Approfondimenti

I tempi della guerra si allungano, la crisi di governo scongiurata prima del voto in Senato e le altre notizie della giornata

Mariupol

Il racconto della giornata di mercoledì 30 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A 35 giorni dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina i tempi della guerra sembrano ancora lunghi dopo che Mosca ha frenato l’ottimismo emerso ieri dopo la prima giornata di negoziati in Turchia. Domani il Senato voterà sul Decreto Ucraina e oggi, in punta di regolamento, si è trovata la via di uscita per il Movimento 5 Stelle che non era intenzionato a votare per l’aumento delle spese militari. In Italia, intanto, un segnale di chiusura verso chi fugge dall’Ucraina arriva dal comune lombardo di Vigevano, che ha deciso di non garantire la mensa scolastica gratis ai bambini scappati dalla guerra. Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione ha diffuso oggi il rapporto su “Lo stato della popolazione nel mondo 2022” mettendo l’accento sulla crisi trascurata delle gravidanze indesiderate e sulle violenze sessuali durante le emergenze umanitarie come quella in corso in Ucraina.. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I tempi della guerra saranno ancora lunghi

È stata un’altra giornata di bombardamenti e scontri in Ucraina. Gli attacchi russi si sono intensificati nel Donbass, ma non hanno risparmiato neanche Kiev e Cherniv nonostante Mosca solo due giorni fa a Instabul aveva annunciato l’intenzione di ridurre le attività militari attorno alla capitale ucraina. Per quanto riguarda le trattative il Cremlino oggi ha frenato l’ottimismo affermando che i negoziati fin ora “non hanno prodotto nulla di molto promettente”. Dunque tutti i segnali arrivati nelle ultime ore ci dicono che la strada per un cessate il fuoco è ancora lunga e che il quadro è complesso.

(di Emanuele Valenti)

Su entrambi i livelli è difficile fare sintesi. Ci sono cose in contraddizione tra loro. Ma se vogliamo dare un senso a quello che sta succedendo possiamo dire: i tempi della guerra saranno ancora lunghi e l’annuncio russo di ieri – disimpegno dal nord dell’Ucraina – non è un tregua.
Cominciamo quindi da qui. Anche se alcune truppe russe si sono ritirate in Russia o in Bielorussia, combattimenti e bombardamenti sono continuati a ovest di Kiev e intorno a Chernihiv, sempre isolata. Qui le autorità locali hanno detto che è cambiato poco o nulla.

 E nel frattempo si sta intensificando la guerra nel sud-est, nel Donbass. Nel tardo pomeriggio il Ministero della Difesa di Mosca ha confermato in effetti questo spostamento di focus.

Le autorità locali di Donetsk e Luhansk – lato ucraino, non delle repubbliche separatiste – hanno denunciato attacchi lungo tutta la linea del fronte nata nel 2014. Linea del fronte che, soprattutto a Luhansk, si sta spostando verso ovest, gli ucraini perdono terreno. 
Nostre fonti in quella zona hanno confermato e si aspettano un’ulteriore escalation. Attacchi russi oltretutto anche tra Kharkiv e il Donbass. 
E infine nessuna tregua nemmeno a Mariupol, dove sarebbe stata colpita anche una postazione della Croce Rossa. Il Cremlino ha fatto sapere che Putin, ieri sera, ha ribadito a Macron – che sta cercando una soluzione per i civili – che l’attacco finirà solo quando gli ucraini si arrenderanno.

La questione sulla quale il negoziato ha fatto più passi in avanti è la neutralità, niente NATO. Ma anche qui la trattativa non sarà breve. Soprattutto su un punto: chi garantirà la sicurezza di Kiev? Gli ucraini hanno proposto Turchia e paesi occidentali, ovviamente non graditi a Mosca. 
Ma il vero nodo è la questione territoriale. 
Gli ucraini insistono sull’integrità territoriale, anche se hanno proposto una revisione ogni 15 anni dello status della Crimea, quindi una potenziale concessione.
Il Cremlino questo pomeriggio ha detto che la Crimea è fuori dal negoziato e quindi rimane il Donbass, dove come dicevamo si stanno concentrando gli sforzi militari di Mosca. Il Donbass è l’ostacolo alla fine del conflitto.

 Il capo negoziatore russo, Medinsky, ha ricordato che la posizione di Mosca non cambia. La Russia aveva riconosciuto le due repubbliche separatiste prima dell’invasione e ora sta allargando il loro territorio.
 Oltretutto negli ultimi giorni entrambe hanno fatto sapere che potrebbero chiedere l’annessione alla Federazione Russa.

In questo quadro il Cremlino ha incassato la conferma della vicinanza della Cina. Dopo l’incontro tra i due ministri degli esteri a Pechino, i cinesi hanno detto di essere pronti a consolidare ulteriormente la relazione con Mosca.
 

