Approfondimenti

Il governo Meloni escluso dalle nomine UE, il rischio di un secondo fronte in Medio Oriente e le altre notizie della giornata

Meloni G20 ANSA

Il racconto della giornata di mercoledì 26 giugno 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Meloni esclusa dalle nomine si scaglia contro l’unione europea: un gigante burocratico che non tiene conto del voto dei cittadini, dice la presidente del consiglio. Al vertice di Bruxelles potrebbe astenersi e non votare Ursula von der Leyen, che punta sull’immigrazione per tenere il dialogo aperto con la destra: lettera ai leader alla vigilia del consiglio europeo. “sarà una priorità, bene le richieste d’asilo fuori dai confini europei”. … e pensare che Confindustria parlava di “Sussidistan”. Attivo il superbonus assunzioni: uno sconto fiscale del 120% per chi assume a tempo indeterminato. In un momento in cui l’occupazione sale, il governo paga le imprese per ciò che stanno già facendo. E intanto prepara tagli alla spesa sociale per restare nei vincoli europei. Dopo il Canada  anche Germania e olanda hanno chiesto ai propri cittadini di lasciare immediatamente il libano perché è sempre più alto il rischio di un conflitto tra Israele e Hezbollah. Kenya, il governo cede alla piazza, dopo le proteste e l’assalto al parlamento. Ritirata la legge che alzava le tasse alla popolazione. “Chino la testa. Coinvolgerò i giovani negli affari del paese”, annuncia il presidente Ruto. Bloccato anche l’ordine di schierare l’esercito. Nei disordini morti decine di manifestanti.

La maggioranza Meloni esclusa dalle nomine UE

(di Anna Bredice)

È la logica dei “caminetti” a Bruxelles, dell’Unione Europea descritta come un “gigante di burocrazia” e così via. Le Comunicazioni di Giorgia Meloni in Parlamento sono state accompagnate dagli attacchi alle Istituzioni europee raffigurate come nemiche, che vogliono mettere all’angolo l’Italia, imporre ai cittadini cosa mangiare, cosa bere, e via dicendo. I soliti toni di chi vuole raffigurarsi come vittima di un sistema che decide al chiuso, questo è quello che ha messo in scena alla Camera e al Senato oggi Giorgia Meloni alla vigilia del Consiglio Europeo dove dovrà dare il suo parere sulla spartizione dei nomi ai vertici degli incarichi apicali, ma lì domani c’è chi si attende un’altra faccia della Presidente del Consiglio ed è quella che da ore il leader di Forza Italia Tajani sta cercando di rafforzare, non mettersi di traverso domani sulla rielezione di Von der Layen , astenersi perlomeno, perché si è capito anche nelle Comunicazioni di oggi di Giorgia Meloni che una cosa sono i nomi, l’altra i cinque anni di governo europeo. “Per ora l’Europa resiste dobbiamo vedere se esiste”, ha detto nel suo intervento. Due facce per contare di più e riuscire ad ottenere una vicepresidenza e una Commissione importante, portando a Bruxelles quelle rivendicazioni che le servono molto in Italia, come sburocratizzare l’Europa, competere con le battaglie sovraniste di Salvini, ma appoggiando nello stesso tempo Giorgetti e Fitto sui soldi, sul patto di stabilità, il Pnrr e la prossima manovra economica. Nell’ora abbondante del suo discorso, Giorgia Meloni ha attaccato anche le opposizioni, “non accettiamo inciuci”, ha detto, ma Elly Schlein le ha risposto che sono i socialisti a non volere fare inciuci con il suo partito in Europa. Per ora Meloni rimane a metà tra Von der Layen e Victor Orban, anche se con quest’ultimo si è vista una freddezza nell’ultimo incontro. “Al vertice di domani Meloni parlerà”, ha detto Tajani, e “sa già, aggiunge, come la penso io e come la pensa Salvini”.

Von der Leyen punta sull’immigrazione per mantenere il dialogo con la destra

(di Alessandro Principe)

Se c’è una questione su cui Ursula Von der Leyen può puntare per allargare la sua maggioranza a destra, questa è l’immigrazione. Oggi, alla vigilia del vertice che ratificherà le nomine, la riconfermata presidente della Commissione, ha mandato una lettera ai leader europei proprio su questo tema. E ha lanciato un messaggio molto chiaro. Ha scritto che esaminare le domande di asilo fuori dai confini europei è un metodo innovativo che va tenuto in grande considerazione. Un metodo – si legge nella lettera – su cui molti stati membri stanno lavorando. Meloni lo sta facendo, con l’Albania. E’ il tema delle destre per eccellenza. Le parole di Von der Leyen sono certamente un modo per riagganciare con loro, anche se tenuti fuori dall’intesa politica per le nomine, in vista del voto di conferma all’Europarlamento. Quando ad aprile venne approvato il Patto su immigrazione e asilo lo sostennero Popolari, Socialisti e Liberali. Con l’eccezione della delegazione italiana del Pd che votò contro. Fratelli d’Italia, Lega e i loro alleati a Destra votarono contro, considerandolo troppo morbido. Ora Von der Leyen rilancia: “Sono in corso riflessioni su idee che sicuramente meriteranno la nostra attenzione quando sarà avviato il nostro prossimo ciclo istituzionale”, si legge ancora nella lettera di oggi. Dopo le nomine, ci sono il voto di conferma e soprattutto cinque anni di provvedimenti da discutere e approvare: l’immigrazione è il terreno ideale per tenere la porta aperta a destra.

