Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mer 26/02 delle ore 09:29

    GR di mer 26/02 delle ore 09:29

    Giornale Radio - 26/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 26/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 26/02 delle 07:15

    Metroregione di mer 26/02 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 26/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/02 (seconda parte)

    Prisma di mer 26/02 (seconda parte)

    Prisma - 26/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 26/02 (prima parte)

    Prisma di mer 26/02 (prima parte)

    Prisma - 26/02/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di mer 26/02

    Favole al microfono di mer 26/02

    Favole al microfono - 26/02/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 26/02

    Rassegna stampa internazionale di mer 26/02

    Rassegna stampa internazionale - 26/02/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 26/02

    Il demone del tardi - copertina di mer 26/02

    Il demone del tardi - 26/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 26/02 (terza parte)

    Fino alle otto di mer 26/02 (terza parte)

    Fino alle otto - 26/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 26/02 (seconda parte)

    Fino alle otto di mer 26/02 (seconda parte)

    Fino alle otto - 26/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 26/02 (prima parte)

    Fino alle otto di mer 26/02 (prima parte)

    Fino alle otto - 26/02/2020

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 25/02

    Stile Libero di mar 25/02

    Stile Libero - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (terza parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (terza parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 25/02

    1- Il coronavirus prima della diffusione in Cina. Grazie allo studio del genoma del Covid 19 uno studio italiano è…

    Esteri - 26/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 25/02 (prima parte)

    Ora di punta di mar 25/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 25/02 (seconda parte)

    Malos di mar 25/02 (seconda parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 25/02 (prima parte)

    Malos di mar 25/02 (prima parte)

    MALOS - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 25/02 (seconda parte)

    Due di due di mar 25/02 (seconda parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 25/02 (seconda parte)

    George Harrison, Jackie, Alanis Morisette, Beyonce, Asian Dub Fondation (seconda parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 25/02 (prima parte)

    Due di due di mar 25/02 (prima parte)

    Due di Due - 26/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 25/02 (prima parte)

    George Harrison, Jackie, Alanis Morisette, Beyonce, Asian Dub Fondation (prima parte)

    Jack - 26/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 25/02

    Considera l'armadillo mar 25/02

    Considera l’armadillo - 26/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’ondata populista

Il primo leader nazionale a commentare i risultati delle elezioni regionali è stato Nicolas Sarkozy, capo dei Républicains, che sono in vantaggio in quattro regioni su 13 ma che pagano pesantemente il boom del Front national. Sarkozy ha annunciato che per il secondo turno del 13 dicembre la sua coalizione non farà alleanze strategiche né patti di desistenza con i socialisti per bloccare l’avanzata lepenista.

Al primo turno l’ondata dell’estrema destra nazionalista ha persino superato i sondaggi della vigilia: è in testa in sei regioni su 13. Nel Nord-Pas de Calais-Picardie, dove è candidata Marine Le Pen, e in Provence-Alpes-Côte d’Azur con la nipote ventiseienne Marion Maréchal Le Pen, il partito sfonda il 40 per cento. “È un risultato magnifico”, ha commentato la leader del Front national. “La Francia alza la testa e noi siamo l’unica forza repubblicana a difendere la nazione e la sua sovranità”.

Per il Partito socialista, in vantaggio in sole due regioni, ha parlato il segretario Jean-Christophe Cambadélis, con tono grave: “La gauche farà barrage républicain – ha detto – pur di fermare il Front national”. Vale a dire, decide di ritirarsi dove è arrivata terza e non ha nessuna chance, in particolare nelle due regioni in cui le due Le Pen hanno sbaragliato. Nel Grand Est (Alsace, Champagne-Ardenne et Lorraine) il candidato Ps non vuole seguire l’invito della dirigenza del partito e sembra intenzionato a presentarsi comunque al ballottaggio.

Laddove sono ancora in partita, i socialisti rivolgono un appello a tutte le altre forze di sinistra a unirsi. Cambadélis ha sottolineato che “la sinistra, quando è unita, è la prima forza politica del Paese“. Se infatti si sommano i voti del Partito socialista con quelli delle formazioni più radicali (Front de gauche e Europe-Ecologie-Les Verts), la coalizione supera il 32 per cento su base nazionale. Dal segretario del Ps, un duro attacco alla strategia di Sarkozy: “La storia sarà severa con chi dice: meglio il Front national piuttosto che la sinistra”.

Al primo turno ha votato il 50,5 per cento degli aventi diritto, quattro punti in più rispetto alla precedente tornata regionale.

 

I voti a livello nazionale

FN-Front national; UD-Union de Droite (Les Républicains-centrodestra); UG-Union de Gauche (Parti Socialiste-centrosinistra); FGV-Front de Gauche+Verdi

FN 28,08% (6.002.929 voti)
UD 26,97% (5.765.170 voti)
UG 23,38%  (4.997.763 voti)
FGV 10%
I risultati regione per regione

FN-Front national; UD-Union de Droite (Les Républicains-centrodestra); UG-Union de Gauche (Parti Socialiste-centrosinistra);

Alsace, Champagne-Ardenne et Lorraine

FN 37,58%

UD 25,28%

UG 15,5%

Aquitaine, Limousin et Poitou-Charentes

UG 30,39%

UD 27,19%

FN 23,23%

Auvergne et Rhône-Alpes

UD 31,73%

FN 25,52%

UG 23,93%

Bourgogne et Franche-Comté

FN 31,48%

UD 24%

UG 22,99%

Bretagne

UG 34,92%

UD 23,46%

FN 18,17%

Centre et Val de Loire

FN 30,49%

UD 26,25%

UG 24,31%

Ile-de-France

UD 30,51%

UG 25,19%

FN 18,41%

Languedoc-Roussillon et Midi-Pyrénées

FN 31,83%

UG 24,41%

UD 18,84%

Nord-Pas-de-Calais et Picardie

FN 40,64%

UD 24,96%

UG 18,12% (la lista si ritira per il ballottaggio)

Basse-Normandie et Haute-Normandie

UD 27,91%

FN 27,71%

UG 23,52%

Pays de la Loire

UD 33,49%

UG 25,75%

FN 21,35%

Provence-Alpes-Côte d’Azur

FN 40,55%

UD 26,48%

UG 16,59% (la lista si ritira al ballottaggio)

Corse

Divers gauche (centrosinistra) 18,42%

Régionaliste 17,62%

Républicains (centrodestra) 13,17%

  • Autore articolo
    Valentina Redaelli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni