Approfondimenti

Fuoco costante a Gaza, lo stop della BCE e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 26 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Sono settemila i morti palestinesi nella striscia di Gaza. I bombardamenti non si fermano e le testimonianze dei cittadini raccontano di un fuoco costante, senza sosta. Dopo 10 aumenti consecutivi, oggi il primo stop. La Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse. La rivalità tra Meloni e Salvini continua, messa in ombra nell’ultima settimana dalla vicenda Giambruno, ma la competizione c’è da tempo e si è vista. Pietrangelo Buttafuoco è stato designato come nuovo presidente della fondazione La Biennale di Venezia dal ministro della cultura Sangiuliano.

Settemila morti in venti giorni a Gaza

Sono settemila i morti palestinesi nella striscia di Gaza. I bombardamenti non si fermano e le testimonianze dei cittadini raccontano di un fuoco costante, senza sosta. Nelle ultime ore i raid hanno colpito il campo profughi di Jabalya, nel nord, alcune aree nell’est e Khan Younis, nel sud, dove un ultimo attacco ha totalmente raso al suolo un intero quartiere.
Secondo il New York Times, l’intensità dei colpi lanciati da Israele sulla striscia di Gaza in questi nemmeno 20 giorni porta questo attacco ad essere uno dei più intensi del 21esimo secolo.
La situazione umanitaria è ormai catastrofica, come ha detto oggi nuovamente l’OMS.
Tra poco torniamo su questo punto, ma in questo momento sono in corso una serie di vertici che hanno al centro la situazione in medio oriente, a partire dal consiglio d’Europa a Bruxelles, iniziato questo pomeriggio. I leader dei 27 dovrebbero firmare un documento finale prima di cena, ma sulla bozza circolata emergono alcune divisioni.
In studio Martina Stefanoni

“Il Consiglio europeo esprime la massima preoccupazione per il deterioramento della situazione umanitaria a Gaza e chiede un accesso umanitario continuo, rapido, sicuro e senza ostacoli e che gli aiuti raggiungano chi ne ha bisogno attraverso tutte le misure necessarie, compresi i corridoi e le pause umanitarie”. Queste, secondo quanto si apprende, sono le parole scelte dai leader europei. L’ultima parte – in particolare – è frutto di giorni di discussioni e mostra le grosse divisioni che si sono create nell’Unione su come reagire alla guerra. Il punto centrale qui è la scelta di usare la parola pause, al plurale e non pausa o tregua. Parlare di pause, infatti, implica che i membri dell’unione non chiedono a Israele di fermare i bombardamenti, ma solo di aprire delle brevi e temporanee finestre per permettere agli aiuti umanitari di entrare nella striscia ed essere distribuiti. Già alcuni giorni fa, anche i ministri degli Esteri dell’Unione avevano cercato di trovare un accordo su un comunicato che invocasse una «pausa umanitaria» (al singolare), ma non c’erano riusciti.
Oggi però è in corso anche un altro incontro internazionale importante che ha al centro il medio oriente. All’assemblea generale dell’Onu si sta discutendo su una risoluzione per il cessate il fuoco presentata dalla Giordania. Risoluzione che ha già scatenato l’ira di Israele che l’ha definita ridicola, mostrando ulteriori divisioni su questo tema a livello globale.
Un ultimo vertice di cui è importante dare notizia oggi, di cui però sappiamo ancora poco, è quello che si è tenuto a Mosca tra rappresentanti di Iran e Hamas. Il Cremlino lo ha confermato, ma non ha fornito molti dettagli se non che si è discusso della liberazione degli ostaggi. A dimostrazione dei tentativi della Russia di porsi come possibile intermediario fra Hamas e Israele.


Come dicevamo poco fa la situazione umanitaria a Gaza è disperata. L’agenzia delle Nazioni Unite dedicata ai rifugiati palestinesi ha detto che le sue attuali scorte di carburante a Gaza sono quasi completamente esaurite, “costringendo i servizi salvavita a fermarsi”. Circa il 45% delle case nella striscia è stato completamente o parzialmente distrutto e più della metà della popolazione è sfollata. E’ il caso ad esempio di Fatima, un’insegnante che viveva nel nord della striscia e ora sfollata nel centro, che ci ha mandato questo messaggio.