Il “Sussidistan” delle imprese

(di Massimo Alberti)

È stato pubblicato il decreto attuativo del cosiddetto superbonus assunzioni: uno sconto fiscale del 120% per imprese e professionisti che assumono a tempo indeterminato. Può arrivare fino al 130% in caso di categorie fragili. Il sussidio si aggiunge alle decine di miliardi di incentivi che le imprese ricevono ogni anno dallo stato. In un momento in cui l’occupazione, ed anche quella a tempo indeterminato, sta già crescendo. Ed in cui si prospettano forti tagli alla spesa sociale per restare nei vincoli europei.
Un incentivo ad assumere a tempo indeterminato. Apparentemente, una cosa buona. Nei fatti, l’ennesimo regalo di soldi pubblici alle imprese. Vediamo perché. Intanto vale sempre ricordare che parliamo di contratti a tutele crescenti, interrompibli in ogni momento. Lo stato già sussidia le imprese, in varie forme dirette ed indirette, per decine di miliardi l’anno. La storia dei presunti incentivi all’occupazione dice che le imprese spinte ad assumere sulla base del sussidio sono una minima parte. La stragrande maggioranza incassa soldi pubblici per assunzioni in realtà già programmate. Oggi siamo in una fase di crescita dell’occupazione, in parte anche di quella a tempo indeterminato perché le imprese cercano di tenersi strette figure professionali di difficile reperibilità. Cioè, lo stato ora paga le imprese per fare ciò che già stanno facendo. A questo si aggiungono due questioni di merito: il maxisconto avviene nel paese, l’Italia, col costo del lavoro più basso dell’Europa industrializzata, e come indica l’Istat, quello dove la quota profitti è più alta rispetto ai salari. Se in fase di non crescita, dunque, i sussidi sono un freno agli investimenti perché permettono alle aziende di vivere di bassi salari, e appunto sussidi, in una fase come questa, di crescita seppur minima, significa frenare la redistribuzione della ricchezza a spese dello stato, in un momento, per altro, in cui l’Italia, nel mezzo di una procedura di infrazione, non riesce, in realtà vuole, trovare soldi per finanziare la spesa sociale e si prepara ad pesanti tagli per finanziare la prossima manovra. Il governo aveva promesso di rivedere il sistema di incentivi, il Sussidistan di cui godono le imprese. E’ rimasto lettera morta, anzi, lo si incrementa, mentre si tagliano gli aiuti per i più poveri.

 

Si alza il rischio di guerra tra Israele e Hezbolla

La Guerra in Medio Oriente. Dopo il Canada  anche Germania e Olanda hanno chiesto ai propri cittadini di lasciare immediatamente il Libano perché è sempre più alto il rischio di un conflitto tra Israele e Hezbollah. Oggi Netanyahu  è stato in visita nel nord di Israele “otterremo  una vittoria anche sul fronte settentrionale, se dovesse scoppiare una guerra con Hezbollah” ha dichiarato il premier israeliano con acconto  il suo consigliere militare  e il capo  del comando settentrionale dell’esercito di Telaviv.

Anche oggi Israele ha colpito  il sud del libano dopo una serie di razzi lanciati dai miliziani sciiti. Intanto si fanno sempre più intensi i bombardamenti su Gaza. Nelle ultime 24 ore sono almeno 60 le vittime palestinesi. La situazione umanitaria è catastrofica, attualmente 2,15 milioni di palestinesi , ovvero circa il 96% della popolazione di Gaza soffre di malnutrizione acuta. Lo dicono i dati della Fao analizzati  da Oxfam .

Paolo Pezzati di Oxfam Italia:

Kenya, il governo cede alle proteste contro l’aumento delle tasse

Dopo le proteste e l’assalto al parlamento, il governo ha ceduto alle richieste della piazza. Oggi, a sorpresa, il presidente William Ruto ha ritirato la legge che prevedeva un forte aumento delle tasse. “Dopo aver ascoltato il popolo, chino la testa, non firmerò la finanziaria”, ha annunciato Ruto in un discorso tv. La Corte del Kenya ha anche bloccato l’ordine del governo di schierare l’esercito in alcune parti del paese. Tra ieri e oggi nelle proteste e nelle conseguente repressione della polizia sono morte decine di manifestanti.
Oggi nel suo intervento il presidente ha poi annunciato che coinvolgerà in futuro i giovani keniani per gestire gli affari del Paese.
Ma chi sono i giovani che hanno manifestato e qual è ora la situazione a Nairobi?
Lo abbiamo chiesto a Guglielmo Micucci, direttore della ong Amref Italia, che si trova nella capitale kenyana.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta