Approfondimenti

Lombardia zona rossa, si torna a sei mesi fa

Lombardia Zona rossa - Milano Deserta - Foto di Claudia Reali

Non c’è spazio per le incertezze”, ha detto il ministro Speranza sulle cui spalle sono scaricate le chiusure e la protesta dei tre presidenti delle regioni zona rossa, ovviamente la Lombardia di Attilio Fontana che dopo non aver proposto alcunché, se non una dilazione in attesa di nuovi dati che potrebbero attestare una migliore situazione epidemiologica, può giocare la sua partita e dire che: la zona rossa è “uno schiaffo in faccia alla Lombardia e a tutti i lombardi”.

Secondo il presidente della Regione Lombardia che aveva accusato più volte il governo di non aver chiuso l’area della bergamasca a marzo, la decisione stavolta presa dal governo è “incomprensibile perché basata su dati di 10 giorni fa”, come se gli ospedali non avessero esattamente questo lasso di tempo per riempirsi dei nuovi casi positivi snocciolati a migliaia ogni giorno da settimane.

Irresponsabilità, cinismo, pressappochismo. Abbiamo visto ormai tutto. Oltre a quasi 18mila morti. Così i lombardi dopo un balletto durato giorni in attesa di qualcuno che prendesse una decisione, hanno un giorno per organizzarsi e ritornare alla situazione di sei mesi fa, al 4 maggio quando finì il primo lungo lockdown.

Torna il divieto di uscire di casa se non per motivi urgenti e necessari come lavorare, con maglie molto larghe per tutte le attività definite produttive, per portare i figli fino alla prima media a scuola, fare la spesa e andare in farmacia, portare i cani a passeggio e fare attività motoria solo attorno a casa; sempre con autocertificazione appositamente aggiornata.

Restano aperti i parrucchieri e consentite le vendite d’asporto e a domicilio di cibo. Un lockdown esperto, diciamo così. Fino al 6 dicembre, a meno che per 14 giorni consecutivi la situazione epidemiologica non migliori.

Qualcosa sta rallentando, in effetti, ma ancora poco. Di sicuro la sfiducia verso chi non ha provveduto a nulla in questi mesi e la rabbia di chi non ha risposte da un sistema pubblico lasciato in agonia dal governo leghista della regione – mentre chi paga ha tamponi e vaccini antinfluenzali – oltre alla crisi per tutti coloro che sono a rischio povertà, perdita lavoro o chiusura, sta formando una classe di scontenti difficilmente recuperabile se non con un welfare e una cura di cui non si vedono, se non con qualche piccolo esempio territoriale e solidaristico, ancora tracce universali e di cittadinanza.

Foto di Claudia Reali

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 14/04/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 14/04/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 14/04/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mer 14/04/21

    1-Afghanistan. Con l’annuncio del ritiro dei soldati americani, Joe Biden vuole concludere la guerra infinita. ..( Roberto Festa) ..2- Stati…

    Esteri - 14/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues di mer 14/04/21

    Sunday Blues - 14/04/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 14/04/21

    Uno di Due di mer 14/04/21

    1D2 - 14/04/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l'armadillo mer 14/04/21

    Considera l’armadillo - 14/04/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 14/04/21

    Intervista ad Alex Favaretto di Shervood Festival per l'iniziativa a sostegno del mondo dello spettacolo "Cambiamo Musica, a cura di…

    Jack - 14/04/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay Human di mer 14/04/21

    Stay human - 14/04/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 14/04/21

    La giustizia della sorveglianza. Appare così la giustizia esercitata “in nome del popolo italiano” dalle parti delle procure di Trapani…

    Memos - 14/04/2021

  • PlayStop

    Giulia Guazzaloca, Uomini e animali

    GIULIA GUAZZALOCA - UOMINI E ANIMALI - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 14/04/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 14/04/21

    ira rubini, cult, piccolo teatro occupato, coordinamento spettacolo lombardia, globe theatre roma occupato, celeste, giada, marco cacciola, tiziana ricci, nerina…

    Cult - 14/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 13/04/21

    Aggrapparsi alle canzoni - Durante la settimana di Pasqua, la redazione di Psicoradio fa una pausa, una boccata di disconnessione…

    Psicoradio - 14/04/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 14/04/21

    Il futuro della rete in Italia; l’attacco alla centrale di Natanz in Iran; i piani USA per contrastare la Cina;…

    Doppio Click - 14/04/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 14/04/21

    L'allarme dei medici: non riaprite troppo in fretta. Ma il rigorista Speranza rischia il posto, ormai è controcorrente (con microfono…

    Prisma - 14/04/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 14/04/21

    Rassegna stampa internazionale - 14/04/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 14/04/21

    Il demone del tardi - 14/04/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 14/04/21

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: .. 14 aprile 1991 –…

    Fino alle otto - 14/04/2021

Adesso in diretta