Approfondimenti

Cosa dobbiamo aspettarci dal nuovo piano pandemico? Il parere di Vittorio Agnoletto

Piano Pandemico - Terapie Intensive Campania

Il nuovo piano pandemico dell’Italia è in via di definizione in questi giorni e da ieri sta circolando una prima bozza. Oggi a Fino Alle Otto abbiamo chiesto in primo parere a Vittorio Agnoletto, medico e nostro collaboratore. Cosa emerge da quella prima bozza?

L’intervista di Barbara Sorrentini.

I quotidiani stanno aprendo oggi con un punto in particolare emerso da quella bozza: “salvare chi si può salvare”. Prevederà anche questo il nuovo piano pandemico?

Non possiamo sapere cosa prevederà il piano pandemico nella sua versione finale. La frase che viene riportata, e che sarebbe nella bozza, è un invito ad utilizzare prima di tutti i trattamenti per quei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio. Non è una novità. Ricalca un orientamento che è stato sancito già mesi fa dalla Svizzera, ad esempio, e che è in discussione anche in altri Paesi. È una frase che un medico non dovrebbe mai assolutamente sentire, perché il medico ha fatto il giuramento di Ippocrate e deve cercare di salvare assolutamente tutti, però ci si è trovati di fronte a delle scelte veramente drammatiche. La presenza di questa frase nel piano pandemico è un po’ come se lo Stato si voglia assumere un po’ di responsabilità e togliendone un po’ ai singoli medici.
Cosa vuol dire “pazienti che hanno maggiori probabilità di trarre beneficio” dai trattamenti? Hanno maggiori probabilità di trarre beneficio le persone anziane, che sono le persone che se vengono colpite dal coronavirus hanno più facilità di arrivare al decesso per cui un intervento può salvare una vita? C’è una probabilità minore di salvarle se tale trattamento venisse applicato, invece, ad una persona più giovane che ha molto meno possibilità di evolvere e che quindi ha davanti a sé tutta una vita. È una frase molto generica che dovrà essere per forza articolata perché non si può pretendere che sia il singolo medico a fare la scelta col rischio poi che gli arrivino una serie di denunce. Certo è che dietro questa frase ci sono tutta una serie di altre vicende che non vengono analizzate, da interventi di prevenzione che non sono stati compiuti ad un approccio ai farmaci del tutto subalterno alle aziende farmaceutiche. È come dire “siamo arrivati a questa situazione, non discutiamo del perchè ci siamo arrivati”. Non mi sembra corretto: dobbiamo andare a vedere perché siamo arrivati a questa situazione e cosa ci sarebbe da modificare per non arrivarci di nuovo.
Nel piano pandemico, sempre secondo le bozze, ci sono altre indicazioni che sarebbero importanti. Sono quelle indicazioni che sarebbero dovute essere nel piano pandemico precedente, mai rinnovato né a livello nazionale né a livello regionale. È presente, ad esempio, la necessità che ci siano sempre tutti i dispositivi di protezione individuale indipendentemente dalla presenza o meno di una pandemia. C’è, ad esempio, il fatto che tutto il sistema sanitario venga sottoposto a condizioni di sperimentazione di situazioni di allarme, una prova generale come se ci fosse una pandemia. Queste cose, se venissero inserite e praticate, potrebbero portare in futuro un beneficio a fronte di eventuali nuove pandemie.

Quando si vedranno gli effetti dei vaccini?

Chiariamo bene la situazione. In questo momento è impossibile vedere già dei benefici dei vaccini: le persone che sono state vaccinate sono un numero assolutamente esiguo rispetto ai 60 milioni di italiani. Ad oggi non c’è nessuna persona in Italia che è stata vaccinata due volte e che quindi ha terminato il percorso di vaccinazione previsto dalla Pfizer. Le persone vaccinate finora hanno ricevuto una sola dose, la quale secondo la stessa azienda ha un’efficacia intorno al 50%. La discussione che si è aperta ieri a me sembra estremamente pericolosa: vi è stata anche un’esponente del governo che ha detto “aumentiamo il numero di persone con una sola vaccinazione e rimandiamo la seconda vaccinazione a più avanti“, come è stato già fatto in Gran Bretagna ed è stato criticato dalla stragrande maggioranza degli esperti perché quello che noi sappiamo, o che l’azienda dice, è che c’è un 94% di efficacia contro l’evoluzione della patologia per chi ha fatto due vaccinazioni. Noi rischiamo di avere tante gente che abbassa la guardia e diminuisce il comportamento di prevenzione perché ritiene comunque dentro di sè di esser stata vaccinata anche se l’efficacia è limitata. In più noi non sappiano cosa accade con la seconda vaccinazione se questa è spostata di diverse settimane nel tempo, cioè se l’efficacia rimane al 94% o diminuisce. Stando a quanto detto da Pfizer, se si distanziano troppo i tempi la prima e la seconda vaccinazione l’efficacia diminuisce.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 04/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 03/12/21 delle 19:48

    Metroregione di ven 03/12/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 12/03/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 04/12/21

    I Girasoli di sab 04/12/21

    I girasoli - 12/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di sab 04/12/21

    Stay Human di sab 04/12/21

    Stay human - 12/04/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di sab 04/12/21

    Senti un po' di sab 04/12/21

    Senti un po’ - 12/04/2021

  • PlayStop

    DOC di sab 04/12/21

    DOC di sab 04/12/21

    DOC – Tratti da una storia vera - 12/04/2021

  • PlayStop

    Ollearo.con di sab 04/12/21

    Ollearo.con di sab 04/12/21

    Ollearo.con - 12/04/2021

  • PlayStop

    Good times di sab 04/12/21

    Erica Mou sulla nostra poltrona ci racconta il suo libro preferito; il Porretta Film Festival; la mostra "TANIA BRUGUERA. LA…

    Good Times - 12/04/2021

  • PlayStop

    Piovono radio di sab 04/12/21

    Piovono radio di sab 04/12/21

    Piovono radio - 12/04/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 04/12/21

    Itaca di sab 04/12/21

    Itaca - 12/04/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 04/12/21

    Itaca Rassegna di sab 04/12/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 12/04/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 04/12/21

    Mash-Up di sab 04/12/21

    Mash-Up - 12/04/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 03/12/21

    Doppia Acca di ven 03/12/21

    Doppia Acca - 12/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di ven 03/12/21

    psicoradio di ven 03/12/21

    Psicoradio - 12/03/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 03/12/21

    1-Crisi Ucraina. Verso un vertice Putin- Biden. ..Nell’agenda del Cremlino l’espansione della Nato verso est. ( Emanuele Valenti) ..2-Macron d’Arabia.…

    Esteri - 12/03/2021

  • PlayStop

    Monica Pais, Con i loro occhi. Cani, gatti (e non solo): piccolo manuale per un'adozione consapevole

    MONICA PAIS - CON I LORO OCCHI. CANI, GATTI (E NON SOLO): PICCOLO MANUALE PER UN'ADOZIONE CONSAPEVOLE – presentato da…

    Note dell’autore -

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 03/12/21

    Si parla con Alessandro Ricciuti di Animal Law Italia e con Rosalba Nattero di Artists United For Animals del Live…

    Considera l’armadillo - 12/03/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 03/12/21

    Jack di ven 03/12/21

    Jack - 12/03/2021

Adesso in diretta