Approfondimenti

L’ambivalenza della Lega dopo la sconfitta, i portuali di Trieste scaricano i No Green Pass e le altre notizie della giornata

protesta Trieste ANSA

Il racconto della giornata di martedì 19 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. A 24 ore dai risultati finali delle amministrative, il governo accelera su pensioni, tasse, e reddito di cittadinanza dando schiaffi agli sconfitti della maggioranza, Lega e Movimento 5 Stelle. E Matteo Salvini punta il dito contro il Ministro Lamorgese dopo gli scontri degli ultimi giorni. In Parlamento sono iniziate le audizioni sulla proposta di legge per istituire una procura nazionale per la sicurezza sul lavoro. I portuali di Trieste si sono dissociati dalle proteste dei No Green Pass dopo gli scontri di ieri seguiti allo sgombero del porto. Matteo Renzi è indagato dalla procura di Firenze per presunte irregolarità nei finanziamenti a Open, la fondazione nata per sostenere le iniziative politiche dell’ex premier. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Chi ha perso, paga. E Draghi il prezzo lo fa pagare su pensioni, reddito di cittadinanza e tasse

(di Luigi Ambrosio)

A 24 ore dai risultati finali delle amministrative, il governo accelera su pensioni, tasse, e reddito di cittadinanza. Dando schiaffi agli sconfitti della maggioranza, Lega e Movimento 5 Stelle. Draghi sta cercando di imporre in Consiglio dei Ministri la fine di quota 100, alzando l’età pensionabile e gli anni di contributi. Una quota 102 nel 2022 che poi diventerà 104 nel 2024. Significherebbe andare in pensione prima a 64 anni con 38 anni di contributi e poi a 65 anni con 39 di contributi. Fine della misura che fu il cavallo di battaglia di Salvini e infatti in Consiglio dei Ministri i leghisti stanno cercando di fare una resistenza quantomeno di bandiera [CONTINUA A LEGGERE SUL SITO]

L’ambivalenza della Lega il giorno dopo la sconfitta alle elezioni

(di Anna Bredice)

“Ministro, si assuma le sue responsabilità”. Matteo Salvini chiude così il suo intervento rivolgendosi alla ministra dell’Interno, da mesi sotto accusa da parte della Lega e ora più che mai dopo gli scontri dei giorni scorsi. Parole scelte con cura, perché prendersi le responsabilità, per quanto sia un attacco forte, non vuol dire una mozione di sfiducia. Se lo facesse un partito di governo sarebbe un voto di sfiducia a Draghi. Ed è questa ambivalenza della Lega che il giorno dopo il risultato delle amministrative è messa sotto accusa dall’altro alleato e competitore di Salvini, Giorgia Meloni, ma non solo, perché per la prima volta dopo il ballottaggio nella Lega iniziano ad essere contestate pubblicamente le scelte fatte finora. “Dobbiamo scegliere se stare nel governo o all’opposizione”, dice il senatore Centinaio, che mette il dito nella piaga rivelando che la scelta del candidato a Milano è stata talmente sbagliata che molti leghisti avrebbero votato Sala. Tra l’altro è il giudizio che ne aveva dato tempo fa lo stesso Silvio Berlusconi, che è atteso a giorni a Roma, ma il suo ruolo di federatore non può fare miracoli, se i due altri alleati non hanno voglia di trovare una sintesi e una linea comune. Non si è ancora nemmeno fissato un vertice per fare un’analisi del voto e decidere le prossime mosse. Per ora è ancora il momento di rinfacciarsi le responsabilità della sconfitta e Giorgia Meloni fa capire che ad aver pesato è il fatto che su tre partiti, due stanno nel governo e uno all’opposizione, in realtà nel governo Forza Italia ci sta molto bene, tanto che qualcuno guarda con attenzione l’ipotesi di costruire una forza di centro fatta da Italia Viva di Renzi, Forza Italia e le varie formazioni liberali come quella di Calenda, rafforzarsi per non finire inglobati e senza potere nell’Ulivo di Letta. la Lega invece è ancora a metà ed è questo è il rimprovero di Giorgia Meloni all’alleato: “scegli da che parte stare”.