 

Come raccontava Fatima la situazione è ancora più difficile per i bambini, che rappresentano quasi la metà della totalità delle vittime. Una situazione che oggi il direttore generale dell’Unicef per il medio oriente ha definito “una macchia crescente nella nostra coscienza collettiva”.
Sara Milanese:
Delle tante immagini drammatiche che arrivano dalla striscia di gaza, quelle che ritraggono i minori sono le più difficili da accettare
i video e le foto mostrano bambini senza vita, avvolti per terra in teli bianchi; o sui letti in ospedale, dove vengono riconosciuti grazie al nome che i genitori hanno scritto in pennarello sulle gambe e le braccia, in un gesto insieme di amore e disperazione che va al di la della nostra capacità di comprensione.
Ma la disperazione vera è quella che si legge nei volti dei bambini che almeno finora sono sopravvissuti. Bambini feriti e sanguinanti, da soli in mezzo alle macerie di città distrutte; oppure inermi e sfiniti in braccio ai genitori o ai loro casuali soccorritori
Le ferite più profonde però non sono quelle visibili: uno dei video che sta circolando di più sui social mostra un bambino di forse di 3 anni, coperto di polvere e sangue, che trema in silenzio sotto shock, dopo essere stato estratto dalle macerie di un palazzo distrutto.
Le testimonianza che anche qui in radio raccogliamo quotidianamente raccontano di bambini e ragazzi che non riescono a dormire per la paura dei bombardamenti, che vivono nell’ansia, perché costretti a spostarsi continuamente per cercare un rifugio e perché hanno perso parenti e famigliari.
Sono bambini debilitati, che bevono acqua non potabile quando la trovano, e che non hanno accesso al cibo.
L’unicef afferma che a Gaza ogni giorno muoiono 400 bambini, e che il numero non farà che aumentare se non verrà permesso l’ingresso di aiuti adeguati nella Striscia. Senza il carburante a breve verranno spente anche le incubatrici che tengono in vita 120 neonati prematuri.
La priorità però è prima di tutto il cessate il fuoco. Un’ipotesi che Israele non prende nemmeno in considerazione, e sulla quale anche l’Europa non riesce a mettersi d’accordo.

E proprio le immagini che nonostante la mancanza di giornalisti arrivano da Gaza stanno scuotendo le coscienze dell’opinione pubblica internazionale.
Il direttore di radio popolare Sandro Gilioli:
Sono passate meno di tre settimane dalla strage di civili israeliani, dalla mattanza di civili perpetrata da Hamas, e già il governo Netanyahu è riuscito a dissipare il patrimonio di solidarietà che aveva abbracciato Israele e il suo popolo.
Ci è riuscito scatenando a sua volta una strage di civili innocenti, di donne e di bambini, e le immagini che arrivano da Gaza non sono meno cruente e spaventose di quelle dei kibbutz assaliti da Hamas.
Immagini che stanno uscendo soprattutto su Instagram, ma che dopo giorni di imbarazzo vengono finalmente riprese e verificate dai grandi media occidentali – dal Guardian al New York Times, per quanto siano ancora ignorate da quasi tutti i giornali italiani, che hanno confuso i fatti con le opinioni.
Ma con buona pace dei giornali italiani, il racconto della mattanza di Gaza sta comunque uscendo e cambiando la percezione internazionale su torti e ragioni in medio oriente, soprattutto torti in verità.
Per non dire dell’effetto di quelle immagini nel mondo arabo e musulmano in genere, dove gli stessi governi locali faticano a contenere la rabbia dei loro popoli e rischiano di esserne invece trascinati
Per anni si è detto, non senza fondamento, che Hamas era il peggior nemico della causa palestinese. Sarebbe ora di aggiungere adesso che anche Netanyahu è il peggior nemico del futuro del suo popolo.

