Approfondimenti

Salvini raduna il popolo leghista a Pontida, le ultime sul nubifragio nelle Marche e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 18 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’ultima domenica prima del voto il popolo della Lega si trova nel pratone di Pontida e riscopre il federalismo. Salvini per recuperare fa promesse nello stile di Berlusconi: “Aboliremo il canone Rai”. Intanto Letta con i sindaci del Pd a Monza tenta di mobilitare i sostenitori scoraggiati. In un documento del 2016 della Regione Marche sono previsti i lavori di contenimento del fiume Misa. Ma non sono mai stati fatti. Più volumi di quanto già previsto, con generosità, dal piano di governo del territorio di Milano: è quanto emergerebbe dall’ultima richiesta depositata da Milan e Inter per la variante urbanistica San Siro, che prevede l’abbattimento dell’attuale stadio. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I lavori sul Misa erano già previsti, ma non sono mai stati realizzati

I lavori sul fiume Misa nelle Marche erano previsti, ma non sono stati mai realizzati. La conferma arriva da un documento della Regione datato 2016. “Risulta evidente – si legge nel “Assetto di progetto per la media e bassa valle del Misa – che siano necessari diversi interventi per potere mettere in sicurezza il Fiume Misa in particolar modo all’interno dell’abitato di Senigallia e poco a monte dello stesso”. Quali interventi? Lo stesso documento lo dice: Per ridurre “il più possibile la portata di picco che attraversa il centro di Senigallia”, si aggiungeva, bisogna intervenire mediante “laminazione e aumentare il più possibile la capacità di deflusso” in città.
Dunque, interventi per mettere in sicurezza il fiume che ora è esondato, causando un disastro e 11 vittime – al momento – accertate. Quegli interventi non sono mai stati realizzati. Così come tutti i progetti che negli anni, addirittura dal 1982, avrebbero dovuto realizzare opere di contenimento del fiume e che per burocrazia, lungaggini sui bandi, espropri bloccati, fondi stanziati e non spesi, non sono mai state fatte.
Ascoltiamo Mario Di Vito, cronista del Manifesto sul posto.

 

Il popolo leghista vuole (ancora) il federalismo

(di Alessandro Braga)

È il più grande raduno politico di popolo di questa campagna elettorale, dice Salvini appena salito sul palco, mentre sul prato di Pontida sventolano bandiere di “Prima l’Italia” insieme a quelle di San Marco, del Friuli e col sole delle Alpi, in un mix piuttosto paradossale di nazionalismo e indipendenza. Il popolo leghista vuole parole chiare, chiede che il Nord torni protagonista. I giovani veneti a un certo punto appaiono con le bandiere della Serenissima, e urlano “Veneto Libero!”. Dal palco Fedriga e Zaia chiedono maggiore autonomia, Calderoli si lascia andare a un “Bergamo nazione tutto il resto è meridione”. Salvini prova a ricompattare il suo popolo, nel momento forse più difficile della sua carriera politica. Parla di bollette e di Italia, parla di autonomia e diversità. Occhieggia agli imprenditori del nord e alle popolazioni del sud, in un fragile equilibrismo. La firma dal vivo di governatori e ministri leghisti degli impegni programmatici leghisti, dalla flat tax all’autonomia differenziata, sembra un tentativo di dimostrare unità, almeno apparente, del movimento. Il prato di Pontida è oggettivamente pieno e non era scontato. I leghisti ci credono, non vedono, o fingono di non vedere, le difficoltà del loro Capitano, in particolare nei rapporti con Giorgia Meloni. Lui la nomina una sola volta, ma implicitamente le manda un paio di messaggi: quando dice che se Mattarella lo vorrà lui con gioia farà il presidente del consiglio, o quando indica, senza fare nomi, chi farà il ministro nel prossimo governo. “La Lega lavora con onestà nel centrodestra ma non è disposta a piegare la testa sui nostri valori”, dice. Lancia l’abolizione del canone Rai, parla di pensioni e caro energia, nucleare e inviolabile diritto alla vita. Insomma, preme, nemmeno tanto, sull’acceleratore, per risollevare le sorti di una Lega in discesa. Tra una settimana, si saprà se sarà stato sufficiente.

 

Tre bimbi evacuati dalla Humanity 1, restano 398 migranti a bordo

Due bimbi di un anno e mezzo ed uno di 4 mesi sono stati evacuati oggi per ragioni mediche dalla Humanity 1, che si trova in attesa di un porto, al largo del tratto di mare tra Catania e Siracusa, con 398 migranti soccorsi a bordo. “Sono indeboliti a causa della situazione stressante e della mancanza di latte in polvere adatto. Le loro tre madri, esauste, non possono infatti allattare al seno”, spiega la ong Sos Humanity, aggiungendo che “la situazione a bordo resta critica. C’è bisogno di un porto subito”.