La via di uscita per i senatori di M5S sulla fiducia al decreto Ucraina

(di Anna Bredice)

In punta di regolamento del Senato si è trovata in dirittura d’arrivo una via di uscita per il Movimento 5 Stelle, che consentirà ai senatori domani intorno alle 11 di votare la fiducia che il governo metterà al decreto sull’Ucraina. Il famoso ordine del giorno che porta all’aumento del 2% delle spese militari non ci sarà, il decreto arriva in aula senza relatore, vuol dire che emendamenti e ordini del giorno decadono. Una via di uscita onorevole per Conte, soprattutto perché il Ministro della Difesa Guerini oggi senza grande clamore, ma sapendo che era la risposta attesa da ore, ha portato al 2028 il raggiungimento delle spese militari a quell’obiettivo fissato dalla Nato anni fa. Dovrebbero quindi essere più o meno tutti soddisfatti: Draghi che ha tenuto il punto con Conte andando a cercare un sostegno al Colle e i senatori Cinque Stelle che si tolgono dall’imbarazzo di non dover votare una fiducia, strettamente necessaria in questo momento di guerra in Ucraina, con Draghi che sta provando ad aprire un canale di dialogo sia con Putin che con Zelensky. È il PD quello più irritato dal protagonismo di Conte su questo tema che considerano strumentale alla battaglia interna per rafforzare la sua leadership, senza sapere però che contraccolpi potrà avere nel governo, sulle prossime sfide e obiettivi. In ogni caso, se il governo confermerà il rinvio al 2028 dell’aumento complessivo delle spese militari, i Cinque Stelle potranno dire di aver vinto, evitando di spendere tante risorse economiche già in questo Def. Con la fiducia del governo domani Draghi dal canto suo mostra di voler andare avanti, senza cedere troppo ai partiti della maggioranza.

Durante le emergenze umanitarie il 20% delle donne subisce violenza sessuale

Il governo di Kiev ha detto che a Mariupol una donna è stata violentata per giorni fino a morire per le ferite, mentre il figlio ha assistito alle violenze. Una notizia che è impossibile verificare, ma la direttrice del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione ha espresso grande preoccupazione per i possibili stupri di guerra che potrebbero verificarsi nei confronti delle donne ucraine. 
Durante le emergenze umanitarie il 20% delle donne subisce violenza sessuale – si legge nel rapporto presentato oggi. 
L’agenzia teme anche un grande incremento delle gravidanze non pianificate, frutto sia della mancanza di servizi per la salute sessuale e riproduttiva, sia per le violenze contro le donne, dentro e fuori l’Ucraina.
 Ne abbiamo parlato con Maria Grazia Panunzi, presidente di Aidos, l’associazione che cura il rapporto ONU nella versione italiana
:


 

Da Vigevano i primi segnali di chiusura verso chi fugge dall’Ucraina

In Italia un segnale di chiusura verso chi fugge dall’Ucraina arriva dalla Lombardia, in particolare dal Comune pavese di Vigevano, che ha deciso di non garantire la mensa scolastica gratis ai bambini scappati dalla guerra. “Valuteremo caso per caso, magari le persone che arrivano riescono a trovare lavoro e a produrre un Isee”, ha detto il sindaco leghista Andrea Ceffa al quotidiano “La provincia pavese”. Ieri c’è stato un incontro tra il Comune e il Coordinamento volontariato Vigevano, che ha accettato di farsi carico della spesa. In città il tema delle mense è problematico da almeno un decennio, da quando fu decisa l’esclusione dei bimbi i cui genitori avevano superato una certa soglia di pagamenti arretrati. Da allora di questo tema si occupa un’associazione, “L’articolo 3 vale anche per me”. Abbiamo chiesto alla presidente Amalia Trifogli cosa dicono le mamme degli 8 bambini arrivati dall’Ucraina di fronte all’atteggiamento del Comune:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

77.600 i nuovi casi accertati oggi. 177 le vittime nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è stabile, attorno al 15%. Domani è l’ultimo giorno dello stato di emergenza. Era stato dichiarato il 31 gennaio 2020. Il generale Figliuolo lascia, al suo posto arriva un altro generale, Tommaso Petroni, che gestirà con il governo la campagna di vaccinazione. Dal 1° cadono gran parte delle restrizioni e dal 1° maggio il Green Pass non servirà più. Più di due anni dopo, si scioglie il CTS. “Ci siamo trovati in piena emergenza, sono stati momenti drammatici”, racconta a Radio Popolare Luca Richeldi, pneumologo che ha fatto parte del primo comitato:

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 26/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 26/05/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 26/05/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 26/05/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

Adesso in diretta