Approfondimenti

Perché Samuel Paty non è stato decapitato per la bugia di una ragazzina

La ragazzina di 13 anni all’origine delle accuse di discriminazione anti-mussulmani pubblicate contro l’insegnante di storia Samuel Paty, poi finito decapitato da un giovane giadista di origine cecena, ha ammesso di fronte agli inquirenti di aver mentito. Aver mentito sulla propria presenza in classe durante la lezione tenuta dall’insegnante sulla libertà d’espressione. Mentito sulla supposta discriminazione verso gli alunni di religione mussulmana, che sarebbero stati invitati dall’insegnante a uscire dall’aula. Mentito infine sul fatto di essere stata sospesa dalla scuola media per aver protestato contro la diffusione, durante il corso di educazione civica, delle famigerate caricature di Maometto da parte di Samuel Paty, allorchè la sospensione è arrivata banalmente per le troppe assenze ingiustificate.

La giovanissima alunna ha mentito, secondo le parole citate nella versione messa a verbale “per esistere a gli occhi di mio padre rispetto a mia sorella, molto più assidua di me a scuola”. Detta altrimenti, ha mentito come si mente spesso a 13 anni per coprire una marachella, nel caso l’assenteismo scolastico, per evitare un rimprovero o una punizione. Insomma per non deludere mamma e papà. Eppure la banale bugia di una tredicenne è il granello di sabbia che si è trasformato nella valanga della morte per decapitazione di un insegnante di storia, Samuel Paty, che faceva solo il suo mestiere in una scuola qualunque di un tranquillo quartiere di periferia.

E non si tratta di una sfortunata serie di coincidenze. La morte di Samuel Paty non è un accidente, ma piuttosto la somma algebrica di gesti e giudizi che a ogni tappa dell’ingranaggio infernale rivelano i sintomi di un società francese sempre più psicotica, nel senso medico del termine. A cominciare dalla scelta della bugia fatta dalla ragazzina: farsi passare per vittima, e possibilmente di discriminazioni religiose, etniche o sessuali, è il modo migliore per passare dal torto alla ragione.

Oggi è ormai fatto noto e accertato già a 13 anni. Di seguito, il discredito della scuola e degli insegnanti come agenti riconosciuti del sapere e di una forma di verità condivisa, oggi ridotti a un’agenzia d’informazione come un’altra tra Twitter e YouTube. E, di fronte, il credito ormai quasi sacro concesso alla parola degli minori. Ancora. L’accesso diretto per tutti e in ogni momento alla denuncia e alla delazione digitale, ormai rivendicata come diritto inalienabile e illimitato.

Il tanto vantato : “name and shame” per dirla all’anglosassone, questa volta alla salsa dell’Islam politico. Con il padre della ragazzina, che senza mettere in dubbio la parola della figlia designa, sui social network, Samuel Paty come antimussumlano. E alla fine dell’ingranaggio un diciottenne diventato giadista sul suo smartphone. E che tramite il suo smartphone legge, interpreta, impara il mondo senza toccarlo, senza sentirlo, senza conoscerlo. Un mondo digitale che diventa di carne e ossa, all’apice del delirio psicotico appunto, con la decapitazione del fantasmatico infedele blasfemo. Allora no, Samuel Paty non è morto per la bugia banale di una ragazzina di 13 anni.

Foto | I giornalisti fuori dal College du Bois d’Aulne di Parigi, dove insegnava il professore

  • Autore articolo
    Francesco Giorgini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 07:15

    Metroregione di mar 13/04/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 13/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis to Revelation di mar 13/04/21

    From Genesis To Revelation - 13/04/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 12/04/21

    Jazz Anthology di lun 12/04/21

    Jazz Anthology - 13/04/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 12/04/21

    News Della Notte di lun 12/04/21

    News della notte - 04/12/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 12/04/21

    Mannarino

    Jailhouse Rock - 04/12/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 12/04/21

    - collegamento con Londra ..- punto metro..- rubrica sport e società di Andrea Cegna..- cose molto umane

    A casa con voi - 04/12/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 12/04/21

    Ora di punta di lun 12/04/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 04/12/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 12/04/21

    1-Ecuador: il suicidio della sinistra. Per punire il movimento progressista di Correa ha scelto il candidato della destra liberista vicino…

    Esteri - 04/12/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 12/04/21

    Sunday Blues di lun 12/04/21

    Sunday Blues - 04/12/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 12/04/21

    La pillola va giu di lun 12/04/21

    La Pillola va giù - 04/12/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 12/04/21

    Considera l'armadillo lun 12/04/21

    Considera l’armadillo - 04/12/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 12/04/21

    Puntata 33 - Le case della scacchiera del rock e dell’architettura. Le donne, il Bauhaus e il rock in cerca…

    Gimme Shelter - 04/12/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 12/04/21

    Jazmine Sullivan - a cura di Claudio Agostoni

    Jack - 04/12/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 12/04/21

    Un breve viaggio nella musica soul all'interno del cinema degli ultimi 50 anni

    Record Store - 04/12/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 12/04/21

    Senti un po' di lun 12/04/21

    Senti un po’ - 04/12/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 12/04/21

    DOC 33 - HAVE A GOOD TRIP: ADVENTURES IN PSYCHEDELICS - ..Un viaggio attraverso le sostanze psicotrope e i loro…

    DOC – Tratti da una storia vera - 04/12/2021

  • PlayStop

    Rosalba Maletta su Durs Grunbein, Il bosco bianco

    ROSALBA MALETTA SU DURS GRUNBEIN - IL BOSCO BIANCO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 04/12/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 12/04/21

    cult, ira rubini, flashmob magnificat, arianna scommegna, san satiro, san giorgio, san lorenzo, don walter magnoni, parrocchia sociale diocesi milano,…

    Cult - 04/12/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 12/04/21

    Con Pia Covre, storica attivista, prostituta, fondatrice del Comitato per i diritti delle prostitute onlus, facciamo il punto sulla situazione…

    Sui Generis - 04/12/2021

Adesso in diretta