 

La Commissione europea propone di tagliare i finanziamenti all’Ungheria di Orban

Continua lo scontro tra Bruxelles e Budapest. La Commissione europea oggi ha proposto di tagliare i finanziamenti all’Ungheria. Un taglio del 65% dei fondi di coesione per un valore di 7 miliardi e mezzo. Questo perché – dice la commissione – le violazioni allo stato di diritto del governo Orban rimangono, a dispetto delle promesse fatte dal capo del governo ungherese. Da Budapest hanno risposto che è pronto un pacchetto di riforme che sarà approvato entro novembre e che dovrebbe andare incontro alle richieste europee. Se questo non verrà fatto sempre da Bruxelles dicono che le conseguenze saranno pesantissime per l’Ungheria: potrebbero essere sospesi anche i fondi del Recovery Plan, quindi i soldi previsti per far fronte al dopo pandemia.

Le ultime richieste di Milan e Inter per San Siro

(di Michelino Crosti)

Slitta la procedura di dibattito pubblico per il nuovo progetto dello stadio di San Siro voluto da Milan e Inter. L’inizio era previsto per questa settimana invece è stato rinviato a data da destinarsi. Mancherebbe il via libera da parte della Commissione nazionale dibattito pubblico. Nel frattempo emergono particolari in qualche modo sconcertanti, il primo sarebbe che grazie una interpretazione il limite massimo di edificabilità passerebbe dallo 0,35 allo 0,41 mq per metro quadrato. Poi lo stadio Meazza verrebbe abbattuto completamente, non resterebbero neppure le vestigia della sua esistenza, come annunciato inizialmente.
Ci sarebbe da sottolineare anche il basso numero di posti disponibili per il pubblico 46 mila, a cui andrebbero aggiunti 13 mila per i vip. Va infatti considerato che oggi mediamente le partite delle due squadre milanesi vedono la presenza di 66 mila tifosi, questo fa pensare che i biglietti saranno molto più cari.
Un altro elemento sconcertante è la cifra che le squadre pagheranno al Comune per i 280 mila metri quadri di aree libere di proprietà di Palazzo Marino, oltre allo stadio Meazza, che vale 85 milioni di euro, valutazione dell’UTE, e possibilità edificatorie per quasi 100 mila mq di superficie lorda di pavimento. Il tutto per 2 milioni ogni 12 mesi per 90 anni, oggi Milan e Inter per lo stadio pagano al Comune 10 milioni all’anno.
Vi sarebbe poi un conflitto di interessi, perché nel consiglio di amministrazione del Milan c’è il direttore di Webuild che è la società che ha raggruppato le principali imprese italiane di costruzioni, e che già hanno costruito alcuni degli stadi dei prossimi mondiali di Dubai. L’ultima delle novità riguarda l’annuncio fatto dal sindaco Giuseppe Sala che sarebbe per la ristrutturazione del Meazza, un vero ripensamento, visto che in passato aveva giustificato l’intervento edilizio delle squadre per compensare i costi della operazione.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 26/02 9:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 26-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 26/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 26-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 26/02/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 26-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Non Vedo l'ora di lunedì 26/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con v

    Non vedo l’ora - 26-02-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 26/02/2024

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights now, la trasmissione su Radio Popolare a cura della Fondazione Diritti Umani vuole contrastare questo pericolo, facendo conoscere l’importanza dei diritti e delle lotte per affermarli. Ovunque succeda. Con le testimonianze di chi concretizza i diritti umani e dando parola alle nuove generazioni che ci credono. A cura di Danilo De Biasio e Elisa Gianni

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 26-02-2024

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 25/02/2024

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music e sicuramente contribuisce non poco alla diffusione della musica e della cultura reggae nel nostro paese. Ogni domenica dalle 23.45 fino alle 5.30 del lunedì mattina, conduce Vito War.

    Reggae Radio Station - 25-02-2024

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 25/02/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 25-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 25/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25-02-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 25/02/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 25-02-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 25/02/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 25/02/2024

    Bohmenica In del 25/2/24 In regia: Clarice Trombella In co-conduzione: Astrid Serughetti Per #gaiasuimezzi intervista a Davide Maggi, founder e Ceo di Cesarine.com, piattaforma di cooking class e home restaurant. L’English tutor Samuele Brusca analizza alcune strofe di “All along the watchtower” nella versione di Jimi Hendrix. Zeina torna a parlare di chakra e ci introduce il quinto, mentre Paola Capitaneo racconta della community nata spontaneamente tra gli abitanti di via Padova – una delle zone considerate più “calde” di Milano – per aiutarsi facendo rete, per esempio con gli affacci solidali. Infine, il nostro Scienziatissimo Andrea Bellati parla di chirurgia spaziale, ossia della prima simulazione di un intervento chirurgico sulla ISS Stazione Spaziale Internazionale.

    Bohmenica In! - 25-02-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 25/02/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 25-02-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 25/02/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 25-02-2024

Adesso in diretta