Matteo Renzi indagato per i finanziamenti a Open

Matteo Renzi è indagato dalla procura di Firenze per presunte irregolarità nei finanziamenti a Open, la fondazione nata per sostenere le iniziative politiche dell’ex premier. In tutto sono 11 gli indagati. Tra loro Maria Elena Boschi, Luca Lotti, l’ex presidente di Open Alberto Bianchi e l’imprenditore Marco Carrai. Coinvolte nell’inchiesta anche quattro società. Tra i reati contestati a vario titolo ci sono il finanziamento illecito ai partiti, corruzione, riciclaggio, traffico di influenze. Antonella Mollica, giornalista del Corriere della Sera:


 

Al via le audizioni in Parlamento per istituire una procura nazionale per la sicurezza sul lavoro

(di Massimo Alberti)

In Parlamento sono iniziate le audizioni sulla proposta di legge dei 5 Stelle per istituire una procura nazionale per la sicurezza sul lavoro, che a inizio ottobre è stata finalmente incardinata alla Camera. A parlare oggi è stato il direttore generale dell’Ispettorato nazionale del lavoro, Bruno Giordano. “In 14 anni ci sono stati 15mila morti sul lavoro e 10 milioni di infortuni. Avremmo dovuto avere 15mila sentenze, perché ne abbiamo solo alcune centinaia?” si è chiesto Giordano per sottolineare l’urgenza di questo organismo, per troppo tempo ignorato dalla politica.
Perché di una procura nazionale per la sicurezza sul lavoro si parla almeno dal 2013, quando il documento dell’apposita commissione bicamerale ne raccomandava l’istituzione.
L’allora procuratore Guariniello durante un’audizione sottolineò come l’intervento dell’autorità giudiziaria fosse largamente insoddisfacente, con aree del paese in cui i processi in materia di sicurezza non si svolgono, in altre talmente lenti da portare alla prescrizione dei reati. Quasi 10 anni dopo nulla è cambiato, se non in peggio se, come osserva Giordano, su 15.000 morti le sentenze sono poche centinaia: i problemi sono tanti a cominciare dalla formazione dei magistrati. “Se negli anni ’80 alcune procure avevano nuclei formati sulla sicurezza del lavoro, questo si è perso, e spesso i pm, oberati di lavoro, non escono nemmeno più per i sopralluoghi” riflette il magistrato del lavoro Carlo Sorgi.
La mancanza di formazione pesa sulla indagini complesse, e sulla difficoltà di dimostrare le responsabilità in processi dove la forza tra impresa e familiari è spesso impari. Ci sono reati, come l’omissione di cautele infortunistiche, raramente contestati. E quando con fatica si arriva a riconoscere le responsabilità penali, spesso è appunto la prescrizione a salvare l’imputato. A questo serve la procura nazionale per la sicurezza sul lavoro: un nucleo formato e specializzato che accentri indagini delicate e complesse anche per la frammentazione degli ispettorati. Perché non si ripeta l’esperienza di Debora Spagnuolo, oggi vicepresidente ANMIL, che a 10 anni dalla morte del marito non ha ancora una sentenza definitiva che le dica perché sia morto sul lavoro. E come lei migliaia di famiglie in attesa di risposte.

I portuali di Trieste si dissociano dalle proteste dei No Green Pass

I portuali di Trieste si sono dissociati dalle proteste dei No Green Pass dopo gli scontri di ieri seguiti allo sgombero del porto. “Visti gli ultimi sviluppi delle mobilitazioni il Coordinamento dei lavoratori portuali di Trieste non intende partecipare più a nessuna iniziativa” hanno scritto in un comunicato, aggiungendo che continueranno impegno sindacale contro l’obbligo di pagare per poter lavorare”. A Trieste prosegue il presidio dei no pass che si è concentrato nel centro della città. Da Trieste Edi Pernici collaboratore di Radio Fragola:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

https://twitter.com/MinisteroSalute/status/1450524235072524290

https://twitter.com/RegLombardia/status/1450480418583625734

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 29/02 15:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 29-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 29-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 29-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di giovedì 29/02/2024

