Approfondimenti

Khmer Rouge Survivors

Produttore americano assai affermato, attivo in particolare ma non esclusivamente nel campo della world music – ha curato per esempio anche una antologia di Jovanotti per il mercato statunitense – Ian Brennan due anni fa si è recato ad Hanoi per realizzare un album che è poi uscito nel 2015, in occasione del quarantesimo anniversario della fine della guerra del Vietnam:War is a wound, peace is a scar”, intestato collettivamente a quelli che ha chiamato Hanoi Masters.

Brennan ha registrato cantanti e musicisti che in un modo o nell’altro avevano avuto a che fare con le vicende della guerra: c’è chi ancora quasi bambino aveva raggiunto l’esercito per tenere alto con le proprie canzoni il morale dei soldati; c’è la cantante che nel corso della resistenza era stata a capo di un villaggio, e che non aveva più cantato da oltre quarant’anni. I cantanti sono accompagnati da strumenti tradizionali, spesso semidimenticati nella vorticosa trasformazione della società vietnamita dopo la conclusione del conflitto, trasformazione che si è tradotta anche nella modernizzazione della scena musicale.

I brani sono stati incisi in maniera diretta, senza manipolazioni, e nel loro carattere semplice, senza fronzoli, queste registrazioni sono di grande suggestione e poesia. Oltre alla rapida nota di copertina firmata da Brennan, non sarebbe dispiaciuto però a corredo della musica avere magari delle informazioni più dettagliate su questi musicisti e sulle canzoni che eseguono. Ma forse, se da un lato ha registrato in maniera nuda e cruda come avrebbe fatto un etnomusicologo, dall’altro Brennan ha preferito non dare all’album una veste troppo filologica e specialistica, e proporlo invece come una sorta di celebrazione laica della fine della guerra, come un album-cerimonia, destinato a presentare soprattutto l’umanità dell’ex nemico, e a far riflettere autonomamente l’ascoltatore sulla guerra, la pace, il passare del tempo, i cambiamenti, a volte non violenti quanto una guerra ma pur sempre con una loro componente traumatica e dolorosa.

War is a wound, peace is a scar” si presentava anche come il primo volume di una serie, Hidden Musics, “musiche nascoste”, destinata a valorizzare con registrazioni “sul campo” aree musicali non ancora abbastanza rappresentate, non ancora venute alla ribalta della world music, e, a giudicare da questo primo capitolo, a volte ormai piuttosto invisibili anche nel contesto di origine: avendo forse come filosofia di questa serie quella di raccogliere dei materiali senza mediazioni, ma senza mediazioni di proporli anche all’ascoltatore, più che alle spiegazioni affidandosi alla forza evocativa della musica e alla sensibilità di chi prende tra le mani questi Cd.

[youtube id=”Xqsgx855Uhc”]

Brennan è poi tornato nel Sudestasiatico per un altro volume, il terzo, della collana Hidden Musics, uscito nel 2016, intitolato “They Will Kill You, If You Cry”, e intestato a Khmer Rouge Surivivors. Se in Vietnam la scena musicale in via di estinzione documentata da Brennan è stata colpita dalla guerra e poi travolta dai cambiamenti, in Cambogia il produttore scandaglia uno scenario ancora più terrificante: in un paese già martoriato da spaventosi bombardamenti americani, nella seconda metà degli anni settanta i khmer rossi, all’interno del massacro di circa un terzo della popolazione del paese, prendono specificamente di mira artisti e intellettuali, solo un dieci per cento dei quali sopravvivono allo sterminio. Anche in questo caso informazioni scarne ma brani toccanti.

Brennan ha registrato fra gli altri un flautista e percussionista, oggi cinquantenne, che riuscì a salvarsi prima suonando per lo svago dei soldati khmer, poi diventando egli stesso un bambino-soldato nella guerra contro i Vietnamiti: sua la testimonianza che è diventata il titolo del Cd: “se piangi ti uccideranno”. A rendere quasi totale il genocidio delle musiche tradizionali, sono intervenuti poi anche qui violente trasformazioni postbelliche, e la diffusione di una produzione musicale pressoché tutta in inglese, in una popolazione mediamente giovanissima, che non solo non ha memoria della musica tradizionale, ma nemmeno molta consapevolezza degli eventi che quarant’anni fa resero la Cambogia un incubo.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 14/06/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 14/06/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 15/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Indie-Re di mar 15/06/21

    Indie-Re di mar 15/06/21

    Radio Muse Indie-re - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 14/06/21

    Jazz Anthology di lun 14/06/21

    Jazz Anthology - 15/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 14/06/21

    News Della Notte di lun 14/06/21

    News della notte - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 14/06/21

    Jailhouse Rock di lun 14/06/21

    Jailhouse Rock - 15/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 14/06/21

    A casa con voi di lun 14/06/21

    A casa con voi - 15/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 14/06/21

    Ora di punta di lun 14/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 15/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di lun 14/06/21

    1-Non solo la Russia. Al vertice della Nato Joe Biden ha imposto agli altri paesi dell’alleanza atlantica la Cina come…

    Esteri - 15/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 14/06/21

    Sunday Blues di lun 14/06/21

    Sunday Blues - 15/06/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 14/06/21

    La pillola va giu di lun 14/06/21

    La Pillola va giù - 15/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 14/06/21

    Considera l'armadillo lun 14/06/21

    Considera l’armadillo - 15/06/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 14/06/21

    Puntata 42 - Non solo una bella cornice nella quale inquadrare tutto. Strutture leggere, involucri giganti e calcoli ingegneristici estremamente…

    Gimme Shelter - 15/06/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 14/06/21

    I Sottotono - a cura di Matteo Villaci

    Jack - 15/06/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 14/06/21

    Record Store di lun 14/06/21

    Record Store - 15/06/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 14/06/21

    Senti un po' di lun 14/06/21

    Senti un po’ - 15/06/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 14/06/21

    DOC 42 - A CHI FA BENE IL WELLNESS - Oli essenziali, velo d’api, digiuno, tantra e chi più ne…

    DOC – Tratti da una storia vera - 14/06/2021

  • PlayStop

    Simone Pollo, Manifesta dell'Animalismo Democratico

    SIMONE POLLO - MANIFESTA DELL'ANIMALISMO DEMOCRATICO - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 15/06/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 12/06/21

    Slide Pistons, Jam Session, Slide Pistons Jam Session, Luciano Macchia, Raffaele Kohler, Raffaele Kohler Swing Band

    Slide Pistons – Jam Session - 15/06/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 14/06/21

    ira rubini, cult, campo teatrale 21, ci siamo tutti sommati, donato nubile, tiziana ricci, museo messina, organism and eternality, kim…

    Cult - 15/06/2021

  • PlayStop

    Snippet di sab 12/06/21

    ep 219 - Need to belong vs Ante Up vs Get down on it - Un susseguirsi di campionamenti nella…

    Snippet - 15/06/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 14/06/21

    Michela Zucca, antropologa, divulgatrice, saggista specializzata in cultura .popolare e in storia delle donne, ci parla della nuova edizione di “Donne…

    Sui Generis - 15/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 14/06/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola - La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 14 giugno 1966 –…

    Fino alle otto - 15/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 14/06/21

    Il punto sul viaggio di Joe Biden in Europa con Roberto Festa e Maria Maggiore. Vaccini, chia-mateci se avete fatto…

    Prisma - 15/06/2021

Adesso in diretta