Approfondimenti

Perché non si vota a settembre

non si vota a settembre

C’è una dichiarazione attribuita ad ambienti del M5S di oggi che suona così: “Salvini la smetta di attaccarci, noi vogliamo lavorare”. Nel mirino del capo della Lega ci sono tre ministri grillini: Costa, ambiente. Toninelli, infrastrutture e trasporti. Trenta, difesa.

I primi due perché i loro ministeri sono importanti rispetto al programma che Salvini vuole attuare: dallo sblocca cantieri, alla Tav Torino Lione, agli appalti. La titolare della difesa per il ruolo delle forze armate nella gestione dei soccorsi ai migranti.

Salvini vorrebbe per sé questi ministeri. Magari non con un rimpasto, facendo sedere su quelle poltrone persone del suo partito. Ma con un’azione tale da assicurargli un controllo politico di fatto.

Può farlo? Sì. Salvini è così forte che ormai detta la linea anche in casa 5 Stelle. Liquida Di Battista con una battuta: “Lo invidio, ha una qualità della vita migliore della mia”.

Salvini sostiene Di Maio perché parlando da presidente del Consiglio e ribadendo che lui vuole solo “applicare il programma” non si riferisce ormai più al famoso ‘contratto’ firmato l’anno scorso. Si riferisce a quello “de facto” costruito assieme al leader grillino Luigi Di Maio. E che contiene la Tav, le misure sotto la voce ‘sicurezza’, la gestione in quel modo dell’immigrazione, gli appalti.

Altro che crisi leghista per le dimissioni di Rixi e prima ancora di Siri. Le parole grilline “la smetta di attaccarci noi vogliamo lavorare” sono la più clamorosa dichiarazione di impotenza e di sudditanza nei suoi confronti.

Quindi, nessun voto anticipato a settembre. Anzi. La notizia che è circolata ieri, quella dell’ipotesi di elezioni dopo l’estate, è stata una sorta di stress test della tenuta della maggioranza. Ha avuto ispiratori al Quirinale. È prioritaria la tenuta del Paese dal punto di vista finanziario. La lettera di Bruxelles non può essere presa con leggerezza, e si deve fare la manovra economica. Da questo punto di vista, il ministro dell’economia Tria è uno degli uomini di garanzia del Presidente della Repubblica nel Governo. Per questo Mattarella non vuole scossoni e può stare tranquillo per come si sono sviluppate le cose nelle ore della condanna di Rixi. Stress test superato.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 26/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Metroregione di mar 26/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 27/01/21

    Stile Libero di mer 27/01/21

    Stile Libero - 27/01/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 26/01/21

    Music Revolution di mar 26/01/21

    Music Revolution - 27/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 26/01/21

    A casa con voi di mar 26/01/21

    A casa con voi - 27/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 26/01/21

    Ora di punta di mar 26/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mar 26/01/21

    1-Effetto Joe Biden. Negli Stati Uniti la casa bianca annuncia una serie di decreti contro la discriminazione della popolazione afroamericana.…

    Esteri - 27/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues di mar 26/01/21

    Sunday Blues - 27/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l'armadillo mar 26/01/21

    Considera l’armadillo - 27/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mar 26/01/21

    Jack di mar 26/01/21

    Jack - 27/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay Human di mar 26/01/21

    Stay human - 27/01/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 24/01/21

    Antica leggenda Mohawk trascritta dal nostro ascoltatore Giorgio e letta da Marco Sambinello

    Favole al microfono - 27/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mar 26/01/21

    ira rubini, cult, himmelweg, roberto abbati, teatro due parma, elfo puccini milano, juan mayorga, lydia cevedalli, note per la shoa,…

    Cult - 27/01/2021

  • PlayStop

    A come America del mar 26/01/21

    A come America del mar 26/01/21

    A come America - 27/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma di mar 26/01/21

    Prisma - 27/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 26/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 27/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 26/01/21

    Il demone del tardi - 27/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto di mar 26/01/21

    Fino alle otto - 27/01/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 26/01/21

    ..In questa puntata di Indie Re, Cecilia Paesante ha intervistato due artisti indipendenti italiani da far conoscere agli ascoltatori delle…

    Radio Muse Indie-re - 27/01/2021

Adesso in diretta