidano. [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

Miglior film e miglior regia ai David di Donatello per “È stata la mano di Dio”

(di Barbara Sorrentini)

Non si può dire che sia stata una sorpresa: i due David di Donatello come miglior film e miglior regia per “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino erano prevedibili dal ritorno dagli Stati Uniti senza l’Oscar. Il film più personale del regista napoletano, già Leone d’Argento al Festival di Venezia, ha vinto anche con l’attrice non protagonista Teresa Saponangelo, per la fotografia di Daria D’Antonio e il David Giovani. Cinque statuette in tutto. Premi importanti per “Ariaferma” di Leonardo Di Costanzo, girato in carcere, che si aggiudica il premio per la miglior sceneggiatura scritta con Valia Santella e Bruno Oliviero e quello per il miglior attore a Silvio Orlando, nella parte del detenuto. Sei premi per “Freaks Out” di Gabriele Mainetti, tra i quali la produzione, che ha unito numerosi finanziatori per una sfida nuova nel cinema italiano, evidentemente riuscita.
La miglior attrice è una diciassettenne della comunità rom di Gioia Tauro, che interpreta una ragazza che scappa dai legami della famiglia con la ‘ndrangheta nel film “A Chiara” di Jonas Carpignano. E il miglior attore non protagonista è Eduardo Scarpetta, nipote del commediografo ritratto in “Qui rido io” di Mario Martone. Molti premi quindi al cinema di impronta partenopea, ma da segnalare anche il trionfo di “Ennio” di Giuseppe Tornatore, come miglior documentario. Durante la cerimonia condotta da Carlo Conti e Drusilla Foer sono stati consegnati anche i premi alla carriera a Giovanna Ralli, ad Antonio Capuano e quello speciale a Sabrina Ferilli. La produzione cinematografica italiana sta bene, ma il pubblico non sta più andando a vedere i film sul grande schermo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

L’obbligo di mascherine sui posti di lavoro privati verrà prorogato fino a fine giugno. Sono queste le indicazioni che arrivano dall’incontro che si è svolto oggi al Ministero del Lavoro con le organizzazioni delle imprese e i sindacati. Ad essere prorogato sarà l’intero Protocollo sulla sicurezza per il contrasto del COVID sottoscritto il 6 aprile 2021. Lo ha comunicato il Ministero del Lavoro, al termine della riunione, aggiungendo che si è deciso “di fissare un nuovo incontro entro il prossimo 30 giugno per eventuali modifiche in base all’andamento dell’epidemia”.

Oggi ci sono stati 47mila nuovi casi e 152 morti. Il tasso di positività è in calo al 14%. Scendono anche i ricoveri ordinari, in lieve aumento le terapie intensive.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 12/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 12/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 12/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 12/06/2024

    1-Sudan. La città di El-Fasher, in Darfur, al centro della guerra tra esercito e paramilitari. A rischio centinaia di migliaia di civili, molti profughi interni. Il conflitto va avanti da più di un anno (Irene Panozzo, ex-consigliere del rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Corno d’Africa) 2- Il piano americano per un cessate il fuoco a Gaza è a rischio. Hamas ha chiesto delle modifiche. Secondo gli Stati Uniti alcune sono irricevibili, ma si continua a trattare. Blinken rimane nella regione (Roberto Festa) 3- Iran. Il regime ha scelto i candidati per le elezioni presidenziali di fine mese. Cinque conservatori e un riformista. Ma per capire quanto supporto abbiano ancora gli ayatollah sarà fondamentale l’affluenza (Farian Sabahi) 4- Nel mondo sono almeno 160 milioni i bambini costretti a lavorare e a non andare a scuola. E la metà fa lavori pericolosi. La causa è la povertà. Oggi è la giornata mondiale contro il lavoro minorile (Paola Maceroni, ActionAid International Italia) 5- Graphic novel. Polly, il romanzo a fumetti di Fabrice Melquiot e Isabelle Pralong (Luisa Nannipieri) 6- Come dirti addio. È morta a 80 anni Francoise Hardy, l’icona della cultura pop francese (Chawki Senouci)

    Esteri - 12-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 12/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 12-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 12/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 12-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 12/06/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 12-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 12/06/2024

    Nella prima parte iniziamo con un ricordo di Françoise Hardy a cura di Chawki Senouci. Poi Alessandro Braga ci racconta la terza data di Vasco a San Siro. Nella seconda parte Setak ci racconta il suo ultimo disco Assamannù regalandoci anche due brani live.

    Jack - 12-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 12/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha trasmesso dalla libreria @Ubik Varese e ha ospitato Milo Manica, presidente di @GIO Gruppo Insubrico di Ornitologia per raccontarci il territorio e i suoi abitanti e scopriamo che Milo voleva essere rondone

    Considera l’armadillo - 12-06-2024

  • PlayStop

    Mimmo Lucano torna sindaco di Riace

    Tra i nuovi parlamentari europei eletti nei giorni scorsi c'è anche Mimmo Lucano. L'ex sindaco di Riace ha vinto anche le elezioni amministrative nel suo comune, diventato un simbolo di accoglienza grazie al modello di integrazione da lui promosso. Dopo anni di accuse giudiziarie e politiche da parte della destra, Mimmo Lucano tornerà a guidare Riace.

    Clip - 12-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 12/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 12-06-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 12/06/2024

    Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, oggi in onda dalla libreria Ubik di Varese, con: Enzo Laforgia, assessore alla cultura, Emiliano Bezzon, responsabile dei progetti culturali; Marta Spanevello, responsabile della valorizzazione di Villa Panza di Biumo; Andrea Chiodi, regista e direttore artistico del Festival al Sacro Monte; l’associazione FilmStudio90 e il critico e selezionatore Mauro Gervasini…

    Cult - 12-06-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 12/06/2024 - ore 11:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 12-06-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 12/06/2024

    Il Piano di pace Biden per Gaza è diventato piano dell'Onu col voto del consiglio di sicurezza ne parliamo con Anna Momigliano giornalista di Haaretz e Ruba Salih antropologa all’Università di Bologna. Il post voto e le sinistre in Europa tra divisioni, fronti popolari e la necessaria sintesi tra movimenti e partiti analizzata da Paolo Gerbaudo sociologo politico alla Computense di Madrid. E il ritorno di Mimmo Lucano sindaco di Riace e neo eurodeputato.

    Giorni Migliori – Intro - 12-06-2024

Adesso in diretta