Approfondimenti

I missili russi sui civili ucraini, il duro scontro tra magistrati e governo e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 5 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. “Un attacco brutale e dimostrativo”. Così il presidente ucraino Zelensky ha denunciato il bombardamento che ha colpito oggi il villaggio di Groza, vicino a Kupiansk, nella regione di Donetsk. Le vittime sono 51, ed è uno dei peggiori attacchi dall’inizio della guerra. Giorgia Meloni punta ad utilizzare il vertice di Granada per cercare alleati per portare avanti la sua linea dura sulle migrazioni. Matteo Salvini ha diffuso un video di 5 anni fa in cui si vede la giudice Iolanda Apostolico a una manifestazione. A causa delle norme sulla tassa di successione, i figli di Berlusconi erediteranno il patrimonio del padre pagando poche migliaia di euro di tasse. 

Ucraina, 51 persone uccise nel raid su un villaggio vicino a Kupiansk

(di Martina Stefanoni)
Un missile – che secondo le prime ricostruzioni sembrerebbe un iskander russo – ha colpito intorno all’ora di pranzo un bar e un alimentari nel villaggio di Groza. Le persone stavano partecipare ad una veglia funebre, in totale c’erano 60 persone. È uno degli attacchi con più vittime dall’inizio della guerra, secondo solo a quello sul teatro di Mariupol, dove morirono circa 300 persone.
Per rendere l’idea della drammaticità della strage, si pensi che Groza è un villaggio molto piccolo, i suoi abitanti sono circa 500, e quindi circa il 10% della popolazione è morta nell’ attacco.
La zona di Kupiansk è da tempo al centro dei bombardamenti, e anche dal punto di vista dei combattimenti di terra la linea kupiansk – lyman è una delle più complicate.
Poco fa anche il segretario generale delle nazioni unite Guterres ha condannato l’attacco, chiedendo la fine degli attacchi deliberati sui civili.

Questo attacco missilistico arriva proprio mentre Zelensky si trova a Granada, dove tra oggi e domani a vanno in scena due vertici importanti. Oggi appunto quello della comunità politica europea aperta a capi di Stato e di governo anche extra Ue, creata dall’invasione russa. Per Zelensky questo vertice è fondamentale non solo dal punto di vista simbolico, ma anche perché arriva in un momento molto delicato per quanto riguarda i rapporti di Kiev con l’occidente. I temi centrali – in quest’ambito – sono due: da un lato quello degli aiuti, in un momento in cui gli stati uniti barcollano internamente su questo aspetto. Zelensky infatti parlando in spagna ha ribadito l’importanza di un’Europa unita, che continua a lottare per i valori europei anche mentre gli stati uniti vivono una situazione di crisi politica e ha ribadito che Biden gli ha assicurato il sostegno usa al 100%. l’altro tema è invece quello dell’integrazione ucraina nell’unione europea. La Commissione europea vorrebbe esplorare formule diverse per una graduale integrazione di kiev nell’unione, creando una sorta di orbita esterna che comprenderebbe non solo Kiev ma anche gli altri paesi candidati. Una sorta di adesione ibrida, quindi, che ha il chiaro sostegno della Francia e del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ma che solleva malumori per diversi stati membri. Un tema molto complesso che verrà discusso ulteriormente nella giornata di domani, dedicata unicamente ai 27 paesi membri.

In spagna, Giorgia Meloni cerca alleati per portare avanti la linea dura sui migranti

Tra i temi che verranno discussi domani al summit di Granada c’è anche quello dei migranti. Il vertice arriva 24 ore dopo la piccola vittoria incassata dal governo italiano sul patto sulle migrazioni, dopo che Berlino ha acconsentito a togliere dal testo il passaggio sulle Ong. Anche se nella sostanza, il cambiamento è minimo. La premier, però, punta ad utilizzare il vertice di Granada per cercare alleati per portare avanti la sua linea dura sulle migrazioni. Meloni e il primo ministro inglese Sunak fanno fronte comune e oggi hanno convocato una riunione con i leader di Olanda, Albania e Francia, oltre a Von der Leyen e Charles Michel. Secondo quanto si apprende i sei leader dovrebbero firmare un’intesa in 8 punti che punta a rafforzare la lotta contro i trafficanti e ad incrementare gli accordi con i paesi nord africani, come Libia e Tunisia.

