Approfondimenti

“Le concessioni non hanno utilità sociale”

autostrada italiana

Giorgio Ragazzi, professore di Scienza delle Finanza all’Università di Bergamo, autore di “I signori delle autostrade” (Il Mulino), racconta il sacco delle privatizzazioni delle autostrade favorito da tutti i governi: “Non hanno raccolto fondi privati, hanno usato i pedaggi e atteso i regali dallo Stato. Bisogna smettere con questo sistema che rasenta il parassitario.

La soluzione, secondo Ragazzi, è tornare al controllo pubblico. Claudio Jampaglia lo ha intervistato oggi a Giorni Migliori.

Andando a ricostruire la storia di questi concessionari vediamo che gli azionisti di queste società non hanno praticamente investito mai nulla in queste autostrade. Le autostrade sono tutte state costruite con debiti ripagati con i pedaggi e quindi è in discussione a mio avviso lo stesso ruolo sociale ed economico delle concessionarie. Non hanno svolto la funzione di raccogliere fondi privati per finanziare investimenti pubblici, questo sarebbe dovuto essere il loro scopo, ma in realtà sono semplicemente riuscite ad ottenere regali dallo Stato. Gli unici che hanno veramente investito dei soldi sono stati i Benetton e gli altri soci che hanno acquistato la società Autostrade per l’Italia dall’IRI quando è stata privatizzata. Nel giro di tre anni, però, sono riusciti a recuperare tutto il loro investimento facendo indebitare la società. L’istituzione stessa delle concessionarie autostradali deve essere rimessa in discussione. Certamente le concessionarie in questi ultimi anni hanno avuto dei flussi di cassa molto elevati a fronte dei quali gli investimenti sono stati modestissimi, quindi gran parte di questi flussi di cassa li hanno reinvestiti all’estero. La società Autostrade in particolare ha comprato una quota del tunnel sotto alla Manica e così via. Un aspetto della realtà italiana è che questi investimenti vengono remunerati in tariffa assicurando alle concessionarie una redditività assolutamente fuori misura, stiamo parlando di quasi l’8% al netto delle imposte che non trova alcuna corrispondenza in nessun alto settore dell’economia italiana. È un settore parassitario che non ha più un’utilità sociale. Penso che queste concessioni dovrebbero essere portate a termine. Non si possono violare i contratti che sono stati fatti, però quando le concessioni vengono a scadenza non dovrebbero essere rinnovate. E invece il governo precedente ha concesso proroghe praticamente a tutte le concessionarie, credo che da questo punto di vista il Ministro Delrio sia stato il peggior ministro per quanto riguarda le concessioni autostradali.

Ma se lei dovesse dare un consiglio al Ministro dello Sviluppo Economico e al Ministro delle Infrastrutture, cose direbbe loro?

Secondo me sarebbe semplicissimo e ci sono anche altri esempi all’estero. Si può costituire una società interamente pubblica, anche soltanto un ente pubblico, a cui venga affidata la concessione. Non deve essere una nazionalizzazione, ma semplicemente un ente che poi appalta le due funzioni fondamentali, la manutenzione dell’autostrada e l’esazione dei pedaggi. Possono essere appaltate in gara anche a dei privati.

autostrada italiana

RIASCOLTA L’INTERVISTA

intervista Giorgio Ragazzi

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 06/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 06/05/21 delle 07:14

    Metroregione di gio 06/05/21 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 05/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 06/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 06/05/21

    Il demone del tardi - 05/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 06/05/21

    Fino alle otto di gio 06/05/21

    Fino alle otto - 05/06/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 06/05/21

    Funk shui di gio 06/05/21

    Funk shui - 05/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 05/05/21

    Jazz Ahead di mer 05/05/21

    Jazz Ahead - 05/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 05/05/21

    News Della Notte di mer 05/05/21

    News della notte - 05/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 05/05/21

    A casa con voi di mer 05/05/21

    A casa con voi - 05/05/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 05/05/21

    Ora di punta di mer 05/05/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 05/05/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 05/05/21

    1 Colombia. La dura repressione della polizia non ferma le manifestazioni in tutto il paese per denunciare le politiche liberiste…

    Esteri - 05/05/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 05/05/21

    Gli speciali di Radio Popolare di mer 05/05/21

    Gli speciali - 05/05/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 05/05/21

    ospite della puntata Claudio dei Mighty Oaks intervistato da Florencia Di Stefano Abichain e Matteo Villaci

    Jack - 05/05/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 05/05/21

    Considera l'armadillo mer 05/05/21

    Considera l’armadillo - 05/05/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 05/05/21

    Stay Human di mer 05/05/21

    Stay human - 05/05/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 04/05/21

    La rabbia dei piccoli non è una piccola rabbia - ..“Le emozioni di solito sono classificate come negative e positive,…

    Psicoradio - 05/05/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 05/05/21

    La pandemia, la morte che si trasforma e la recessione delle nascite. Memos ha ospitato oggi Asher Colombo, sociologo all’università…

    Memos - 05/05/2021

  • PlayStop

    Guido Tonelli, Il sogno di uccidere Chronos

    GUIDO TONELLI - IL SOGNO DI UCCIDERE CHRONOS - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 05/05/2021

Adesso in diretta