Approfondimenti

Je so’ pazzo: la comune di Napoli

Je so' pazzo

Se dovessi raccontare di fronte a dei bimbi a mo’ di favola direi: a Napoli le forze del bene sono grandi estese belle, i buoni sono tantissimi, la grande maggioranza, ma il male sta sempre in agguato e i cattivi sono crudeli, vogliono opprimere e dominare la città, vogliono ucciderla.  Così la vostra compagna Noemi di quattro anni è stata trafitta a un polmone da una pallottola da guerra sparata da un orrendo cattivo. E’ successo altre volte. In nessuna altra città europea, tanti bambini sono stati coinvolti in azioni sanguinose come a Napoli. Qui nella vostra città il primo pericolo per i piccoli è il rischio di essere colpiti da una pallottola vagante.

Il primo maggio sono a Napoli. Radiosa di sole, piena di gente cordiale spesso allegra.  Una città in festa densa di musiche, teatri, meraviglie d’arte, tracce e monumenti di una storia secolare, e buon cibo che non guasta. Col Vesuvio che veglia e incute il cielo dall’alto, il golfo che consola e concilia l’orizzonte dal basso. Lungo via Toledo un fiume di persone pacifiche turisti e napoletani riempie la strada e i caffè. Però, se si sale nei vicoli dei quartieri, ecco comparire le figure di uomini corpulenti e/o giovani segaligni a cavallo di motorette, che pattugliano il territorio, arroganti in tutta la loro prepotenza: sono i banditi, i criminali camorristi. Qualcuno porta il casco, qualcuno no, qualcuno sgasa, qualcun’altro è più tranquillo, su uno scooter sono in due o anche in tre, in quello vicino sta in sella uno solo ma tutti si mostrano come i padroni del quartiere. Poco più sotto al crocicchio con via Toledo, un gruppo di tre uomini della legge, due soldati e una agente di polizia. Ma nei vicoli è raro, rarissimo vedere comparire una volante.

Il primo maggio sono a Napoli e incontro alcuni militanti del centro sociale Je so’ pazzo, chiuso. Già Je so’ pazzo, che loro chiamano casa del popolo, sede anche di una camera del lavoro popolare, è chiuso il giorno della festa mondiale dei lavoratori. Non è stata programmata nessuna attività. Eravamo molto stanchi, non avevamo le forze raccontano un poco in imbarazzo. I miei giovani amici si sono logorati in una stressante trattativa politica per formare una lista comune per le elezioni europee tra Dema, l’organizzazione messa in piedi dal sindaco De Magistris, la neonata Potere al Popolo figliata essenzialmente da Je so’ pazzo, Rifondazione Comunista e tutto quel che si muove a sinistra del PD. Ipotesi che ha cappottato lasciandoli con un pugno di mosche in mano e una cocente delusione. Delusione non solo loro, che neppure si è capito cosa abbia impedito una semplice lista elettorale su due, tre punti facili da definire per l’Europa. Salvo una questione di poltrone, anzi di sgabelli, mascherata da disputa ideologica.

Je so’pazzo ha una dimensione di “lavoro sociale”assai ricca e radicata. Si va dal doposcuola all’ambulatorio, dalla residenza per gli immigrati alle lezioni di lingua italiana, dalle arti marziali alle arrampicate in parete in una miriade di attività che coinvolgono centinaia di persone, nascendo cosi relazioni di solidarietà e di cooperazione che rendono la vita quotidiana più facile e anche soddisfacente. Si può dire che ogni persona di mater dei, il quartiere dove Je so’ pazzo, la casa del popolo ex-OPG (ospedale psichiatrico giudiziario) è situata, che abbia un problema prima o poi si rivolge a loro. Con alcune iniziative eclatanti come l’occupazione della chiesa di Sant’Antonio e Sant’Alfonso a Tarsia per dare alloggio almeno temporaneo ai senza casa, che diventa una tappa nel percorso turistico del “maggio dei monumenti”. Un modo del tutto originale di ridare vita al patrimonio culturale e artistico trasformandolo in bene comune polivalente, luogo dove si dorme e dove si gode la bellezza. Ma la coscienza sociale solidale e cooperativa che nasce e cresce in quella formidabile incubatrice che è la casa del popolo Je so’ pazzo, non diventa ipso facto coscienza politica, tantomeno “rivoluzionaria”. Da cui l’esigenza di quello che si chiama “uno sbocco politico”, individuato nella costruzione di un partito “Potere al Popolo” di stampo comunista, scoprendo poi che le cose sono più semplici a dirsi che a farsi, tra il dire e il fare essendoci sempre di mezzo il mare, quello splendido mare del golfo. Col rischio di inquinamento delle acque.

Ma il partito non è la sola soluzione al problema cosidetto dello “sbocco politico”. La soluzione naturale per un sistema sociale come quello prefigurato da Je so’ pazzo potrebbe essere la comune, il libero autogoverno dei cittadini. Ne discutiamo con Chiara, Gianpiero, Rosa tre pilastri (senza ironia) dell’ex-OPG. Ovvero: prendiamoci la città. Poniamo il problema del potere, facciamo la Comune di Napoli. Un’idea che gira in testa anche al sindaco De Magistris, pur senza dirla esplicitamente. Allora se accadesse per prima cosa dovremmo armarci, o piuttosto disarmare la città. A Napoli esiste una quantità di armi terrificante. Esiste la camorra (già ci sono stati alcuni problemi tra i militanti di Je so’ pazzo e i camorristi), un potere criminale armato che controlla buona parte del territorio. Non si può governare niente se non fai i conti col potere criminale. La camorra che oggi si trova monca dei legami politici d’antan per effetto delle politiche amministrative rigorose messe in atto dal sindaco De Magistris, e perciò stesso inferocita e più violenta. Ridiamo molto prefigurando la comune di Napoli, sapendo bene che non sta nè in cielo nè in terra, epperò San Gennaro magari un miracolo, chissà. Anche le quattro giornate furono inaspettate e deflagranti, liberando la città dai nazisti con l’insurrezione popolare. Nessuno c’avrebbe scommesso il giorno prima, e il giorno dopo accadde.

Foto | Facebook

  • Autore articolo
    Bruno Giorgini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 13/04 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 13-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 12/04/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay human di sabato 13/04/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 13-04-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 13/04/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 13-04-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/04/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 13-04-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 13/04/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 13-04-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 13/04/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 13-04-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 13/04/2024 - ore 13:18

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 13-04-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 13/04/2024

    Andiamo al festival Fondamentali di Varese e presentiamo l’incontro con Luca Radaelli di Emergency sul libro Una persona alla volta, di Gino Strada; TIPO Festival a Prato: le attività per bambini e bambine; Andrea Mirò, cantautrice, direttrice d'orchestra e polistrumentista, e il suo consiglio di lettura; la mostra fotografica organizzata dal Sant’Ambroeus; cinema, teatro, arte e tante, tantissime segnalazioni.

    Good Times - 13-04-2024

  • PlayStop

    Le Olimpiadi della sanità

    La sanità può essere una vera e propria gara ad ostacoli. Un nostro ascoltatore ci ha mandato una mail divertente, che abbiamo pensato di leggervi, in cui paragona le sue peripezie per prenotare una terapia con una gara competitiva degna delle prossime Olimpiadi.

    37 e 2 - 13-04-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 13/04/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 13-04-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 13/04/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 13-04-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/04/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13-04-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 13/04/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 13-04-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 13/04/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 12-04-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 12/04/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12-04-2024

Adesso in diretta