    Ospiti della puntata gli Action Shelley per presentare il loro disco omonimo con intervista e mini live

    Jack - 29-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 29/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Luca Palazzolo, ricercatore università degli Studi di Milano e Michele Salvan, dottorando in biologia università di Torino per parlare del progetto Biogro, con il parco delle Groane, 3Bee sulla biodiversità e gli impollinatori, di Lipu Cesano Maderno, ma anche di CAI e di condanna del Laricidio per la pista da bob a Cortina d'Ampezzo e scopriamo che Luca voleva essere un Proteo e Michele un Capibara

    Considera l’armadillo - 29-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 29/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 29-02-2024

  • PlayStop

    Scuole occupate, parlano gli studenti

    In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    ABNE ep.7 - Le basi della coesione

    Qual è la situazione dell'Italia nel processo di transizione verso la neutralità climatica? Parliamo delle sfide che il nostro paese deve affrontare soprattutto nel territorio sardo del Sulcis e di quali mezzi l'Europa mette a disposizione tramite il fondo per una transizione giusta facente parte delle politiche di coesione dell'Unione Europea nell'intervento di Matteo Scannavini di Slow News.

    Clip - 29-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 29/02/2024

    Oggi a Cult: Nicola Lagioia, autore del romanzo, Michele Altamura e Gabriele Paolocà, parlano di "La ferocia", divenuto uno spettacolo e in scena al Teatro Fontana; la mostra "Spazio allo spazio" a cura dei dipartimenti di Architettura e Aerospaziale del Politecnico di Milano; il compositore Filippo Del Corno su "Allegro", composizione eseguita dal giovane quartetto EOS nell'ambito della rassegna "Giovine Italia" a Villa Necchi Campiglio; la rubrica di lirica con Giovanni Chiodi...

    Cult - 29-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/02/2024

    Che cos'è il greenwashing? E’ una “presa in giro” da parte delle aziende che lo praticano nei confronti di tutti gli interlocutori delle aziende stesse, i cosiddetti stakeholder (fornitori, clienti, dipendenti, amministratori pubblici, comunità locali). In pratica il greenwashing è un’attività elusiva degli obblighi normativi o etici in materia di sostenibilità ambientale. Chi lo pratica si dà una riverniciata “green”, ci racconta quanto è “sostenibile” la propria attività, ma nei fatti continua a compiere azioni inquinanti come sempre. Elena Gerebizza, esperta di energia, tra le fondatrici dell’associazione ReCommon, ci racconta il caso Snam (https://www.recommon.org/il-greenwashing-di-snam-il-caso-arbolia/). Ospite della puntata di Pubblica anche il presidente di Adiconsum Carlo De Masi per una denuncia ad Arera che riguarda il caro bollette.

    Pubblica - 29-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 29/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/02/2024

    GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Anna Momigliano corrispondente dall’Italia di Haaretz e Paolo Pezzati portavoce per le emergenze umanitarie di Oxfam Italia: allarme catastrofe a Gaza. Intervista di Sara Milanese - FRANCIA-GERMANIA, RAPPORTI TESI A CAUSA DELLA GUERRA IN UCRAINA da Parigi Francesco Giorgini e da Berlino Walter Rahue - LA MAGGIORANZA “MINACCIA” TEST PSICOATTITUDINALI PER I MAGISTRATI il commento di Giuseppe Santalucia presidente dell’ ANM. Intervista di Mattia Guastafierro - SCUOLE OCCUPATE, PARLANO GLI STUDENTI In studio Filippo e Alessandro studenti del Liceo scientifico Bottoni, intervista di Luca Parena a Giulia, studentessa dell’Istituto Cartesio di Cinisello Balsamo. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 29-02-2024

  • PlayStop

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI

    VALERIA PARRELLA - PICCOLI MIRACOLI E ALTRI TRADIMENTI - presentato da Barbara Sorrentini

    Note dell’autore - 29-02-2024

Adesso in diretta