Approfondimenti

La deriva pericolosa dei social: il caso spagnolo dello youtuber ReSet

social

Quanto in là è disposta a spingersi una persona per ottenere popolarità e soldi sul web? Negli ultimi anni i social network sono diventati la nuova frontiera del business. Tra Youtube, Instagram e Tiktok, sono tante le storie di giovani che hanno costruito sulle diverse piattaforme una carriera. Ma è capitato anche che, in cerca di sempre maggiori visualizzazioni e facili guadagni, alcuni siano incorsi in gravi cause giudiziarie.

Tra questi, c’è lo youtuber iberico Kanghua Ren, 23 anni, meglio conosciuto su Youtube come ReSet. Alcuni giorni fa la Corte Suprema spagnola ha confermato la decisione di un giudice di Barcellona che nel 2019 aveva condannato il ragazzo a 15 mesi con la condizionale. E, sanzione inedita, lo aveva bandito per 5 anni dalla nota piattaforma per la condivisione di video con l’accusa di aver vessato e umiliato intenzionalmente un senzatetto di 52 anni di origini romene, causandogli anche problemi di salute. ReSet dovrà all’uomo un risarcimento di 20mila euro.

I fatti risalgono al 2017, quando il canale Youtube dell’allora 19enne contava oltre 1 milione di iscrizioni. Ai suoi seguaci il ragazzo proponeva video nei quali si cimentava in sfide e scherzi. Ren infatti è un “prankster”, così vengono chiamati gli utenti che sui social pubblicano questo tipo di contenuti. Alcuni, molto famosi riescono a guadagnare anche migliaia di euro per un singolo video.

Lo scherzo per il quale il ragazzo è stato condannato, consigliatogli dai suoi stessi seguaci, consisteva nel sostituire la crema di un pacco di biscotti con del dentifricio per poi regalarlo, insieme a una banconota da 20 euro, a un senzatetto. Fiero della sua bravata, nel video il ragazzo spiegava orgoglioso di aver aiutato l’uomo. “E’ povero, quindi non si laverà i denti molto spesso”, commentava. Il video, diventato virale, ha fatto incassare al 19enne quasi 3.000 euro.

Ma, oltre ad aver causato problemi di salute alla vittima, che subito dopo aver mangiato i biscotti si è sentita male, lo scherzo ha scosso l’opinione pubblica spagnola, determinando anche un importante precedente giurisprudenziale.
I giudici della Corte suprema, per emettere la condanna, si sono serviti di una classica sentenza: l’interdizione a tornare sul luogo del delitto. La novità è che, per la prima volta, i social media sono stati considerati luoghi, seppur virtuali, da cui venir banditi per aver commesso crimini nella realtà.
Tra gli elementi presi in considerazione dai giudici, anche l’abitudine dello youtuber a mostrarsi crudele con facili bersagli. In precedenza si era infatti filmato in un parco mentre provava a regalare dei panini ripieni di escrementi di gatto a bambini e anziani.

Dall’inizio di questa storia, Kanghua Ren non si è mai mostrato veramente pentito. Durante il processo del 2019 il ragazzo aveva accusato i media di avergli rovinato la carriera, a cui si era dedicato al 100% dopo aver abbandonato gli studi. “Era solo uno scherzo”, aveva detto alla corte in quell’occasione, aggiungendo: “Le persone amano queste cose malate”.
La progressiva trasformazione dei social in un mezzo per fare soldi facili grazie alle visualizzazioni e ai like, in alcuni casi sta portando a una deriva pericolosa. La chimera del guadagno senza impegno a volte scade nell’assenza di dignità e rispetto per gli altri, in un circolo vizioso che costringe chi ne cade vittima a spostare l’asticella sempre più in alto. Ma è forse arrivato il momento che vengano definiti finalmente, e una volta per tutte, i limiti da non oltrepassare.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 16/04 9:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 16-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 16/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 16-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 16/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 16-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    EUROPAMENTE - Al voto con l'Europa in testa - E2

    La povertà e le disuguaglianze: può l'Europa essere più giusta? Perché la povertà e l'esclusione sociale sembrano non essere mai le vere priorità? Eppure qualcosa è stato fatto. E, soprattutto, può essere fatto adesso. Con Elena Granaglia, del Forum Disuguaglianze e Diversità, docente di Scienza delle finanze all'Università di Roma 3.

    Clip - 16-04-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 16/04/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 16-04-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di martedì 16/04/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 16-04-2024

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Nando Benigno e Nando dalla Chiesa

    Settima e ultima lezione dell’ottavo ciclo di incontri ideati dalla Scuola di formazione “Antonino Caponnetto” e realizzati insieme a Radio Popolare. Il 5 aprile 2024, nella Sala del Grechetto alla biblioteca Sormani di Milano hanno discusso di educazione alla legalità Nando Benigno, è stato insegnante e fondatore del «Coordinamento insegnanti e presidi contro la mafia», all’inizio degli anni ‘80 a Milano; e Nando dalla Chiesa, presidente della Scuola di formazione “Antonino Caponnetto”, presidente onorario di Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano, autore di «La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica». La lezione è stata introdotta da Giuseppe Teri, vicepresidente della Scuola Caponnetto.

    Lezioni di antimafia - 16-04-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 16/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 16-04-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 16/04/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 15-04-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 15/04/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 15-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 15/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-04-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 15/04/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 15-04-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 15/04/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 15-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 15/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 15-04-2024

Adesso in diretta