Approfondimenti

PD e M5S ancora senza una posizione sulla cannabis legale, i diritti persi dalle donne afghane e le altre notizie della giornata

cannabis referendum ANSA

Il racconto della giornata di domenica 19 settembre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. 500 mila firme online raccolte in sette giorni, un successo senza precedenti, due partiti che non sanno come schierarsi: a favore o contro la cannabis legale? PD e M5S ancora senza una posizione chiara. In Afghanistan hanno riaperto le scuole. Ma senza donne. Ha riaperto anche il Ministero delle donne, ma non si chiama più così e a dir la verità non c’è più nemmeno una donna dentro. In Russia si è chiusa oggi la tre giorni elettorale per rinnovare i 450 membri della Duma. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

PD e 5 Stelle ancora senza una posizione sulla cannabis

500 mila firme online raccolte in sette giorni, un successo senza precedenti, due partiti che non sanno come schierarsi: a favore o contro la cannabis legale?
PD e 5 Stelle sono stati travolti dal successo della raccolta firme per il referendum per la legalizzazione della cannabis. Con ogni probabilità si voterà in primavera e i due partiti della futura coalizione di centrosinistra non hanno una posizione. All’interno dei due partiti convivono posizioni antiproibizioniste e proibizioniste.
Siamo andati a cercarle. Chiara Gribaudo è della segreteria nazionale del Pd. Non ha firmato per il referendum ma è favorevole alla legalizzazioni. Ci dice che a differenza della segreteria di Nicola Zingaretti “ora se ne discute”. Il problema però sono i gruppi parlamentari dove abbondano i proibizionisti.

Anche il Movimento 5 Stelle dovrà discutere parecchio. Oggi il capo politico Giuseppe Conte ha detto di non aver firmato per il referendum. Conte sembra orientato più verso posizioni contrarie alla legalizzazione, che è però uno dei temi storici del Movimento. Passerà questa linea secondo Davide Tripiedi, deputato 5 Stelle che ha anche firmato per il referendum.

Le donne afghane hanno perso il diritto ad essere chi e come vogliono

(di Martina Stefanoni)

In Afghanistan hanno riaperto le scuole. Ma senza donne. Ha riaperto anche il Ministero delle donne, ma non si chiama più così e a dir la verità non c’è più nemmeno una donna dentro. Si chiama “Ministero della Preghiera e della Guida e per la promozione della Virtù e la prevenzione del Vizio”. Questa è la nuova insegna, che veniva installata mentre le donne che lavoravano nell’edificio veniva scortate a casa. Le donne afghane perdono il diritto allo studio, il diritto a lavorare e il diritto – di fatto – ad essere chi e come vogliono. Oggi sono tornate a protestare, fuori dall’ormai ex ministero delle donne di Kabul. Poche, come tutte le ultime proteste delle femministe, ma agguerrite e soprattutto preoccupate. Anche perché, con il nuovo ministero, torna anche la “Polizia Morale”. Un’istituzione che negli anni 90 terrorizzava uomini e donne e che – ora – risveglia i ricordi di quel tempo. La polizia morale era quella che frustava gli uomini per costringerli a pregare nelle moschee, che misurava la lunghezza delle barbe, che distruggeva radio e televisioni e che arrestava o attaccava le donne che osavano lavorare, mostrare il volto o uscire di casa. Oggi su The Observer, nella prima intervista con un giornale occidentale, l’ufficiale scelto dal ministero per la provincia di Kandahar Mawlawi Mohammad Shebani ha detto che non sarà come negli anni ’90. Una rassicurazione che, da un mese a questa parte, gli afghani e le afghane hanno imparato a conoscere e che suona ormai come una minaccia.

Russia al voto per rinnovare la Duma

Arriveranno solo dopo le 20 i primi risultati delle elezioni in Russia, dove i cittadini sono chiamati a rinnovare i 450 membri della Duma. Dalla tre giorni elettorale non si aspettano particolari sorprese nonostante l’appello al voto intelligente lanciato dal principale oppositore di Putin, Alexei Navalny. Ci parla dell’attuale situazione in Russia Aldo Ferrari, docente dell’università Ca’ Foscari di Venezia esperto di geopolitica nello spazio post-sovietico:


 

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 23/02 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Playground di venerdì 23/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 23/02/2024

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana, gli approfondimenti musicali del periodo, in un ora che suona tanto e in cui si parla poco. Dalle 15:30 alle 16:30, ogni venerdi.

    Jack Box - 23-02-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 23/02/2024

    Ospite della puntata Lepre che presenta il suo disco Eremo con un'intervista e tre brani live

    Jack - 23-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 23/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali in onda alle che oggi ha ospitato Sara D'Angelo di @porcikomodi, @Vitadacani, @rete dei Santuari degli Animali liberi per parlare della nuova iniziativa per sollecitare il @ministero della salute, ma anche di aste di asini

    Considera l’armadillo - 23-02-2024

  • PlayStop

    Open to meraviglia nata vota

    quando facciamo un corso di inglese basato sulle peripezie poliglottologiche di Rutelli e Renzi, poi voliamo a Tenerife per scoprire che non è tutto oro quel che luccica, infine gestiamo un grosso carico di lenzuola nella puntata settimanale del Capibaratto

    Poveri ma belli - 23-02-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 23/02/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 23-02-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 23/02/2024

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi della sanità, dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle storie di vita reale ai suggerimenti su come sopravvivere nei meandri della burocrazia. Conducono Vittorio Agnoletto e Elena Mordiglia.

    37 e 2 - 23-02-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 23/02/2024

    Dopo la strage di Firenze il governo batterà delle norme noi proponiamo un sondaggio ad ascoltatori e ascoltatrici: soluzione economica o penale? Ovvero ci vuole il ripristino delle medesime condizioni di salario e direttori c tutti i lavoratori sullo stesso sito o cantiere o ci vuole l’omicidio sul lavoro?

    Uscita di Sicurezza - 23-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 23/02/2024

    DUE ANNI DI GUERRA IN UCRAINA commenti di Sergio Romano ambasciatore, editorialista del Corriere della Sera, Mara Morini docente di politiche dell’Europa Orientale all’Università di Genova e Irma Gjinaj capomissione dell'ong Cesvi in Ucraina INCENDIO PALAZZO A VALENCIA aggiornamenti con Giulio Maria Piantadosi LA RESISTENZA AL LAVORO. UNA SERATA A MILANO IN RICORDO DEGLI SCIOPERI DEL MARZO 1944 ce ne parla Carlo Ghezzi vicepresidente Nazionale Anpi CLIMITOLOGIE, TUTTE LE BUFALE CHE CI RACCONTANO SUL CAMBIAMENTO CLIMATICO la rubrica di Sara Milanese DOMANI A MILANO LA MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER LA PALESTINA a Prisma parla Khader Tamimi presidente della comunità palestinese di Milano In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 23-02-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 23/02/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 23-02-2024

Adesso in diretta