BCE, lo stop al rialzo dei tassi

Dopo 10 aumenti consecutivi, oggi il primo stop. La Banca centrale europea ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse. Il tasso principale resta fermo al 4 e mezzo percento. “Nonostante l’inflazione sia ancora troppo elevata, c’è stato un calo a settembre”, questa la motivazione della Bce. Anche se la presidente Lagarde non ha escluso altri rialzi in futuro. “Siamo in pausa ma è prematura parlare di tagli ai tassi”, ha detto. A pesare sulla decisione sono state soprattutto le ripercussioni che la politica monetaria restrittiva ha avuto sull’economia europea e tedesca.
Andrea Di Stefano:

 

Malumori nella maggioranza

(di Anna Bredice)
Si dice contento Salvini, ma questa manovra per lui è solo un calice amaro, per nulla edulcorata dai continui cambiamenti frutto delle pressioni degli alleati, ma che non modificano la sostanza della legge di bilancio. Tanti piccoli tagli, una manovra che non guarda in avanti e che tradisce le più grandi promesse elettorali, soprattutto quelle della Lega. In previsione dell’arrivo tra domani e dopodomani della manovra economica al Senato, il ministro dell’Economia Giorgetti propone piccole modifiche: sulle pensioni, si tratta di agevolare se pur di poco le donne negli indicatori per l’uscita anticipata con il sistema contributivo. Ma le penalizzazioni per quota 104 restano, ed è un boccone difficile da digerire per Salvini che aveva fatto del superamento della Fornero la sua ragione politica principale. Giorgetti e meloni conducono insieme questa battaglia contro gli appetiti elettorali degli altri ministri, Giorgetti ministro sembra aver dimenticato il partito da cui proviene, mai tanta distanza tra lui e Salvini, che difficilmente potrà rimanere in silenzio di fronte a tanti voltafaccia. Ora la Lega alza la voce sull’altra novità della manovra, l’intervento sui conti correnti per chi evade le cartelle esattoriali. Chissà se questa misura rimarrà fino alla fine, di fronte ai malumori della Lega e di Forza Italia. E non è l’unica difficoltà per il capo leghista, che ha sempre sentito l’urgenza di tradurre in consensi ogni provvedimento o promessa. Le pensioni è quello più importante, c’è poi la Flat tax, e tra un po’ il Mes, se Giorgia Meloni per trattare sul patto di stabilità dirà di sì, la Lega che è sempre stata contraria che cosa farà? La rivalità tra Meloni e Salvini continua, messa in ombra nell’ultima settimana dalla vicenda Giambruno, ma la competizione c’è da tempo e si è vista sull’altro dossier importante come le pensioni, l’immigrazione, e le bordate contro i giudici per le ordinanze contro il decreto Cutro.

Nel Maine prosegue la ricerca al militare autore della strage

È ancora in fuga Robert Card, riservista dell’esercito ed esperto di armi, autore dell’ennesima strage di civili nel paese: ieri sera per ben due volte con un fucile semiautomatico, ha sparato sulla folla a Lewiston, nel Maine, prima in una sala da bowling e poi in un ristorante; 18 le vittime, 13 i feriti. Card ha 40 anni, questa estate è stato ricoverato per problemi mentali, ma è rimasto legalmente in possesso del porto d’armi.
“Una strage tragica e senza senso”, l’ha definita Joe Biden, che ha chiesto ai repubblicani in congresso di approvare il divieto per le armi d’assalto.

Pietrangelo Buttafuoco nuovo presidente della fondazione La Biennale di Venezia

Pietrangelo Buttafuoco è stato designato come nuovo presidente della fondazione La Biennale di Venezia dal ministro della cultura Sangiuliano. Dovrebbe prendere il posto di Roberto Cicutto, che resterà in carica fino a fine mandato a marzo 2024. Ora la proposta di nomina passerà dalle Commissioni cultura di Camera e Senato. Buttafuoco è un giornalista e scrittore originario di Catania. Ha cominciato la sua carriera nei giornali al Secolo d’Italia e ha lavorato a Panorama e al Foglio, oltre a collaborare, tra gli altri, con la Repubblica e il Fatto Quotidiano. Intellettuale di destra, ha scritto numerosi romanzi e diretto il Teatro Stabile di Catania e quello d’Abruzzo. La sua designazione è stata accolta con favore dalla maggioranza: Fratelli d’Italia ha parlato di un altro tetto di cristallo infranto in un feudo della sinistra. Dall’opposizione arrivano gli auguri a Buttafuoco ma anche la critica a una concezione della cultura come lottizzazione, dimostrata dalla destra anche negli attacchi al direttore del museo egizio di Torino.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta