Approfondimenti

Nessuna novità, molta incertezza

Il futuro delle aree Expo è ancora incerto.

Venerdì scorso il Consiglio dei ministri ha approvato uno stanziamento di 150 milioni per il centro di ricerche “Italia 2040”, una parte dei quali dovrebbe essere destinata all’ingresso del Ministero di Economia e Finanza nella società Arexpo proprietaria dei terreni del sito.

Sembrava cosa fatta ma a tutt’oggi il presidente della società Luciano Pilotti lamenta che ancora non ci siano novità e la società il 24 novembre riunisce il consiglio di amministrazione per decisioni che riguardano le scelte future.

Il problema divenuto pressante è quello dei pagamenti. Nove milioni da subito e cinquanta entro giugno 2016. Le spese immediate riguardano i tre milioni da destinare al comune di Rho per lavori effettuati; altri tre alle banche per interessi e tre alla Fondazione Fiera per i terreni. Poi ci sono appunto 50 milioni entro il mese di giugno alla società Expo e a partire dalla fine del 2016 altri 30 milioni all’anno per tre anni alle banche, per i prestiti per l’acquisto dei terreni. Per Pilotti il problema è anche quello di avere una struttura societaria in grado di affrontare la fase che le tocca. Oggi la società Arexpo non ha personale e neppure dotazioni minime come cellulari e computer; soprattutto non è ancora stata definita la struttura dirigente della società.

C’è poi un problema che riguarda le modalità con cui il ministero entrerà a far parte della società. In pratica si deve decidere se ci sarà una ricapitalizzazione oppure se verrà semplicemente rilevata la quota della Fondazione Fiera, che alla società partecipa attraverso il valore delle aree messe a disposizione. In quest’ultimo caso è evidente il favore fatto alla Fondazione Fiera, che già si è vista moltiplicare per 10 il valore delle aree agriocole e che ora riuscirebbe a defilarsi dall’operazione capitalizzando immediatamente il valore delle aree senza impegni sul dopo-Expo.

C’è ancora da capire come verrà sviluppato il progetto Italia 2040 con il mega centro di ricerca che però occuperà solamente 75 mila metri quadrati dell’oltre un milione di metri quadrati dell’area. Ancora non si sa come verrà inserito il progetto di campus scientifico dell’Università Statale e tanto meno quello voluto da Assolombarda.

Elementi di indeterminatezza che spingeranno in là il piano di sviluppo.

  • Autore articolo
    Michele Crosti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 16/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 15/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 15/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 16/05/2022

Adesso in diretta