Approfondimenti

Il processo Julie Douib, simbolo della lotta contro la violenza sulle donne in Francia

Julie Douib è morta il 3 marzo del 2019, a 34 anni, uccisa con tre colpi di pistola dal suo ex marito, che aveva lasciato pochi mesi prima. La sua è una storia come tante: quella di una donna che si innamora e sembra vivere una vita di coppia felice, rallegrata dall’arrivo di due figli di cui si occupa a tempo pieno in una piccola cittadina balneare nel nord della Corsica. Una donna che però nasconde a tutti, anche ai suoi genitori, la spirale di violenze che subisce da oltre tre anni, per vergogna e sensi di colpa. Quando riuscirà infine a confidarsi e a cercare aiuto, allontanandosi dal marito violento e ritrovando anche una certa indipendenza economica, sarà ormai troppo tardi. E a nulla sarà servito denunciare sei volte l’ex compagno per minacce di morte, molestie e violenze. L’ultima volta che Julie va dai carabinieri, due giorni prima del suo femminicidio, scopre che tutte le sue denunce sono state archiviate: “Dovrà uccidermi perché mi prendiate sul serio”, dice allora agli agenti, esasperata. Nello stesso ufficio dove si è costituito, subito dopo l’omicidio, il suo assassino, che oggi compare davanti ai giudici per la prima udienza del suo processo. Reo confesso, nega la premeditazione. Anche se gli inquirenti parlano di una vera e propria caccia alla vittima, colpita dall’ultimo proiettile mentre si dissanguava sul balcone di casa, dove aveva cercato rifugio.

Una storia come tante, dicevamo, fin troppo familiare. Ma che in Francia è diventata un simbolo della lotta contro la violenza sulle donne. Il femminicidio di Julie, il trentesimo sui 146 registrati nel 2019, ha commosso profondamente l’opinione pubblica. Le marce bianche organizzate in Corsica e nella città natale della ragazza hanno mobilitato migliaia di persone e sono state uno degli eventi che ha spinto il governo a lanciare una concertazione per stabilire un piano di lotta nazionale contro le violenze sulle donne. Il progetto, che comprende 46 misure tra cui l’uso di braccialetti elettronici anti- avvicinamento, ha segnato una svolta nelle politiche pubbliche ma i progressi concreti sono molto lenti, un anno e mezzo dopo che è entrato in vigore.

Il padre di Julie Douib, intervenuto durante la concertazione e in prima linea nella denuncia dei femminicidi, è sconsolato dalla lentezza con cui cambiano le cose. Ma si dice fiducioso nella giustizia. La speranza è che, tra sei giorni, la sentenza sia non solo esemplare dal punto di vista della pena ma anche un simbolo per tutte le vittime di violenza.
“Il processo che si è aperto oggi e quello che si dirà in aula, spiega il padre di Julie, serviranno agli altri. Sperando che le donne possano denunciare più facilmente, che le si ascolti di più e che forse nel 2021 ne muoiano meno che nel 2020. Sarebbe una piccola vittoria.”

Foto | Ansa

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 21/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 21/10/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 21/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 21/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di gio 21/10/21

    Prisma di gio 21/10/21

    Prisma - 21/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/10/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/10/21

    Il demone del tardi - 21/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 21/10/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 21/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 21/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 21/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 21/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 21/10/2021

  • PlayStop

    The weekly report di gio 21/10/21

    The weekly report di gio 21/10/21

    The Weekly Report - 21/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 20/10/21

    Jazz Ahead di mer 20/10/21

    Jazz Ahead - 21/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 20/10/21

    News Della Notte di mer 20/10/21

    News della notte - 21/10/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 20/10/21

    Gimme Shelter di mer 20/10/21

    Gimme Shelter - 21/10/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 20/10/21

    Il giusto clima di mer 20/10/21

    Il giusto clima - 21/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 20/10/21

    Quel che resta del giorno di mer 20/10/21

    Quel che resta del giorno - 21/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 20/10/21

    1- Il 2021 al nemico di Putin ..L’europarlamento ha premiato Alexei Navalny, personaggio controverso famoso anche per le sue posizioni…

    Esteri - 21/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 20/10/21

    //Lavoro, sofferenza, dimissioni. Dai casi americani a quelli italiani sono soprattutto le scelte individuali - piuttosto che le azioni collettive…

    The Game - 21/10/2021

  • PlayStop

    Tivì ed od tivù

    quando ci facciamo travolgere dallo switch off televisivo, dal bonus per l'efficientamento energetico, dal fascino di Montevideo e dalla profondità…

    Poveri ma belli - 21/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 20/10/21

    Muoviti muoviti di mer 20/10/21

    Muoviti muoviti - 21/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 20/10/21

    Graphic Novel Cassadritta, Covers

    Jack - 21/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 20/10/21

    Di tutto un boh di mer 20/10/21

    Di tutto un boh - 21/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 20/10/21

    Si parla con Sara Epis, docente del Dipartimento di Bioscienze dell'Università degli Studi di Milano e coordinatrice della ricerca sulla…

    Considera l’armadillo - 21/10/2021

Adesso in diretta