Approfondimenti

Pu Zhiqiang, processo ai diritti

“L’ho visto, il suo spirito è alto ma è dimagrito e ha i capelli bianchi”.

Così si è espressa la moglie di Pu Zhiqiang al termine del processo che si è svolto oggi in una corte di Pechino contro suo marito. Dopo 19 mesi dietro le sbarre, uno degli avvocati per i diritti civili più noti e ammirati della Cina è stato infatti giudicato oggi per ragioni che hanno poco a che fare con il crimine e molto con la libertà di coscienza. Pu Zhiqiang, 50 anni, era accusato di avere scritto sul social media Weibo e con diversi pseudonimi post irriverenti nei confronti delle autorità cinesi tra il 2011 e il 2014, anno in cui è stato arrestato.

Rischia 8 anni di detenzione e la sentenza può essere emessa in ogni momento nel giro di una settimana. Due sono le accuse formali nei suoi confronti: “Suscitare liti e provocare guai” e “incitamento all’odio etnico”. Tra i sette post incriminati, lo sfottò a un membro dell’assemblea nazionale del popolo che si era vantato pubblicamente di non avere mai votato contro decisioni del Partito; critiche alle politiche di Pechino verso le minoranze etniche del Tibet e dello Xinjiang; accuse contro la gestione ufficiale del disastroso incidente ferroviario di Wenzhou del 2011, quando decine di persone persero la vita.

Secondo il suo avvocato, Pu avrebbe ammesso di essere l’autore dei post, si è scusato per il linguaggio maleducato, ma ha negato di voler fomentare l’odio etnico. Pu in passato è stato anche difensore del noto artista-dissidente Ai Weiwei ed è stato arrestato nel maggio del 2014 mentre partecipava a un seminario sui fatti di Tian’anmen, in occasione dei 25 anni della repressione delmovimento degli studenti.

L’accesso al tribunale è stato vietato ai media e alle delegazioni diplomatiche straniere. Fuori dalla corte erano presenti qualche decina di sostenitori di Pu e diplomatici in rappresentanza dell’Unione Europea e degli Usa, cui è stato impedito di leggere in pubblico delle dichiarazioni ufficiali. Si sono verificati tafferugli tra le forze di sicurezza sia in divisa sia in borghese e i giornalisti stranieri che cercavano di intervistare i presenti; incidenti che hanno indotto il club dei corrispondenti stranieri di Pechino a diffondere un comunicato di condanna.

“Questo tentativo di scoraggiare la copertura delle notizie – vi si legge -è una grave violazione delle regole sui corrispondenti stranieri emesse dalgoverno cinese, in base alle quali è espressamente consentito intervistare chiunque acconsenta. La copertura delle notizia giudiziarie fa parte del lavoro giornalistico e si prevede che crescerà in parallelo al progetto della Cina di sviluppare il proprio Stato di diritto”.

  • Autore articolo
    Gabriele Battaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 07/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 07/10/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 07/10/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 10/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 07/10/2022

    1-Vicini all’apocalisse, Il mondo secondo Joe Biden, ma per la Cnn il monito del presidente americano a Putin sull’uso dell’atomica…

    Esteri - 10/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 07/10/2022

    (19 - 210) Dove si scoprono le nuove frontiere del marketing dello spaccio e ci si lamenta delle novità che…

    Muoviti muoviti - 10/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 07/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 07/10/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 07/10/2022

    Nuove uscite e notizie musicali.

    Jack - 10/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 07/10/2022

    Con Telmo Pievani abbiamo parlato del suo libro "La natura è più grande di noi, Storie di microbi, di umani…

    Considera l’armadillo - 10/07/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 07/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/07/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 07/10/2022

    Oggi a Cult: Cecilia Di Lieto presenta il suo "Me l'ha detto l'armadillo" (ed. Altreconomia); la rubrica di lirica a…

    Cult - 10/07/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 07/10/2022

    Torniamo a parlare di pandemia attraverso la presentazione del libro “Dissenso informato”; prosegue il nostro viaggio negli ospedali lombardi: oggi…

    37 e 2 - 10/07/2022

  • PlayStop

    Thomas Gunzig. Il sangue delle bestie.

    THOMAS GUNZIG – IL SANGUE DELLE BESTIE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 10/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 07/10/2022

    LA BOMBA SOCIALE DEI RISCALDAMENTI CENTRALIZZATI, TRA BOLLETTE TRIPLICATE ED I PRIMI DISTACCHI Leonardo Caruso, presidente Anaci – Associazione Nazionale…

    Prisma - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 07/10/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 07/10/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 10/07/2022

Adesso in diretta