Approfondimenti

Perché Samuel Paty non è stato decapitato per la bugia di una ragazzina

La ragazzina di 13 anni all’origine delle accuse di discriminazione anti-mussulmani pubblicate contro l’insegnante di storia Samuel Paty, poi finito decapitato da un giovane giadista di origine cecena, ha ammesso di fronte agli inquirenti di aver mentito. Aver mentito sulla propria presenza in classe durante la lezione tenuta dall’insegnante sulla libertà d’espressione. Mentito sulla supposta discriminazione verso gli alunni di religione mussulmana, che sarebbero stati invitati dall’insegnante a uscire dall’aula. Mentito infine sul fatto di essere stata sospesa dalla scuola media per aver protestato contro la diffusione, durante il corso di educazione civica, delle famigerate caricature di Maometto da parte di Samuel Paty, allorchè la sospensione è arrivata banalmente per le troppe assenze ingiustificate.

La giovanissima alunna ha mentito, secondo le parole citate nella versione messa a verbale “per esistere a gli occhi di mio padre rispetto a mia sorella, molto più assidua di me a scuola”. Detta altrimenti, ha mentito come si mente spesso a 13 anni per coprire una marachella, nel caso l’assenteismo scolastico, per evitare un rimprovero o una punizione. Insomma per non deludere mamma e papà. Eppure la banale bugia di una tredicenne è il granello di sabbia che si è trasformato nella valanga della morte per decapitazione di un insegnante di storia, Samuel Paty, che faceva solo il suo mestiere in una scuola qualunque di un tranquillo quartiere di periferia.

E non si tratta di una sfortunata serie di coincidenze. La morte di Samuel Paty non è un accidente, ma piuttosto la somma algebrica di gesti e giudizi che a ogni tappa dell’ingranaggio infernale rivelano i sintomi di un società francese sempre più psicotica, nel senso medico del termine. A cominciare dalla scelta della bugia fatta dalla ragazzina: farsi passare per vittima, e possibilmente di discriminazioni religiose, etniche o sessuali, è il modo migliore per passare dal torto alla ragione.

Oggi è ormai fatto noto e accertato già a 13 anni. Di seguito, il discredito della scuola e degli insegnanti come agenti riconosciuti del sapere e di una forma di verità condivisa, oggi ridotti a un’agenzia d’informazione come un’altra tra Twitter e YouTube. E, di fronte, il credito ormai quasi sacro concesso alla parola degli minori. Ancora. L’accesso diretto per tutti e in ogni momento alla denuncia e alla delazione digitale, ormai rivendicata come diritto inalienabile e illimitato.

Il tanto vantato : “name and shame” per dirla all’anglosassone, questa volta alla salsa dell’Islam politico. Con il padre della ragazzina, che senza mettere in dubbio la parola della figlia designa, sui social network, Samuel Paty come antimussumlano. E alla fine dell’ingranaggio un diciottenne diventato giadista sul suo smartphone. E che tramite il suo smartphone legge, interpreta, impara il mondo senza toccarlo, senza sentirlo, senza conoscerlo. Un mondo digitale che diventa di carne e ossa, all’apice del delirio psicotico appunto, con la decapitazione del fantasmatico infedele blasfemo. Allora no, Samuel Paty non è morto per la bugia banale di una ragazzina di 13 anni.

Foto | I giornalisti fuori dal College du Bois d’Aulne di Parigi, dove insegnava il professore

  • Autore articolo
    Francesco Giorgini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 02/08/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/02/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radiosveglia del lun 02/08/21

    Radiosveglia del lun 02/08/21

    Radiosveglia - 08/02/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 01/08/21

    Reggae Radio Station di dom 01/08/21

    Reggae Radio Station - 08/02/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 01/08/21

    Prospettive Musicali di dom 01/08/21

    Prospettive Musicali - 08/01/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 01/08/21

    News Della Notte di dom 01/08/21

    News della notte - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 01/08/21

    Sacca del Diavolo di dom 01/08/21

    La sacca del diavolo - 08/01/2021

  • PlayStop

    Yes Weekend di dom 01/08/21

    Yes Weekend di dom 01/08/21

    Yes Weekend! - 08/01/2021

  • PlayStop

    Belle d'estate di dom 01/08/21

    Belle d'estate di dom 01/08/21

    Belle d’estate - 08/01/2021

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 01/08/21

    Italian Girl di dom 01/08/21

    Italian Girl - 08/01/2021

  • PlayStop

    The writers di dom 01/08/21

    The writers di dom 01/08/21

    The writers - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sergente Pepe di dom 01/08/21

    Sergente Pepe di dom 01/08/21

    Gli amici del Sergente Pepe - 08/01/2021

  • PlayStop

    Camera Sud del dom 01/08/21

    Camera Sud del dom 01/08/21

    Camera a sud - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di dom 01/08/21

    Sing Sing Sing di dom 01/08/21

    Sing Sing Sing - 08/01/2021

  • PlayStop

    Onde Road di dom 01/08/21

    Onde Road di dom 01/08/21

    Onde Road - 08/01/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 01/08/21

    Chassis di dom 01/08/21

    Chassis - 08/01/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 31/07/21

    Slide Pistons di sab 31/07/21

    Slide Pistons – Jam Session - 08/01/2021

Adesso in diretta