Salvini ha diffuso un video della giudice Apostolico in corteo

È uno scontro durissimo quello tra il governo e i magistrati, esasperato dall’ultima mossa di Salvini. Il vicepremier ha diffuso un video di 5 anni fa in cui si vede una donna che viene indicata come la giudice di Catania che ha scarcerato i migranti partecipare a una manifestazione. È il 2018, Salvini è ministro dell’Interno e sta bloccando le navi fuori dai porti. La manifestazione è sul molo di Catania, qualche decina di persone, circondate dalla polizia. Urlano “assassini”.

Salvini lo ha diffuso attaccando la giudice Iolanda Apostolico. È intervenuta l’associazione nazionale magistrati dicendo che è preoccupante lo “screening” dei giudici per delegittimarli. Mentre dalla Lega si scatenava una ridda si attacchi indirizzati alla magistrata, comprese richiesta di intervento al ministro della giustizia.

(di Anna Bredice)
Un video come una gogna, utilizzato da Matteo Salvini per screditare la decisione della giudice che non ha convalidato il fermo di quattro migranti nel Cpr di Pozzallo, attaccandola e nello stesso usando questo caso per lanciare il dubbio sull’imparzialità di tutti i magistrati. L’operazione di Salvini contro la giudice Iolanda Apostolico ogni giorno trova nuove forme di attacco: questa volta si tratta di un video postato su Twitter da Salvini dove si vedrebbe la magistrata partecipare nel 2018 ad una manifestazione nella quale si chiedeva lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti. In quel periodo ministro dell’Interno era proprio Salvini, che ancora oggi paga le conseguenze di quei mancati sbarchi. Domani infatti c’è una nuova udienza per la Open Arms e lui arriverà sicuramente nell’aula del Tribunale usando come sua difesa la presunta imparzialità dei giudici nei suoi confronti. Iolanda Apostolico non ha voluto né confermare né smentire quel video, si è trincerata nel silenzio, aveva però già detto nei giorni scorsi quello che pensava degli attacchi sferrati dalla stessa Presidente del Consiglio, “se qualcuno contesta la mia sentenza, aveva detto, può impugnarla fino in Cassazione. Ed è lo stesso concetto che anche l’Associazione nazionale dei magistrati, l’Anm, ribadisce oggi, parlando di uno “screening” della vita privata dei magistrati, che dovrebbero essere valutati solo per le loro decisioni e non per i comportamenti privati. Ricorda il caso del giudice Mesiano, deriso, giudicato sulle reti di Berlusconi per via dei suoi calzini, era il magistrato che aveva condannato la Fininvest. Questa volta si tratta dei magistrati che devono applicare il decreto Cutro soprattutto nella detenzione nei Cpr, Salvini utilizza il tema, come ha sempre fatto, per cavalcare i consensi, Italia viva lo segue con Renzi che oggi critica la magistrata per la sua partecipazione alla manifestazione. Ma sulla giustizia, sulle maggiori sanzioni nei confronti dei magistrati Salvini e Renzi sono andati spesso molto d’accordo.

Chi ha passato a Salvini quel video?

