Approfondimenti

Nuovo piano UE per l’immigrazione. Il parere dell’eurodeputato Pietro Bartolo

migranti OIM - Decreti Salvini

Pietro Bartolo è stato per 30 anni medico a Lampedusa prima di diventare eurodeputato al Parlamento Europeo. La sua esperienza diretta di soccorso ai migranti è una tra le principali motivazioni alla base della sua scelta di entrare in politica. Il suo primo giudizio sul piano per l’immigrazione presentato dalla Commissione UE è però molto duro. L’intervista di Sara Milanese a Fino Alle Otto.

In base a quanto annunciato da Ursula Von der Leyen, che aveva parlato di cancellazione del trattato di Dublino, ci aspettavamo almeno un meccanismo obbligatorio di solidarietà basato sulla ricollocazione automatica dei richiedenti asilo, così come era prevista dalla riforma del regolamento di Dublino previsto già dalla precedente legislatura e passata a larga maggioranza al Parlamento UE. In realtà non c’è nessun superamento di Dublino; per me è motivo di profonda delusione e amarezza. Ad una prima lettura c’è anzi un sovraccarico sui Paesi di primo ingresso, a causa dell’inserimento di questo pre-screening, un controllo da effettuare probabilmente negli hotspot, praticamente ancora prima di entrare nel Paese. Abbiamo sempre rifiutato questa idea di un esame veloce per le richieste di asilo e qui il rischio è che qualcuno si trovi rimpatriato senza il tempo di presentare la richiesta. Poi c’è la proposta di una procedura accelerata, o procedura di frontiera, in cui si impone un periodo di massimo 12 settimane per l’esame delle domande. Così facendo molte delle persone non hanno nemmeno la possibilità di esprimersi, magari non conoscono la lingua, sono spaventati, vengono violati nuovamente i loro diritti fondamentali. C’è qualche cosa di buono, quando si parla di diritti dei minori, quando per i ricongiungimenti si riconosce il ruolo dei legami non solo famigliari ma anche della comunità; ora come famiglia si intende anche quella che si è formata durante il viaggio.

La trattativa tra Stati per definire il testo definitivo inizierà comunque da questo nuovo piano UE per l’immigrazione; saranno i Paesi di primo arrivo come Italia, Spagna e Grecia a fare il primo passo per modificare il testo?

Sicuramente inizierà una battaglia; io sono amareggiato, ma di certo daremo battaglia per cambiare il testo. Speriamo di riuscire a trovare un compromesso tra gli Stati, di certo i migranti non si fanno spaventare o fermare dalla prospettiva del rimpatrio. In questo piano si parla quasi esclusivamente di rimpatri, c’è quasi una forma di allergia a parlare di ricollocamenti. Noi pensiamo che sia invece questa la soluzione: renderli automatici e obbligatori, anche per i Paesi di Visegrad che sono contrari. Quando si arriva a Lampedusa, a Moria, in Grecia si arriva in Europa; e questo è diventato un problema europeo; di per sé il fenomeno migratorio non è un problema, l’hanno fatto diventare tale. Così come l’Europa ha dato risposta alla crisi legata alla pandemia, così deve trovare un’intesa sulle migrazioni.

Sul tema dei salvataggi in mare dei migranti il nuovo piano UE per l’immigrazione fa segnare dei passi in avanti?

La presidente Von der Leyen aveva ipotizzato una nuova missione di salvataggio, come era stata Sophia, come Mare Nostrum; in realtà per ora c’è solo una raccomandazione che chiede ai Paesi membri di non criminalizzare le ong, cosa che sta succedendo ancora anche in Italia. Dovremo cominciare da subito a eliminare quei decreti che colpiscono chi salva le vite in mare. E dovremmo, invece, incentivare gli altri canali di arrivo in Europa: i corridoi umanitari e gli altri canali regolari. Nessuno dovrebbe mettere piede in mare, perché il mare è crudele. Mi creda, io di morti ne ho visti tanti, anche mentre erano attive le missioni di salvataggio europee.

  • Autore articolo
    Sara Milanese
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 21/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 21/10/20 delle 07:15

    Metroregione di mer 21/10/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 21/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 21/10/20

    Uno di Due di mer 21/10/20

    1D2 - 21/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 21/10/20

    Ospite della puntata l'Orchestra di Piazza Vittorio

    Jack - 21/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l’armadillo - 21/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 21/10/20

    Celia Cruz, Toto, Pooh, Queen of the Stone Age, Madonna, Paul McCarntey, Adele, Elisa, Blondie, Miley Cyrus

    Stay human - 21/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 21/10/20

     Covid-19, tra paura dell’infezione e logoramento psicofisico (“pandemic fatigue”). Come la pandemia alimenta la stanchezza e la sfiducia verso obblighi…

    Memos - 21/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 21/10/20

    BELLA CIAO E IL CANTO DELLA RESISTENZA - LORENA CANOTTIERE - presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 21/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 21/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, tiziana ricci, lea vergine, teatro franco parenti, andree ruth shammah, stagione 20 21, filippo…

    Cult - 21/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 21/10/20

    Aggiornamento TikTok; rischio spezzatino per Facebook; corruzione in Amazon; problemi anche per Twitter; che cos’è la net neutrality e perché…

    Doppio Click - 21/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 21/10/20

    Prisma di mer 21/10/20

    Prisma - 21/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mer 21/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 21/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mer 21/10/20

    Il demone del tardi - 21/10/2020

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 21/10/20

    Stile Libero:Culture in Movimento - Eugenio Finardi, Bill Frisell, Johann Huizinga, Naked City, Ginger Baker Trio, Jim Keltner, Nonesuch, AREA

    Stile Libero - 21/10/2020

  • PlayStop

    Rockonti di mar 20/10/20

    3a puntata: Avventura Highway. Playlist: ..Sigla - Freur Doot Doot..01 - Two Gallants – My Man Go..02 - Otis Redding…

    Rockonti - 21/10/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 20/10/20

    La vera follia è rimpiangere i manicomi.. ..I redattori di Psicoradio commentano l’articolo di Massimo Fini sul Fatto Quotidiano. Anche…

    Psicoradio - 21/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 20/10/20

    con Alessandro Diegoli. - punto quotidiano con metro..- "Siamo tutti alla stessa tavola" ristoratori coordinati dalla associazione Azione Contro la…

    A casa con voi - 21/10/2020

Adesso in diretta