Approfondimenti

La deriva pericolosa dei social: il caso spagnolo dello youtuber ReSet

social

Quanto in là è disposta a spingersi una persona per ottenere popolarità e soldi sul web? Negli ultimi anni i social network sono diventati la nuova frontiera del business. Tra Youtube, Instagram e Tiktok, sono tante le storie di giovani che hanno costruito sulle diverse piattaforme una carriera. Ma è capitato anche che, in cerca di sempre maggiori visualizzazioni e facili guadagni, alcuni siano incorsi in gravi cause giudiziarie.

Tra questi, c’è lo youtuber iberico Kanghua Ren, 23 anni, meglio conosciuto su Youtube come ReSet. Alcuni giorni fa la Corte Suprema spagnola ha confermato la decisione di un giudice di Barcellona che nel 2019 aveva condannato il ragazzo a 15 mesi con la condizionale. E, sanzione inedita, lo aveva bandito per 5 anni dalla nota piattaforma per la condivisione di video con l’accusa di aver vessato e umiliato intenzionalmente un senzatetto di 52 anni di origini romene, causandogli anche problemi di salute. ReSet dovrà all’uomo un risarcimento di 20mila euro.

I fatti risalgono al 2017, quando il canale Youtube dell’allora 19enne contava oltre 1 milione di iscrizioni. Ai suoi seguaci il ragazzo proponeva video nei quali si cimentava in sfide e scherzi. Ren infatti è un “prankster”, così vengono chiamati gli utenti che sui social pubblicano questo tipo di contenuti. Alcuni, molto famosi riescono a guadagnare anche migliaia di euro per un singolo video.

Lo scherzo per il quale il ragazzo è stato condannato, consigliatogli dai suoi stessi seguaci, consisteva nel sostituire la crema di un pacco di biscotti con del dentifricio per poi regalarlo, insieme a una banconota da 20 euro, a un senzatetto. Fiero della sua bravata, nel video il ragazzo spiegava orgoglioso di aver aiutato l’uomo. “E’ povero, quindi non si laverà i denti molto spesso”, commentava. Il video, diventato virale, ha fatto incassare al 19enne quasi 3.000 euro.

Ma, oltre ad aver causato problemi di salute alla vittima, che subito dopo aver mangiato i biscotti si è sentita male, lo scherzo ha scosso l’opinione pubblica spagnola, determinando anche un importante precedente giurisprudenziale.
I giudici della Corte suprema, per emettere la condanna, si sono serviti di una classica sentenza: l’interdizione a tornare sul luogo del delitto. La novità è che, per la prima volta, i social media sono stati considerati luoghi, seppur virtuali, da cui venir banditi per aver commesso crimini nella realtà.
Tra gli elementi presi in considerazione dai giudici, anche l’abitudine dello youtuber a mostrarsi crudele con facili bersagli. In precedenza si era infatti filmato in un parco mentre provava a regalare dei panini ripieni di escrementi di gatto a bambini e anziani.

Dall’inizio di questa storia, Kanghua Ren non si è mai mostrato veramente pentito. Durante il processo del 2019 il ragazzo aveva accusato i media di avergli rovinato la carriera, a cui si era dedicato al 100% dopo aver abbandonato gli studi. “Era solo uno scherzo”, aveva detto alla corte in quell’occasione, aggiungendo: “Le persone amano queste cose malate”.
La progressiva trasformazione dei social in un mezzo per fare soldi facili grazie alle visualizzazioni e ai like, in alcuni casi sta portando a una deriva pericolosa. La chimera del guadagno senza impegno a volte scade nell’assenza di dignità e rispetto per gli altri, in un circolo vizioso che costringe chi ne cade vittima a spostare l’asticella sempre più in alto. Ma è forse arrivato il momento che vengano definiti finalmente, e una volta per tutte, i limiti da non oltrepassare.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 01/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/01/2022

Adesso in diretta