(di Alessandro Gilioli)
Chi ha passato a Salvini il video di cinque anni fa con la giudice Apostolico che manifestava per i migranti?
La domanda è lecita, finora non ha avuto risposta e possiamo pensare che a ripescarlo sia stato un militante leghista con la memoria lunga e una grande capacità di riconoscere le facce, anni dopo.
Però è anche possibile che le cose siano andate diversamente e forse avremmo diritto a saperlo.
Perché nel 2018 Salvini era ministro dell’Interno, la manifestazione era contro di lui e si sa cosa fa la polizia in questi casi, cioè fotografa tutti, poi risale all’identità dei manifestanti e li scheda.
Insomma è possibile che la giudice Apostolico in quell’occasione sia stata schedata dalla polizia e che cinque anni dopo sia stato il Viminale, o qualcuno del Viminale, a rispolverare quella vecchia scheda, passandola a Salvini.
In altre parole, è lecito il sospetto che informazioni riservate di polizia siano state usate dal ministro per uno scontro politico che tra l’altro è anche uno scontro fra organi dello Stato, governo e magistratura.
Sarebbe, ovviamente, una cosa mai vista in una democrazia, quindi aspettiamo che sia Salvini stesso a escludere che questo sia avvenuto, dicendoci come è venuto in possesso di quelle vecchie informazioni sulla giudice e fornendo le relative prove.

I figli di Berlusconi pagheranno poche migliaia di euro di tasse per ereditare un patrimonio di miliardi

(di Massimo Alberti)
I figli di Berlusconi erediteranno il patrimonio del padre pagando poche migliaia di euro di tasse. Questo a causa delle norme assai blande sulla tassa di successione, e di tutte le scappatoie per evitarlo. Oggi l’Ansa ha confermato quanto anticipato da Repubblica: su un’eredità stimata tra i 5 e 6 miliardi di euro, a fini fiscali il patrimonio ammonta a 458 milioni. 423 sono il valore delle quattro holding cui fa capo Fininvest. Cifra su cui i figli di Berlusconi hanno chiesto l’esenzione dalle tasse, in base alla legge che lo consente previo impegno a mantenerne il controllo per almeno 5 anni. Gli altri 35 milioni sono proprietà immobiliari che valgono poco più di un milione di tasse, ma con una franchigia di un milione a testa: cioè zero. È solo l’ultimo clamoroso caso di una delle più palesi distorsioni ed ingiustizie del sistema fiscale italiano.
Non a caso qualcuno considera l’Italia una sorta di paradiso fiscale per gli ereditieri. Ci sono ragioni sociali e storiche, che negli anni hanno portato la politica, vedi governo Amato prima con la riduzione, e Berlusconi poi con la sua abolizione, a rendere impossibile toccare le tasse di successione: in parte lo fece prima Prodi, poi Monti, nella forma timida che resta oggi. L’Italia è un paese che vive sulla rendita, cioè su reddito non da lavoro. E chi tocca la rendita, muore. Anche se si tratta di quella dei miliardari: oggi toccate la loro, domani toccherete la mia, pensa qualcuno. Il ragionamento ideologico ribalta il tema del merito, sulla base di cui altri paesi, con senso di sacralità ancor più alto della proprietà privata, impongono tasse di successione altissime. Con i soldi che ho fatto col mio sudore faccio quel che voglio! Si grida in Italia. Ma se le colpe non cadono sui figli, non dovrebbero nemmeno i meriti: e allora perché la ricchezza che una persona non ha creato, ma appunto si ritrova senza alcun merito, non dovrebbe essere tassata? E così il figlio di un miliardario, solo per essere nato dalla parte giusta, ha un’aliquota tra il 4% e l’8% (un terzo o meno di un operaio) ma con un milione di franchigia per parenti in linea diretta e coniuge, e 100mila tra fratelli. Con un tale spettro di esenzioni, che anche chi eredita imperi come appunto i figli di Berlusconi, di fatto non paga alcunché. Giusto garantire tutela a chi passa un appartamento, ma da lì a non aver alcuna progressività ce ne passa. Per cui, proprio per il principio dei soldi fatti col sudore, in Germania si va ad esempio dal 5% al 45%, in Germania dal 7% al 50%, negli Usa fino al 40%, in Spagna al 34%, in Belgio fino all’80%. Perché se il sudore non è il tuo, paghi. La crescita delle diseguaglianze ha portato istituzioni come l’OCSE a chiedere espressamente di alzare le tasse di successione. Per una questione di merito, giustizia, equità, che non può certo essere sostituita dal sangue.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

Adesso in diretta