Approfondimenti

Manager leghista (di poco successo)

Si chiama Giuseppe Bonomi l’uomo designato come amministratore delegato della nuova Arexpo, la società che è proprietaria della aree del sito di Expo. Segni particolari: essere il nuovo il manager leghista che va per la maggiore. Classe 1958, varesino, la sua carriera politico manageriale è partita molti anni fa, sempre nell’area leghista.

Era il 1994: ottiene l’incarico di assessore all’urbanistica del comune di Varese. Poi approda nel capoluogo, Milano, con la giunta leghista di Marco Formentini, di cui è assessore ai lavori pubblici. Accanto alla politica, la carriera manageriale: tutto comincia in SEA, la società che gestisce gli aeroporti milanesi di Linate e Malpensa. Il primo incarico da presidente lo ricopre dal ’97 al ’99.

Nel ’98, nel pieno della sua gestione, c’è l’inaugurazione della Nuova Malpensa. L’operazione parte con un disastro organizzativo dal quale si riprende solo dopo una chiusura temporanea ed un mese di disservizi. Proprio questo flop gli costa il posto: il sindaco di allora Gabriele Albertini gli preferisce Giorgio Fossa, uomo di Confindustria.

In SEA però ci torna più tardi, dal 2006 al 2013, quando sull’aeroporto di Malpensa si abbatte la crisi di Alitalia, con la conseguente rinuncia da parte della compagnia di bandiera italiana a mantenere Malpensa come hub principale della sua flotta. Lo spostamento delle attività di Alitalia su Fiumicino ridusse al minimo l’attività su Malpensa. Prima della nuova parentesi in SEA, Bonomi è amministratore delegato proprio in Alitalia, anni 2003-2004, quando la bufera ha inizio. Insomma, non si può certo dire che quello che tocca diventa oro.

Il governatore lombardo Roberto Maroni nel luglio del 2015 lo chiama a Palazzo Lombardia come direttore generale della regione, dopo che il suo uomo Andrea Gibelli ha dovuto presentare le dimissioni perché finito nell’inchiesta che vede imputato lo stesso Maroni, con l’accusa di aver favorito l’assunzione di una sua sodale in Expo. Come sempre, l’incarico a Bonomi è diretto, senza gara. Una costante quella della chiamata diretta: anche la carica di amministratore delegato in Arexpo gli è stata assegnata nello stesso modo.

Il presidente della società Giovanni Azzone è stato scelto invece dal sindaco di Milano Giuliano Pisapia attraverso un bando pubblico che prevedeva la presenza di una giuria esterna che ha vagliato le candidature. Non proprio la stessa cosa.

Se a tutto questo aggiungiamo che in SEA Bonomi non lo rimpiange nessuno diventa chiaro quale sarà il problema della società Arexpo ora che deve definire ilo futuro sviluppo dell’area. Per valutare i vari progetti decidere le modalità di sviluppo ed anche la fase di transizione è necessario un manager in grado si una visione complessiva. Visione che oggi Bonomi non ha.

  • Autore articolo
    Michele Crosti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 04/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 04/03/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 03/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 04/03/21

    Uno di Due di gio 04/03/21

    1D2 - 03/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 04/03/21

    Considera l'armadillo gio 04/03/21

    Considera l’armadillo - 03/04/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 04/03/21

    Colapesce e Dimartino inviati a Sanremo e intervista a Albi dello Stato Sociale sul suo EP solista

    Jack - 03/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay Human di gio 04/03/21

    Stay human - 03/04/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 04/03/21

    Vaccini, il mercato non ce la fa. Occorre una infrastruttura pubblica a livello europeo per produrli e distribuirli. E’ la…

    Memos - 03/04/2021

  • PlayStop

    Francesco Campolongo e Loris Caruso, Podemos: il populismo di sinistra

    FRANCESCO CAMPOLONGO E LORIS CARUSO - PODEMOS - IL POPULISMO DI SINISTRA - presentati da ALESSANDRO BRAGA

    Note dell’autore - 03/04/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 04/03/21

    ira rubini, cult, willie peyote, sanremo 2021, matteo villaci, blocchi di ripartenza, generazione disagio, teatro della tosse, miniformat radiofonico, enrico…

    Cult - 03/04/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 04/03/21

    I ricatti delle multinazionali del farmaco in America Latina; impossibilità di fissare visite ed esami non covid con il SSN:…

    37 e 2 - 03/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 04/03/21

    Vediamo i numeri degli ultimi giorni per capire quando arriva la zona rossa, andiamo all'Imperial College di Londra con una…

    Prisma - 03/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 04/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 04/03/21

    Il demone del tardi - 03/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto di gio 04/03/21

    Fino alle otto - 03/04/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 04/03/21

    Funk Shui 86 - Tracklist: 1. Jordi Esquerra - How Does It Feel ..2. Liam Mockridge - Familiar..3. Omar -…

    Funk shui - 03/04/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 03/03/21

    Jazz Ahead 114 - Playlist: ..1. Outilne, Reiner Baas, Oneminuteradio, Autoproduzione, 2021..2. 18, Reiner Baas, Oneminuteradio, Autoproduzione, 2021..3. Ye Olde/Temi,…

    Jazz Ahead - 03/04/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 03/03/21

    con Barbara Sorrentini. - cronaca live del festival..- punto quotidiano con metro..- collegamento con Alessio Tagliento, uno degli autori al…

    A casa con voi - 03/03/2021

Adesso in diretta